Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo aver denunciato la guerra in Ucraina, un soldato russo chiede asilo in Francia: “Corruzione e disordini sono andati oltre i limiti dell’accettabile”

Il soldato 34enne è arrivato domenica a Roissy attraverso la Tunisia e lunedì ha incontrato gli agenti dell’Ufficio francese per la protezione dei rifugiati e degli apolidi (OFRA).

“Pavel Filatyev è stato rilasciato (martedì) alla fine del pomeriggio”, ha detto l’avvocato di Pavel Filatyev all’AFP, aggiungendo che aveva otto giorni per presentare la sua domanda di asilo. “Siamo felici di questa decisione e nei prossimi giorni presenteremo una domanda di asilo politico”, ha aggiunto.

la ragione ? All’inizio di agosto il paracadutista, arruolato nuovamente l’anno scorso nel 56° reggimento delle forze aviotrasportate di stanza in Crimea dopo aver lasciato per qualche tempo i ranghi dell’esercito, ha pubblicato sul social network VKontakte un account di 141 pagine in cui denuncia . Lo stato delle forze russe e la guerra in Ucraina.

“Quando ho saputo che l’ordinanza mi chiedeva di essere condannato a quindici anni di reclusione per false informazioni (contro l’esercito russo, una nota del redattore), mi sono reso conto che qui non avrei ottenuto nulla e che i miei avvocati non potevano fare niente per me dell’Afp “che l’ha incontrato lunedì nell’area di attesa dei richiedenti asilo a Roissy”.

Il suo testo, intitolato “ZOV” – che in russo significa “comunicazione” e allo stesso tempo richiama i messaggi disegnati sui carri armati russi in Ucraina – critica l’offensiva iniziata il 24 febbraio.

“Non avevamo alcun diritto morale di attaccare un altro Paese, e questo è il popolo a noi più vicino”, scrive in questa storia il soldato, figlio di un soldato che prestava servizio nello stesso 56° Reggimento.

“Corruzione” e “Non mi interessa”

Raffigura l’esercito russo a brandelli, a malapena equipaggiato e privo di addestramento, “nelle stesse condizioni in cui è diventata la Russia negli ultimi anni”.

READ  "È questo protocollo?" Un ragno vaga sulla bara della regina Elisabetta II (video)

“Di anno in anno, il mercato e la corruzione diventano sempre più vettori”, spiega Pavel Filatev. E aggiunge: “Corruzione, caos, non mi interessa. Sei andato oltre i limiti dell’accettabile”, ricordando di essere rimasto subito deluso dopo aver firmato il contratto.

“I primi mesi sono rimasto scioccato. Mi sono detto + questo non è possibile +, e alla fine dell’anno ho capito che non volevo prestare servizio in un tale esercito”, ha ammesso il soldato.

Tuttavia, non si dimette e si ritrova in prima linea una volta avviata quella che il Cremlino chiama “operazione speciale”. Con il suo reggimento si recò prima a Kherson e poi a Mykolaiv, due città sulle rive del Mar Nero.

“Se in tempo di pace l’esercito è davvero corrotto e corrotto e non mi interessa, è chiaro che in tempo di guerra e combattimenti apparirà di più e la mancanza di professionalità diventerà più evidente”, ha detto. Considerando che il governo russo ha svolto un ruolo importante nel “distruggere l’esercito ereditato dall’Unione Sovietica”.

“È difficile partire”

Dopo due mesi di combattimenti durante i quali ha affermato che il suo battaglione non aveva commesso alcuna estorsione contro civili o prigionieri, Pavel Filitayev è stato evacuato a causa di una ferita all’occhio destro e portato in ospedale a Sebastopoli, in Crimea.

Cerca di dimettersi per motivi di salute, ma la sua gerarchia gli chiede di tornare al fronte e minaccia di aprire un’indagine contro di lui se non lo fa.

All’inizio di agosto ha lasciato la Crimea e ha pubblicato le sue memorie su Internet. Dopo aver vagato di città in città in Russia per evitare di essere scoperto, alla fine ha lasciato il paese.

READ  Guerra in Ucraina: 42 paesi chiedono la partenza delle truppe russe dalla centrale di Zaporizhia

“Perché dico tutto questo in dettaglio? Voglio che la gente in Russia e nel mondo capisca come è avvenuta questa guerra, perché la gente continua a combatterla”, dice Pavel Filatev. “Non perché vogliano combattere, ma perché si trovano in circostanze tali che è difficile per loro andarsene”.

“I militari, come la società russa, sono terrorizzati”, dice, stimando che solo il 10% dei soldati sostiene la guerra, mentre la maggior parte dei soldati ha paura di parlare. “Chi si oppone alla guerra ha paura di dirlo e di andarsene, temendo le conseguenze”.

Se ottiene lo status di rifugiato, dice, vuole trasferirsi “per assicurarsi che questa guerra finisca”. “Voglio che il minor numero possibile di giovani russi vada lì e siano coinvolti in questo, per vedere cosa sta succedendo lì”.