Giugno 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’India recupera tutto il suo oro

L’India recupera tutto il suo oro


Sam 1 giugno 2024 ▪
8
Lettura dei minuti ▪ Di
Nicola T.

Nuova Delhi ha recuperato il suo oro dall’Inghilterra, segno che un nuovo ordine monetario internazionale è in fase di realizzazione. Bitcoin in agguato.

L’India recupera il suo oro

La Reserve Bank of India (RBI) ha trasferito 100 tonnellate di oro dalla sua ex colonia. L’ultimo trasferimento di oro di questa portata nella direzione opposta risale al 1991.

L’India vuole ufficialmente risparmiare sulle tariffe di deposito attualmente pagate alla Banca d’Inghilterra. Ufficiosamente, le tensioni geopolitiche stanno peggiorando.

Questa golosità d’oro non si limita all’India. Gli acquisti di oro da parte delle banche centrali hanno recentemente raggiunto i massimi storici.

Secondo il World Gold Council, la Cina ha messo le mani su questa faccenda 225 tonnellate di oro nel 2023, ovvero circa un quarto delle 1.037 tonnellate acquistate da tutte le banche centrali. I seguenti sono i maggiori detentori di oro:

USA: 8.133 tonnellate; Germania: 3.352 tonnellate; Italia: 2451 tonnellate; Francia: 2436 tonnellate; Russia: 2.332 tonnellate; Cina: 2262 tonnellate; Svizzera: 1040 tonnellate; Giappone: 845 tonnellate; India: 822 tonnellate; Paesi Bassi: 612 tonnellate; Turchia: 570 tonnellate; Taiwan: 423 tonnellate; Portogallo: 382 tonnellate, ecc.

Le banche centrali possiedono il 17% dell’oro totale mondiale (36.700 tonnellate). Sono diventati nuovamente acquirenti netti dal 2010, in reazione all’allentamento quantitativo della Fed.

La Reserve Bank of India ha ripreso ad accumulare oro dal dicembre 2017. L’oro rappresenta quasi il 10% delle sue riserve valutarie totali. Questo valore è inferiore alla media globale stimata da JP Morgan pari a circa il 20%.

fonte : JP Morgan

Standard aurei

La Banca dei Regolamenti Internazionali afferma di voler diversificare le proprie riserve, proteggersi dall’inflazione e mitigare i rischi valutari. Una decisione saggia se vediamo cosa è successo ai 250 miliardi di euro e dollari delle riserve valutarie russe…

READ  Baojun Yep, il piccolo SUV elettrico cinese, è stato lanciato con un prezzo di 10.500 euro

Tuttavia, non è un segreto che i BRICS abbiano l’ambizione di de-dollarizzare il proprio commercio. Qualsiasi paese che desideri aderire al club deve presentare le proprie credenziali. Ad esempio, il candidato tailandese ha recentemente firmato un accordo per abbandonare il dollaro nei suoi scambi commerciali con la Cina. La Nigeria e l’India hanno fatto lo stesso una settimana fa.

L’obiettivo nascosto è privare gli Stati Uniti dei suoi esorbitanti privilegi. L’ultimo motivo è che il dollaro è la moneta internazionale per eccellenza. Questa concessione fu suggellata dalla Seconda Guerra Mondiale (accordi Bretton Woods/Gold Standard) e poi dal petrodollaro.

La fine del gold standard nel 1971 avrebbe potuto scavare la tomba del dollaro. Ma Washington è riuscita a mantenere il proprio dominio monetario costringendo i paesi dell’OPEC a vendere il proprio petrolio in dollari. Questo è il famoso “sistema del petrodollaro”.

Questo sistema ha beneficiato “10.000 miliardi di dollari sono caduti dal cielo” Secondo Vladimir Putin. Il motivo è che le banche centrali accumulano riserve in dollari sotto forma di buoni del Tesoro (debito statunitense). Il risultato è un dollaro artificialmente forte che consente agli Stati Uniti di importare molto più di quanto esportano. Questo è il “Un privilegio esorbitante.”

Non per molto tempo. La Cina ha ceduto altri 50 miliardi di dollari in titoli del Tesoro nel primo trimestre. L’Arabia Saudita non era esclusa. La dimensione del suo fondo sovrano è appena diminuita 41% Il suo portafoglio di azioni statunitensi.

Crepuscolo del dollaro

La Federal Reserve Bank di New York ha recentemente cercato di rassicurarlo Blog. Ciò indica che la maggior parte delle riserve valutarie globali è ancora costituita da dollari. Possiamo leggere che il calo della quota del dollaro nelle riserve valutarie globali sarà solo il risultato di “Un piccolo gruppo di paesi (Cina, Russia, India, Turchia in testa)”.

Tuttavia, questo “piccolo” gruppo rappresenta circa il 40% della popolazione mondiale… non ultimo. Nel 1995 il PIL del Giappone era 15 volte quello dell’India. I due paesi sono ormai vicini. E non parliamo dei circa 30 paesi che vogliono aderire ai BRICS.

READ  Fai attenzione a questa truffa se fai acquisti in Francia

Il dollaro rappresenta probabilmente solo il 54% delle riserve valutarie globali (equivalenti a 12,332 miliardi di dollari secondo le stime della Banca Mondiale). la mia bocca). Questo era superiore all’80% durante l’era del gold standard.

Il ministro degli Esteri indiano Subrahmanyam Jaishankar, “L’egemonia americana, iniziata dopo la fine della Guerra Fredda, è finita”.

Ex capo della diplomazia di Singapore George Yu Non ha detto altro sull’esorbitante privilegio: “Puoi stampare dollari, ma un giorno non potrai più farlo e dovrai scegliere tra produrre armi o produrre burro. L’evento principale sarà il crollo della sovranità del dollaro. Sappiamo tutti che ciò accadrà accadere, perché è una situazione anomala”.

Anche gli americani affrontano i fatti. Ex membro del Congresso e candidato alla presidenza degli Stati Uniti Ron Paolo penso che “Il dollaro verrà rifiutato come valuta di riserva internazionale durante la prossima crisi economica”.

Power Rangers

L’interruzione del finanziamento del debito statunitense avrà un forte impatto sul tenore di vita degli americani. Il calo del dollaro porterà all’inflazione per tutti i prodotti importati.

Ma la domanda è: con cosa intendono sostituire il dollaro i BRICS? Mantenere l’oro in riserva è una cosa, effettuare pagamenti internazionali è un’altra. Gli Stati Uniti hanno già minacciato la Cina di “disaccoppiamento dal dollaro” (dalla rete SWIFT).

Ovviamente, l’oro non può essere scambiato a livello internazionale con il petrolio. Sentiamo spesso parlare di una valuta costituita da un paniere di valute che circolano attraverso una rete di valute digitali delle banche centrali. Come dice Saif al-Din Ammous. “Non funziona in questo modo. Non siamo Power Rangers.”

Bitcoin

Anche gli Stati Uniti dovranno accettare questa valuta. Tuttavia, è una scommessa sicura che preferirebbero ridurre le importazioni dalla Cina. Ci troveremo ad affrontare la frammentazione dei sistemi di pagamento che andrà di pari passo con il declino della globalizzazione.

READ  Salmonella alla fabbrica di Barry Callebaut: l'origine dell'inquinamento noto

Forse l’Occidente accetterà di giocare su un piano di parità. Ciò richiederà una moneta che funga da valuta di riserva e allo stesso tempo da sistema di pagamento dal quale nessuno può essere escluso.

Stiamo parlando di Bitcoin, l’unica moneta che esiste in quantità del tutto limitata e le cui transazioni non possono essere censurate finché ci sono miner sparsi ai quattro angoli del mondo.

Questo è il Bitcoin che i BRICS dovrebbero abbracciare durante la prossima grande crisi economica. Il leggendario investitore Peter Brandt prevede che il prezzo del Bitcoin aumenterà del 340% rispetto all’oro entro 18 mesi…

Ottieni il massimo dalla tua esperienza su Cointribune con il nostro programma Leggi per guadagnare! Per ogni articolo che leggi, guadagna punti e ricevi premi esclusivi. Registrati ora e inizia a ottenere i vantaggi.

Clicca qui per iscriverti al programma Read to Earn e trasforma la tua passione per le criptovalute in premi!

Avatar per Nicholas TAvatar per Nicholas T

Nicola T.

Bitcoin riporta: “La dea della saggezza, nutrendosi del fuoco della verità, diventa sempre più intelligente, più veloce e più forte dietro un muro di energia crittografica”.

Disclaimer

I commenti e le opinioni espressi in questo articolo sono esclusivamente quelli dell’autore e non devono essere considerati consigli di investimento. Fai le tue ricerche prima di prendere qualsiasi decisione di investimento.