Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'ex alcolizzato Pierre Joseph testimonia di aiutare gli altri: “La dipendenza è una lotta quotidiana”

L'ex alcolizzato Pierre Joseph testimonia di aiutare gli altri: “La dipendenza è una lotta quotidiana”

Pierre Joseph, un ex alcolizzato, ha attraversato un percorso a ostacoli per superare la sua dipendenza. Oggi garantisce di aiutare le persone che, come lui, hanno perso la testa dopo un consumo eccessivo di alcol. Le Tournaisien ha inoltre creato un'organizzazione no-profit per accompagnarli nel percorso di reinserimento professionale.

Pierre-Joseph, residente a Molde (Tournai), è un ex alcolizzato. Il 56enne direttore di una società di consulenza aziendale condivide la sua esperienza nel mettere in guardia contro l'alcolismo e nell'offrire soluzioni.

Per questo padre, le conseguenze dell'abuso di alcol sono intervenute nella sua vita circa trent'anni fa.

“Questi sono ricordi piuttosto dolorosi. L'alcolismo è entrato nella mia vita abbastanza tardi, intorno ai 23-24 anni. Ci sono volute molte interferenze da parte dei miei amici e qualche litro di whisky finché non mi è stato detto che 'potrebbe essere una buona idea'”. a “Mi controllo. Un amico mi ha preso per mano e mi ha portato al mio primo trattamento di disintossicazione presso il Centro Psichiatrico di Tournai.”

Questa è la sua storia raccontata dall'interno, tra ripresa, battute d'arresto e senso di sollievo.

“La dipendenza è una lotta quotidiana. Beviamo perché ne abbiamo bisogno. Quando beviamo troppo, vomitiamo, perché il corpo non lo accetta più. Non finiamo di vomitare finché non cerchiamo qualcosa da bere. “La dipendenza è quando ti svegli cercando solo una cosa: l'alcol. È uscire in cerca di alcol. Facendo così perdiamo tutti i valori e molte connessioni. Quando ricordo questo periodo, sento ancora “dolore fisico e morale. Non ci piace molto quello che vediamo allo specchio. La prima persona che disprezziamo siamo noi stessi. E negli occhi degli altri vediamo lo stesso disprezzo. Questo è una delle grandi difficoltà.”

Tra la prima disintossicazione e l'ultima goccia di alcol sono passati 12 anni. Pierre-Joseph dice che ha dovuto “ricostruire tutto”. Lontano dalla famiglia, dagli amici e dal mondo professionale, ora misura quanto è arrivato lontano nel trovare una vita “equilibrata”.

READ  Lisa deve essere in terapia.

“L'alcol ha avuto conseguenze molto gravi sulla mia salute e sulla mia vita sociale. Era molto logico che i miei amici se ne andassero e ho avuto la fortuna di ritrovare la maggior parte di loro. Per quanto riguarda la mia famiglia, la stessa cosa. Ma ho avuto la fortuna di avere una madre che si è assicurata che tutta la mia vita fosse ospitata e nutrita.” Lui dice.

“Le conseguenze per la mia vita? Solitudine, fallimento, niente più carriera e quindi niente più reddito, niente felicità, niente speranza, sogni, ma sempre l'impressione che tutto sia irraggiungibile. Questo è il peggiore. Ho iniziato a vivere 12 anni fa perché “non ho più molta scelta. Non so più come nutrirmi. Lavarsi e spostarsi era complicato. In 12 anni ho vissuto 12 battute d’arresto. “Ogni battuta d'arresto era un po' più pesante.”

Nel 2012, ha cliccato. Pierre-Joseph si concesse un ultimo drink in un bar. “Ho bevuto un sorso e mi sono sentito così patetico che sono tornato a casa. Questo è stato il mio ultimo contatto volontario con l'alcol. Non mi manca. Non credo che ne sia valsa la pena. Ho troppi ricordi fisici. “Io Sentire dolore. E poi vedo cosa sono diventato di nuovo. “Vedo il mio compagno, mia figlia, i miei amici… vale davvero la pena mettere tutto questo a rischio?”

A Molde, Pierre-Joseph ha deciso di condividere questa esperienza attraverso ASBL Alternatives-Zéro, che ha iniziato a commercializzare bevande analcoliche. Attraverso questa attività e il reddito generato, Tournaisian aspira a consentire soprattutto agli ex alcolisti di ritornare alla vita professionale.

Ma quali sono i segnali dell’alcolismo? Abbiamo posto questa domanda a Thomas Urban, un medico specializzato nel trattamento della dipendenza da alcol.

“Ci sono dei segnali. Io uso spesso le 5 C. La persona fa uso di droghe o alcol in questo modo Cavvincente, CCompletare? Lo stai perdendo? CControllo? Lei continua tutto questo però CInfluenze sulla sua vita, compreso il suo lavoro. E doveva farlo CDelirio, irresistibile voglia di consumare. Dico spesso che il desiderio è desiderio, mentre l'ansia è paura.“, spiega lo specialista.

READ  Una famosa attrice francese succede a Marie Portolano come “Miglior Pasticcere”

Ci sono sempre più alcolisti nella nostra società? “Non so se siano sempre di più, ma in ogni caso viviamo in una delle parti del mondo che ne consuma di più. Secondo me i belgi sono nella top ten dei consumatori di alcol in Europa. Da noi i numeri variano, ma tra il 5 e l’8% della nostra popolazione sono alcolizzati, cioè persone che hanno perso la libertà di astenersi dal bere, e questo purtroppo è uno dei problemi sanitari in cui c’è un divario maggiore”, tra il numero di pazienti affetti e il numero di pazienti diagnosticati e trattati. C’è cecità e negazione sociale. Come se non esistesse. Diagnostichiamo più facilmente la depressione, la schizofrenia, il bipolarismo…li trattiamo più dei pazienti alcolisti. È una negazione tra l'ammettere che l'alcol è un lubrificante sociale, che può permetterci di divertirci, di divertirci, ma è anche un potente farmaco. È ciò che causa il danno maggiore alla società, all’individuo e a chi lo circonda. Non vogliamo vedere quella parte ed è meno divertente. “È il lato oscuro della forza.”

Manca il sostegno per aiutare queste persone a reintegrarsi nella società? “È chiaro. Sono i pazienti stessi a dirlo. Non si sentono supportati. Non si sentono aiutati e la maggior parte delle volte si sentono giudicati, con poco sostegno. Manca una struttura di accoglienza e di sostegno. C'è una mancanza di strutture di accoglienza e di sostegno. “Scienziati delle dipendenze, specialisti dell'alcol. Tutto questo manca in Belgio. Ciò che non manca è la pubblicità dell'alcol, e l'alcol ovunque, a tutti i partiti. Non denuncerò l'alcol, ma non dovrebbe essere utilizzato in questo modo in questa quantità.”

Quali sono i consigli per liberarsi da questa dipendenza? “Bisogna essere accompagnati e aiutati. Questo non è necessario per tutti, ma la maggior parte delle persone migliora quando sono accompagnate. La prima cura è la relazione terapeutica, il non essere soli di fronte a questa malattia, ovunque assume un livello simbolico nella nella società, in famiglia… Il primo consiglio è di parlare con il proprio medico di famiglia e, se necessario, farsi accompagnare da un medico dell'alcool, un medico delle dipendenze, questo sarà molto utile.

“Al paziente con alcolismo, all’astemio, gli consiglio sempre di scegliere attentamente le persone con cui uscire e che saranno buone con lui, e dovrebbe fare quelle scelte all’inizio, e non andare in posti dove tutti berranno e li incoraggerai a mettere le mani sulla birra.

Importante è anche l’esercizio fisicoPerché causerà cambiamenti a livello cerebrale. “Ciò significa che abbiamo meno voglia di consumare, meno voglia di consumare. Abbiamo un'astinenza che si è rivelata più lunga, con molte meno ricadute. Il paziente ha un'autostima che migliorerà. Il suo sonno è di migliore qualità. Come tutta una serie di cose che aiuteranno la persona a mantenere il proprio obiettivo di astinenza. Ciò è stato dimostrato praticando attività fisica per 5 ore settimanali. Gli studi scientifici lo hanno dimostrato”.

Thomas Urban consiglia inoltre ai pazienti di rivolgersi a esperti. “Sono pazienti che si aiutano a vicenda. Tutti conoscono 'Alcolisti Anonimi' o 'Villibre'. Ci sono anche gruppi su Facebook e una serie di aiuti che i pazienti si danno a vicenda. È molto importante connettersi con persone diverse da le persone con cui stai. Famiglia o medico Chi si prende cura di te. C'è anche la psicoterapia, che è molto importante. Non ascoltiamo abbastanza i pazienti tra di loro. Queste persone possono parlarti di questa malattia. Come medico, io posso parlarti di questo “Mi sono ammalato, ma non mi sono mai ammalato. “Non ho mai avuto questa esperienza, questa sensazione personale.”

READ  Michael Goldman sottolinea il candidato che è stato eliminato una settimana fa, cosa che ha entusiasmato i netizen
-->