Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Liberi professionisti soffocati dai prezzi alti del carburante: “Falso aumento!”


Un conducente che riempie 50 litri tre volte alla settimana sostiene un costo aggiuntivo di circa 4.000 euro l’anno rispetto a maggio 2020.

Dalla fine del contenimento di marzo-aprile 2020, i prezzi del carburante hanno mostrato un massiccio aumento che li ha spinti a livelli record. Ciò indica che la soglia dei 2 euro al litro potrà essere superata nei prossimi mesi. Oggi il prezzo massimo del diesel è fissato a 1.768 euro/litro. Si tratta di un aumento del 44% da aprile 2020. Il costo di 50 litri pieni è ora di 88 euro, rispetto ai soli 61 euro del 2020.

Un costo insostenibile per le famiglie. Ma ancora di più per le imprese e i lavoratori autonomi la cui auto è di per sé uno strumento di lavoro che deve fare rifornimento più volte alla settimana: infermieri a domicilio, autoscuole, fattorini e taxi, tra gli altri, vedono letteralmente esplodere i loro budget di carburante. . Il lavoratore autonomo che oggi fa tre otturazioni da 50 litri a settimana vedrà la sua bolletta annuale aumentare di 4.000 euro all’anno, con prezzi finalmente stabilizzati. “Le imprese e i liberi professionisti stanno soffocando a causa di questo aumento dei prezzi, afferma Arnaud Deblay, segretario generale della Confederazione dei sindacati. Per i lavoratori autonomi il cui veicolo è uno strumento di lavoro, le posizioni fisse vengono gonfiate a tal punto da non poterle trasferire ai propri clienti a rischio di perderle”.

(…)

READ  Bitcoin (BTC) ed Ether (ETH) continuano a consolidarsi: è in arrivo un nuovo ATH?