Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inclusione dei marocchini che vivono all’estero nell’assistenza abitativa sta andando male

L’inclusione dei marocchini che vivono all’estero nell’assistenza abitativa sta andando male

Al 5 gennaio, il 24% dei 7.961 registrati per ricevere assistenza abitativa sono marocchini residenti all'estero. Il nuovo programma di assistenza abitativa diretta lanciato dal re Mohammed VI per sostituire il programma di appartamenti da 250.000 dirham sta suscitando l'interesse dei marocchini che vivono all'estero. Beneficeranno di tale assistenza solo i marocchini residenti in Marocco o all'estero, che non sono proprietari di immobili in Marocco e non hanno mai beneficiato dell'aiuto abitativo. Ma l’inclusione dei MRE nel programma suscita un acceso dibattito.

Da leggere: Assistenza abitativa: successo con gli studenti MRE

Su Internet compaiono critiche e domande tra gli internauti marocchini. Alcuni ritengono che la soluzione ideale sia quella di escludere dal programma i marocchini residenti all'estero o di rendere i marocchini residenti in Marocco gli unici beneficiari. Altri sono preoccupati dall’idea che gli alloggi acquistati dai marocchini che vivono all’estero nell’ambito di questo programma alimenteranno il mercato nero, portando ad un’esplosione dei prezzi degli affitti. Ma secondo il Ministero dell'Edilizia, una volta proprietario, residente o non residente, l'interessato non può affittare il suo immobile, né utilizzarlo professionalmente. I residenti all'estero saranno tenuti a mantenere questa residenza per 5 anni come residenza principale nel Regno. Possono anche metterlo a disposizione gratuitamente a beneficio dei loro coniugi, ascendenti o discendenti diretti.

Da leggere: Assistenza abitativa in Marocco: termini e condizioni delle borse

“In linea di principio si tratta di assistenza abitativa per le persone più svantaggiate. Integrare i MRE equivale a vanificare lo scopo. Le persone non sono contrarie ad aiutare le madri, sono contrarie a deviare gli aiuti a beneficio di altre persone non destinate a loro”, ha commentato un netizen Informazioni H24. « […] Non so se i MRE siano anche economicamente qualificati, perché questo tipo di alloggio è il più pericoloso. Non conosco nessuna famiglia MRE che vive con 500 euro al mese e la gente del posto ha spesso questo tipo di reddito. “Per aumentare le vendite di 1 e 2, tutti gli MRE aspirano a tornare nel paese almeno un giorno dopo il pensionamento. Quindi in realtà non capisco alcuni commenti…”, si è arrabbiato l'utente X.

READ  I dipendenti Aldi di Libramont arrestano tre rapinatori inseguendoli nel parcheggio