Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'FBI scrive ai passeggeri del volo Alaska Airlines: “Sei una potenziale vittima di un crimine”

L'FBI scrive ai passeggeri del volo Alaska Airlines: “Sei una potenziale vittima di un crimine”

Come si spiega questo incidente senza precedenti? Secondo i primi elementi dell'indagine, quattro bulloni destinati a fissare il “sigillo della porta”, una piastra che copre l'apertura di un'uscita di emergenza opzionale, non erano stati installati quando l'aereo lasciò lo stabilimento di assemblaggio della Boeing a Renton. Ciò potrebbe causare la rottura del pannello. L'FBI di Seattle va oltre. In una lettera, copiata al Seattle Times, la principale agenzia di polizia federale della nazione ha avvertito tutti i passeggeri di un volo Alaska Airlines che potevano essere a rischio. “Potenziali vittime del crimine”

“In qualità di specialista in vittime della Divisione di Seattle, ti sto contattando perché ti abbiamo identificato come potenziale vittima di un crimine.” Leggiamo nel messaggio. “La questione è attualmente oggetto di indagine da parte dell'FBI.” Continua il Corriere. “Un'indagine penale può essere un'impresa lunga e, per una serie di ragioni, non possiamo parlare con voi dei progressi in questo momento.”.

La misteriosa morte di un informatore, nuovi incidenti e un'indagine allarmante: la Boeing è precipitata nella crisi

Ricordiamo che già a febbraio il Ministero della Giustizia aveva aperto un'indagine sull'incidente e sul caso Boeing. Recentemente sono state inoltre inviate citazioni in giudizio per cercare documenti e informazioni che potrebbero essere rilevanti per Boeing e il suo fornitore Spirit AeroSystems Holdings.

Io e i miei clienti accogliamo con favore l'indagine del Dipartimento di Giustizia. Il signor Lindquist, uno degli avvocati dei passeggeri, ha detto alla CNN. Vogliamo risposte. NOVogliamo aerei Boeing più sicuri. L’indagine condotta dal Ministero della Giustizia ci aiuta a raggiungere i nostri obiettivi”.

Questo nuovo episodio arriva nello stesso momento in cui Boeing annunciava che avrebbe registrato ingenti perdite nel primo trimestre, soprattutto dopo l'incidente avvenuto presso l'Alaska Airlines. Queste perdite saranno in parte dovute al risarcimento pagato alle compagnie aeree proprietarie del Max 9, rimasto a terra per tre settimane dopo l’incidente. Ben Minicucci, amministratore delegato di Alaska Airlines, ha detto agli investitori il mese scorso che l'incidente era costato alla sua azienda circa 150 milioni di dollari e che si prevedeva che sarebbe stato rimborsato dalla Boeing.

READ  Informazioni RTL - Buono a sapersi: non aggiungere mai carburante dopo che la pompa ha "cliccato".