Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’iniziativa del centro per cercare di ridurre i costi sanitari – rts.ch

L’iniziativa del centro per cercare di ridurre i costi sanitari – rts.ch

Il 9 giugno il popolo svizzero ha votato su due iniziative volte a ridurre l’aumento dei premi dell’assicurazione sanitaria. Questo centro prevede di contenere la spesa incoraggiando le autorità ad adottare misure in caso di aumento significativo dei costi.

L’iniziativa del Centro “Per ridurre i premi nel sistema sanitario”.Iniziativa per la riduzione dei costi)” chiede l’introduzione di un controllo dei costi nell’assicurazione malattie obbligatoria e vuole porre fine agli ostacoli alle riforme.

La Confederazione e i Cantoni saranno incoraggiati ad adottare misure, in coordinamento con gli attori del sistema sanitario, quando i costi sanitari aumentano troppo rispetto all’evoluzione dei salari. Questo sarebbe il caso se l’aumento dei costi per assicurato fosse superiore di un quinto all’andamento dei salari nominali e se i partner per i prezzi – Cantoni, ospedali, professioni mediche, casse malati e industria farmaceutica – non effettuassero misurazioni a tale livello tempo.

Tali misure dovrebbero entrare in vigore l’anno successivo. Il Parlamento deve specificare per legge in che misura i costi potrebbero aumentare a lungo termine. Il testo dell’iniziativa non specifica la forma esatta del controllo dei costi e le misure da adottare.

I sostenitori vogliono più trattamenti ambulatoriali

Il centro ha presentato la sua iniziativa nel 2020. Dice che molte proposte di risparmio nel settore sanitario sono note da molto tempo. Si tratta ad esempio dei costi dei medicamenti, che in Svizzera talvolta costano cinque volte di più che all’estero e che per gli assicurati ammontano a 400 milioni di franchi all’anno.

Secondo gli autori dell’iniziativa, aumentando il numero dei trattamenti ambulatoriali anziché quelli ospedalieri si potrebbe risparmiare ogni anno un ulteriore miliardo di franchi.

READ  Vandea Francia Salute. Comunicato stampa del PCF Vendée 85 sul sistema sanitario (redazione di Les Sables-d'olonne)

Il partito ritiene che “con i costi sotto controllo, la pressione spetta a noi affinché agiamo finalmente”. Tutte le parti interessate devono assumersi la responsabilità dell’evoluzione dei costi. Gli scarsi incentivi e i fattori di costo del sistema sanitario devono essere affrontati in modo strutturale.

>> Consultate il forum di discussione con Charles Guillard (Centro/JU), Verena Nolde (direttrice santésuisse), Philippe Eggemann (vicepresidente FMH) e Cyril Ihlen (PLR/GE):

Il grande dibattito: dovremmo limitare i costi dell’assistenza sanitaria? /Foro / 33 minuti. / Martedì alle 18:00

Gli oppositori condannano il meccanismo perché troppo “rigido”.

Consiglio federale, Parlamento e Cantoni comprendono l’importanza del controllo dei costi, ma respingono questa iniziativa. Criticano il legame esclusivo tra il meccanismo del freno e lo sviluppo dell’economia e dei salari, che considerano troppo breve e troppo rigido. Inoltre, i freni non tengono conto di fattori come il cambiamento demografico e i progressi tecnologici.

Gli oppositori sono favorevoli alla controproposta indiretta del Parlamento, che entrerebbe in vigore se l’iniziativa fosse respinta. Ciò fornisce misure più mirate. Al centro di tutto questo c’è l’introduzione di obiettivi di controllo dei costi dei servizi, che vengono rivisti ogni quattro anni. Anche i Cantoni possono fissare i propri obiettivi in ​​termini di costi e qualità.

Il comitato trasversale che si oppone all’iniziativa del Centro di “riduzione dei costi” ha messo in guardia dal pericolo di una “doppia medicina” se il testo verrà accettato il 9 giugno. Preferisce anche il progetto del Parlamento, che entrerà in vigore se respinto.

Mentre all’inizio di marzo quasi tre svizzeri su quattro si erano dichiarati favorevoli all’iniziativa “limitare i costi”, questo testo ha riunito quasi tutti i partiti contrari: dalla CDU ai Verdi passando per il PLR e il Partito dei Lavoratori . Nota – nonché associazioni di infermieri e medici di famiglia. Secondo loro, un “sì” a questa iniziativa significa che nei prossimi 20 anni i pazienti dovranno pagare di tasca propria una visita medica su tre.

READ  Questo uccello è metà maschio e metà femmina e gli scienziati lo hanno appena scoperto

Ritengono che il meccanismo che collega la spesa sanitaria allo stipendio sia “ridicolo”, perché la spesa sanitaria sarà limitata in base alla situazione economica. La commissione si rammarica inoltre che questa riduzione dei costi non tenga conto di fattori quali l’invecchiamento della popolazione e i progressi della medicina.

jfe