Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tensioni nella distribuzione: “Il più grande concorrente di Colruyt non è Delhaize o Carrefour, è lo stato belga”

Tensioni nella distribuzione: “Il più grande concorrente di Colruyt non è Delhaize o Carrefour, è lo stato belga”

Lo sciopero continua in molti negozi integrati Delhaize, ma anche le riaperture sono legate. Dopo più di un mese di azione sociale, è difficile sapere quale sarà la svolta degli eventi. Perché questo sciopero è costato a Delhaize milioni di euro, ma non deve spingere la dirigenza del gruppo a fare marcia indietro. “Delhaize non si tirerà mai indietroconferma Pierre-Alexandre Billet, CEO di Gondola. Impossibile dopo questo annuncio. Dovremmo aspettarci grandi annunci? Penso che non ci sarà niente di speciale, no. Questo può essere scioccante, ma credo che i negozi apriranno gradualmente e i clienti riprenderanno le loro abitudini. Delhaize riacquisterà la sua posizione a poco a poco, anche se il bilancio dell’anno subisce un duro colpo a causa di questo sciopero per diverse settimane.

Tuttavia, i sindacati affermano di essere pronti ad andare fino in fondo per dissuadere Delhaize. Prova di ciò è questo nuovo lavoro nei Paesi Bassi mercoledì. “Penso che tutti si stiano gradualmente rendendo conto che devi affrontare la realtà. Allora cosa intendiamo con “andremo fino alla fine”? chi siamo noi’? solo sindacati? anche il personale? Penso che i sindacati vogliano raggiungere determinati obiettivi, ma il fatto della distribuzione di massa è noto a tutti. Dovremo abituarci a questa nuova realtà, e la grande lezione del Covid è che i belgi si adattano molto velocemente alla nuova realtà.Lui continuò.

Un intero settore è in crisi

Perché se si parla tanto di Delhaize per un mese, è solo la punta dell’iceberg. Un intero settore è in condizioni critiche. “Delhaize non è l’unica nella situazione, ma al momento è l’unica a rispondere con una soluzioneLui dice. Da parte sua, Colruyt è impegnato a proporne un’altra, con la volontà di unire commissioni miste. Potrebbe avere senso, ma il tempismo non è perfetto.

READ  Una vittoria finale imminente per Ripple?

Oltre al tempismo, c’è spazio di manovra anche per il gruppo Colruyt – belga al 100% – ed è limitato. “Colruyt è chiaramente il gruppo più ostacolato dalla situazione attuale, anche se li sentiamo meno. In termini di ottimizzazione fiscale, è Colruyt che ha le probabilità più basse perché è belga al 100%. Ma sono anche arrivati ​​troppo tardi con le soluzioni. Avrebbe dovuto essere trovato 7 anni fa, quando Delhaize fu catturato dagli olandesi. Sorprendentemente, il Colruyt dominato dai belgi. Laddove altri fondi possono migliorare la loro posizione di trading scommettendo sul mercato internazionale, Colruyt non può farlo.

Quindi non dovremmo aspettarci che Colruyt affidi i suoi negozi in franchising? “Delhaize offre una risposta che Colruyt non può, perché non è in grado di concedere in franchising i suoi negozi. Inoltre, Colruyt è soggetta al 100% alla legislazione belga: il costo del personale è più alto del 30%, gli acquisti di prodotti dall’estero sono più alti, le tasse sono più pesanti e il modello è troppo piccolo per attaccare il mercato estero.

Lo stato non può tassare le multinazionali?

L’esperto non ci va comunque. “Il più grande concorrente di Colruyt non è Delhaize o Carrefour, è lo stato belga. C’è una totale mancanza di conoscenza del settore che incide sull’occupazione e sui consumi. Il governo non può tassare le multinazionali, e quanto votato dalla Commissione Europea è uno scherzo. Recupereremo 200 milioni secondo i loro calcoli, ma è irrisorio. Pertanto, il governo impone in modo inequivocabile e irrevocabile tasse che non può imporre alle società nazionali, come Colruyt.

READ  Il G7 attuerà "urgentemente" il tetto ai prezzi del petrolio russo

Chi può dire che Colruyt debba temere per il suo futuro? “Colruyt è in piena mutazione e vulnerabilità. Non possiamo ancora dire che siano in una posizione debole, ma quando si passa da un utile di 1 miliardo a una perdita di 500 milioni in un anno la situazione si complica. Non dovrebbero perdersi l’un l’altro e alcuni momenti scelti male possono essere fatali.