Gennaio 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Europa reagisce: di fronte al crescente bisogno di litio per le nostre batterie, nei prossimi anni apriranno miniere e raffinerie

Litio, cobalto o nichel, i metalli necessari per produrre batterie elettriche che sostituiranno i motori termici per le auto che contribuiscono al riscaldamento globale, sono molto richiesti mentre l’Europa si prepara ad aprire miniere e raffinerie nel tentativo di ridurre la sua dipendenza dalle importazioni.

Non c’è “Quasi niente litio” Un livello di qualità che si sta attualmente adattando alle batterie, osserva Robert Colborne, analista presso Benchmark Mineral Intelligence di Londra, specializzato in minerali di transizione energetica.

“L’Europa non è sulla mappa del litio, né per l’estrazione né per la lavorazione”, Aggiunge.

Il più grande produttore mondiale è l’Australia (oltre il 50%) e la Cina ne raffina più della metà (60%) “l’o bianco” Dalla trasmissione di energia, convertendola in carbonato di litio o idrossido.

In totale, inclusi nichel e cobalto, un rapporto francese presentato lunedì stima che l’Europa non supererà il 30% di autosufficienza nel 2030 su questi minerali, rendendo possibile lo stoccaggio e il trasporto di elettricità.

E mentre in Europa sono stati annunciati una trentina di progetti di impianti di batterie, la loro fornitura di minerali non è ancora risolta.

L’argomento sarà sul tavolo dei ministri dell’Industria europei il 31 gennaio e il 1 febbraio a Lens. Se ne è discusso giovedì in una conferenza europea a Parigi, dopo che la Francia ha fatto dell’indipendenza industriale strategica dei 27 una priorità della sua presidenza di turno del Consiglio dell’Unione europea.

“Sviluppare batterie elettriche senza garantire il nostro fabbisogno di litio, nichel e cobalto non è sostenibile nel tempo, dipendiamo da paesi terzi che concentrano tutta la produzione e la raffinazione”Lo ha detto giovedì il ministro dell’Industria Agnes Pannier-Runacher.

READ  Bitcoin 28 dicembre 2021 - Delusione di Capodanno

In Europa sono stati identificati quattro progetti di estrazione di batterie al litio che dovrebbero vedere la luce del giorno”.entro il 2024‘, hanno detto i partecipanti, consentendo la copertura.80% del fabbisogno della batteria“.

Secondo il Bureau of Research Geological and Mining (BRGM), i principali giacimenti europei si trovano in Serbia, Portogallo, Germania e Repubblica Ceca, ma anche in Francia in forma minerale nel Massiccio Centrale e Armorian, e in forma geotermica in Alsazia .

Ma qualsiasi sfruttamento delle miniere o delle cave di estrazione dovrebbe essere effettuato riducendo al minimo gli impatti ambientali e, in trasparenza, ONG e scienziati hanno messo in guardia.

Anche l’Unione Europea vuole stabilire uno standard”Responsabile“Estrazione per cercare di persuadere un’opinione pubblica riluttante a lanciare progetti minerari.

“Non ti fermare”

A dicembre, il colosso minerario anglo-australiano Rio Tinto, che dal 2004 ha finanziato studi di esplorazione a Gadaar in Serbia, ha subito le proteste degli oppositori che chiedevano la pubblicazione di rapporti sull’impatto ambientale.

In Francia, il ministro per la Trasformazione ambientale Barbara Bombeille ha recentemente affermato che il Paese non dovrebbe “Non negarti nulla”. In termini di estrazione, purché dotati di luci ambientali verdi.

Il governo ha appena lanciato un bando per progetti da parte dei produttori con iniziative per estrarre o purificare litio, cobalto, nichel e persino iridio.

È urgente. Per l’AIE, la domanda globale raddoppierà di 40 unità entro il 2040.

“Entro il 2030, l’unico fabbisogno di litio in Europa – per le batterie – supererà le 500.000 tonnellate all’anno, che è più dell’attuale produzione globale”, che ammontava a circa 475.000 tonnellate nel 2021, aggiunge Colburn.

READ  Tablet dei primi sintomi? È iniziata l'era delle pillole anti-Covid

In Argentina, il gruppo minerario francese Eramet ha annunciato l’apertura di uno stabilimento nel 2024 con la cinese Tsingshan che dovrebbe produrre 15% del fabbisogno di litio in Europa Secondo il suo CEO, Christel Boris.

Irame è anche riuscita a estrarre il litio dalla salamoia geotermica in Alsazia (Francia orientale). Il primo ad aprire orizzonti industriali nella trincea del Reno.

In Germania, un gruppo minerario australiano promuove il litio Impronta di carbonio zero È commercializzato con il marchio Vulcan, a cui sono legate Renault e Stellantis.

E la raffinazione?

Per quanto riguarda la raffinazione, nel 2024 la Germania ospiterà uno stabilimento del gruppo canadese Rock Tech Lithium.

In Portogallo, dove è stato appena annunciato un progetto di raffinazione tra la portoghese Galp Energies e il produttore svedese di batterie NorthVolt, le autorità sono in attesa della decisione dell’autorità ambientale su un progetto minerario chiamato Savannah.

L’Unione Europea ha anche firmato partnership con l’Ucraina, e sta lavorando”Con Canada, Serbia o America Latina“Dipendenza meno dalla Cina”, ha affermato giovedì il commissario europeo Thierry Breton.

Nel triangolo del litio “ABC” (Argentina, Bolivia, Cile), il secondo esportatore mondiale di oro bianco, il Cile, dal canto suo il più grande produttore mondiale fino al 2016, ha annunciato giovedì di aver assegnato una concessione a “Esplorazione e Produzione’. In una società cinese e cilena per produrre 80.000 tonnellate di litio ciascuna, sperando Per riconquistare il suo posto sulla scena mondiale“.