Luglio 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Si paga tra i 700 e gli 800 euro in meno!”: gli elettrodomestici usati sono in aumento

“Si paga tra i 700 e gli 800 euro in meno!”: gli elettrodomestici usati sono in aumento

Quella mattina scelse una lavatrice nuova: quasi nuova, gli costò un terzo del prezzo che fanno i rivenditori tradizionali. “Ne vale la pena, paghi meno di 700-800 euro”Il cliente annuncia. Questo non è il primo buon affare che fai qui. “Io uso un aspirapolvere di 3 anni e l’ho pagato 15 euro!“, esclamò, completamente convinta della qualità e dei servizi forniti (consulenza, un anno di garanzia, riparazione). Prima che Marie la scegliesse, questa lavatrice era destinata allo smaltimento… come le 119.654 tonnellate di elettrodomestici e lampadine usate che i belgi hanno scaricato nei punti di raccolta di Recupel Nel 2022, l’organizzazione no-profit è stata finanziata grazie ai contributi versati dai produttori e importatori di dispositivi elettronici del Paese.

Marie ha appena acquistato un elettrodomestico da Sofie, un’azienda di raccolta, smistamento e riciclaggio di elettrodomestici usati nella zona di Liegi. ©Michele Tonio

Seconda vita per i dispositivi

Oltre alla raccolta presso centri di riciclaggio e negozi, Recupel si impegna a effettuare imballaggi per dare una seconda vita alle apparecchiature scartate collaborando con produttori e distributori di tali apparecchiature, pianificatori di schemi, nonché centri di risorse e centri di riutilizzo come RShop di Grace Hollogne, di proprietà di Electro . Sufi. Nel 2022, 3.818 tonnellate hanno potuto tornare in circolazione sul mercato belga. UN “Risultato eccellente”Si tratta di un aumento rispetto al 2021, di cui Recupel si compiace.

Ma la strada da fare è ancora lunga: questa cifra rappresenta solo il 3% di tutti i dispositivi raccolti in Belgio. Non tutte le attrezzature usate arrivano ai punti di raccolta: alcune vengono recuperate direttamente dai produttori, altre invece vengono vendute per poche decine di euro ai rottamatori. Per incoraggiare il riutilizzo e incoraggiare le parti interessate a continuare i loro sforzi, è stata concessa una compensazione per un periodo di poco più di un anno in base alle quantità riutilizzate. “Stiamo cercando di aiutare i centri risorseha spiegato Eric DeWitt, CEO di Recupel. Inoltre, un collega sta lavorando specificamente sulla questione del riutilizzo. Ha girato il Belgio per conoscere le sfide, cosa funziona o meno, le offerte e sostenere le nostre offerte no-profit…

READ  Un ladro comprensivo a Oderghem: 'Si è impietosito per i pochi soldi che dovevamo dargli e si è arreso'

La collaborazione tra Recupel ed Electro SOFIE ne è un esempio. Liegi collabora con una cinquantina di centri di riciclaggio. Recupera quindi fino a 6.000 tonnellate di dispositivi all’anno, una dimensione simile al contributo fornito dall’assemblaggio diretto. UN “Un quasi-monopolio indispensabile“, secondo Michel Simon, direttore dell’azienda. “Per ottenere input sufficienti, dobbiamo lavorare su larga scala“Questo brief gli consente di selezionare dispositivi che possono essere facilmente riparati e rivenduti in base a criteri che vanno dalle condizioni generali al prezzo, compresa l’età e la marca.”I marchi tedeschi vengono inclusi automaticamente, ma ci sono una ventina di marchi che non conserviamo“.

Sofie è un'azienda specializzata nella raccolta, smistamento e riciclaggio di elettrodomestici usati nella regione di Liegi.
Eric DeWitt, CEO di Recupel, e Michel Simon, amministratore delegato di Electro SOFIE. ©Michele Tonio

Economia sociale e sostenibile

Accanto all’officina, l’officina è pienamente operativa: circa 3.500 macchine di grandi dimensioni passano ogni anno nelle mani dei tecnici, che trascorrono in media due ore su ciascuna macchina. Per poter offrire una garanzia di 1 anno, tutto viene completamente pulito e ispezionato… inclusa la prova di diversi cicli di lavaggio per le nostre lavatrici e asciugatrici. Per evitare perdite di tempo, i tecnici utilizzano questo tempo di inattività per eseguire altre potenziali riparazioni. “Questa è la chiave del modello“, nota il manager, al quale questo sistema gli permette di garantire prezzi scontati. Per ridurre i costi, durante le riparazioni vengono utilizzati anche pezzi recuperati da macchine dismesse, come testimonia il grande inventario al piano superiore nel capannone di stoccaggio.

Acquistare prodotti usati, oltre al prezzo scontato, contribuisce a rafforzare il sistema di economia circolare e sostenibilità. Le macchine riparatrici consentono di evitare l’utilizzo delle materie prime e i costi energetici necessari per produrre nuovi dispositivi. Ma le attività di Electro SOFIE si inseriscono in un quadro più globale. “L’economia circolare spesso copre solo l’aspetto ambientale dello sviluppo sostenibile. Non c’è nulla a livello sociale. Per me è importante che ci siano aspetti ambientali, sociali ed economiciinsiste il direttore di Electro SOFIE. Nel nostro stile di business non è prevista la distribuzione di dividendi agli azionisti. Tutti i profitti vengono reimmessi nell’attività. L’obiettivo è creare opportunità di lavoro permanenti per le persone che incontrano difficoltà nel mercato del lavoro.“, conferma Michel Simon.

READ  2024, un anno disastroso per le cozze della Zelanda? “È diventato un piatto che non costa più”.

In un negozio o in un laboratorio, i profili sono spesso atipici: un venditore con formazione in storia dell’arte, un tecnico formatosi in Unione Sovietica e che ha lavorato sui sottomarini sovietici, e così via. “Queste persone sono ben formate: hanno le conoscenze di base e noi ci occupiamo della formazione“, riassume il Presidente per il quale questo aspetto sociale è essenziale. Il Centro Risorse permette inoltre alle persone meno abbienti di acquistare prodotti di alta qualità a prezzi scontati.”Esiste un limite che non vogliamo superare“Conferma con conoscenza del bilancio”.Molto stretto“Da alcuni clienti.


Il riutilizzo dei giocatori deve ancora affrontare ostacoli significativi

IL storia di successo From Electro Sofie, che collabora con Recupel e alcuni produttori, è lungi dal rappresentare la realtà di tutti gli attori di questo settore. Secondo Jean-Marc Coudron, direttore delle risorse della Federazione delle imprese sociali e circolari, sono ancora molti gli ostacoli che ne impediscono lo sviluppo. Una sfida è sviluppare lo stesso tipo di cooperazione in tutta la regione. “Questo è quello che dobbiamo fare: raddoppiare”.Lo conferma Jean-Marc Coudron. Per il funzionamento è necessario avere accesso a macchinari riparabili. “Vediamo uno sviluppo, ma c’è ancora molto da fare per incanalare tutte le macchine usate che hanno ancora il potenziale per essere utilizzate nei circoli di riparazione e riutilizzo. Funziona caso per caso, mentre il sistema dovrebbe essere generalizzato“, Lui continuò.

Maggiori flussi richiedono necessariamente una maggiore capacità di elaborazione nei laboratori, ed è anche qui che risiede il problema. “Una delle difficoltà che affrontiamo è il reclutamento di dipendenti qualificati, tirocinanti o persone integrate che abbiano i requisiti di base e che siano motivati ​​dalla professione. Il nostro interlocutore avverte. È un problema che riguarda anche i distributori, che faticano anche a trovare personale per effettuare riparazioni o assistenza post-vendita. “Vediamo un interesse comune e una complementarità: fornire formazione, alcuni hanno bisogno di macchine, accesso a pezzi di ricambio e informazioni… Esiste già un interessante vantaggio reciproco tra attori dell’economia sociale e produttori che può essere sviluppato.

READ  Audi nomina il suo nuovo amministratore delegato

Da diversi anni Electro Sofie intrattiene buoni rapporti con alcuni produttori di elettrodomestici, fornendo corsi di formazione, sconti sui pezzi di ricambio o fornendo elettrodomestici usati. “Questo tipo di partnership dovrebbe essere rafforzata in modo che tutti i membri di Recupel abbiano accesso non solo alle macchine, ma anche a tutte le informazioni necessarie per ripararle, nonché a eventuali software diagnostici.“, supplica Jean-Michel Simon.

Infine, l’intero modello finanziario dei produttori deve evolversi. “Finché il produttore guadagna dalla quantità di nuovi macchinari che vende, non c’è niente da fare”., denuncia il responsabile delle risorse, che chiede una svolta verso una maggiore durata degli apparecchi. “Questo è forse un difetto del sistema Recupel: in definitiva aiuta a rassicurare i produttori nel loro modo di fare. Oggi tutto questo non è più sostenibile“.