Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Li ho sentiti ridere, mi hanno fatto piangere”

Maria, tremante nella tua voce, hai detto in onda che anche a scuola sei stata vittima di bullismo. quanti anni avevi ?

Non volendo parlarne allora, mi sono detto, ascoltando tutte queste testimonianze di genitori, bambini e insegnanti, che parlare di bullismo a scuola è importante. Se la mia esperienza poteva aiutare alcuni bambini a (ri)costruirsi, allora dovevo parlarne… È successo tra i miei sette e gli undici anni. Ero una ragazzina timida. E siccome sei ancora alle elementari, le classi non cambiano, quindi le molestie sono andate avanti per tutto questo tempo, con alcuni anni più forti di altri. Ho avuto la fortuna di passare facilmente quando le cose vanno bene e quando le cose non vanno bene. È stata mia madre a salvarmi. Sono andato a parlare con gli insegnanti, cosa che non potevamo fare oggi, i due studenti che mi molestavano. Per fortuna, inoltre, avevo un ottimo amico che mi difendeva e aveva una forte personalità.

Come è stata espressa questa molestia?

Il bullismo è molto insidioso. Ci sono stalker che sono più intelligenti e più insidiosi di altri. A quel tempo succedeva in cortile, ma anche quando dovevo andare alla lavagna in classe li sentivo ridere, mi facevano piangere. Mi indicavano dicendo “Guarda come ti vesti, come ti permetti di uscire così? Io, non voglio essere la tua testa!…”.




Dai video

Fisicamente si sono occupati anche di te?

C’è stata una lotta. Può ferire fisicamente, ma la cosa scioccante è che, a seconda della sensibilità della persona molestata, ciò che accade a livello mentale può ferire tanto quanto il danno fisico. I nomi e i volti di queste due ragazze, non li dimenticherò mai! La cosa scioccante e orribile del bullismo a scuola è che i bambini possono essere predatori e sceglieranno lo studente più debole e vulnerabile. Non capiscono cosa possono fare al cuore di un bambino vittima di bullismo.

Queste molestie ti hanno fatto così star male da non voler più andare a scuola?

Sì, avevo paura di stare male. Avevo un fisico terribile, avevo crampi allo stomaco, mal di testa e mi sono morso le unghie fino a farle sanguinare, non è tutto banale.

È stata tua madre a interferire nella scuola. Come è andata dopo?

Il manager mi ha detto che se fosse successo di nuovo, sarei dovuto venire a parlarle subito. Anno dopo anno, stavo meglio. Ma proverò sempre risentimento per queste due ragazze anche se non ho voglia di vendetta, ho appena imparato a non contarle.

Ma hai mantenuto le sue sequele?

Certo, è una cosa indelebile, che mi ha lasciato fragile per sempre. Di fronte agli haters sui miei social – fortunatamente spesso con la carità – questa parte della mia infanzia si sta risvegliando. Non capirò mai – per non parlare di essere un adulto – come puoi divertirti a deludere le persone!

Purtroppo, e ancor di più oggi con il peso delle reti, sempre più bambini vengono molestati e alcuni no…

sì. In quel momento, quando siamo tornati a casa, abbiamo chiuso a chiave la porta e le molestie non sono avvenute. Oggi segue lo studente ovunque, anche nella sua stanza che dovrebbe essere un bozzolo. Potresti avere genitori amorevoli, ma questo malessere ti invade anche a casa. Ed è molto più facile criticare sulle reti, soprattutto sui bambini. Anche tutti hanno un ruolo da svolgere: no, non è una buona idea farsi coinvolgere o chiudere un occhio quando un amico viene molestato!

Parlando aiuti genitori e figli…

Mi dava fastidio da molto tempo e mi chiedevo cosa posso fare di buono quando tutti questi ragazzi vengono a trovarmi? Ho guardato i link e soprattutto le parole di Tom. Questi sono i genitori che hanno creato questo legame dopo aver scoperto un messaggio dal loro figlio vittima di bullismo, Tom. Ma era già troppo tardi. Come genitore, è impossibile non sentirsi in colpa eppure non possiamo farci nulla. A volte diciamo che una bambina è timida, è un’adolescente ma apri il dialogo

La porta può essere lasciata aperta al bambino. Dopo lo spettacolo di giovedì, una mamma ci ha scritto: “Grazie, mia figlia ha osato parlare”. Ecco perché lo faccio. Quando sento la storia di Louis, che è stato vittima di bullismo a scuola, e che è finito in tribunale perché la scuola non ha fatto nulla per aiutarlo, mi spavento!

Continuerai a lavorare in questa direzione, ad esempio con le associazioni?

Sì, vorrei poter andare nelle scuole per parlarne, per far passare il messaggio. Sii presente in campo!

READ  Dopo aver rinnovato le riprese, Anisha sorprende i netizen! (immagine)