Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inventore del simbolo ‘Z’ e della propaganda malata, il militare russo Igor Mangushev: ‘Berremo dal suo cranio’

In un videoclip diffuso sui social media, possiamo vedere Igor Mangushev che tiene in mano un teschio umano. Fa un discorso agghiacciante in quella che sembra essere una discoteca: “Siamo vivi e questo ragazzo è già morto. Lascialo bruciare all’inferno. Non è stato così fortunato. Berremo dal suo cranio.”Inizia prima di chiarire che la pace con l’Ucraina non è possibile: “Non siamo in guerra con persone in carne e ossa. Siamo in guerra con l’idea che l’Ucraina sia un Paese ostile alla Russia. Non può esserci pace. Dobbiamo rimuovere l’Ucraina dall’Ucraina. Territori “Lui dice. “Questa è la tragedia dei soldati ucraini. Non importa quanti morti”ha continuato.

Qualcuno tra la folla lo sfida: “Sei sicuro che non sia un civile?”

No, l’abbiamo ucciso noi stessi.Mangoshev conferma. Secondo quest’ultimo, il soldato sarebbe stato ritrovato nei pressi dello stabilimento Azovstal di Mariupol, teatro di violenti scontri.

Dopo essere stato allertato, il difensore civico per i diritti umani del parlamento ucraino, Dmytro Lubinets, ha rapidamente segnalato le foto alle Nazioni Unite. “I russi, attraverso la loro propaganda, continuano a disumanizzare il popolo ucraino, a giustificare i massacri di civili e la distruzione degli insediamenti”.reclamo.

Inoltre, Igor Mangushev non è solo un soldato. Fa parte del terribile Gruppo Wagner che paga il Cremlino. È stato anche citato in un articolo sulla rivista russa “Novoje Vremja” che ha vinto l’European Press Prize 2014. Questo articolo tratta delle atrocità dell’organizzazione nazionalista ENOT nel Donbass. Mangushev era a capo delle truppe inviate lì.

Questo soldato di 36 anni è stato l’origine del famoso simbolo “Z” utilizzato dalle forze armate russe, in particolare nei loro veicoli per distinguerli da quelli in Ucraina. Lo ha in ogni caso annunciato Medusa lo scorso maggio.

READ  L'Italia richiede di indossare una mascherina all'estero