Maggio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Les Huit Montagnes”, film belga girato in italiano e premiato a Cannes

“Les Huit Montagnes”, film belga girato in italiano e premiato a Cannes

‘Les Huit Montagnes’ parla dell’amicizia, che le dà la stessa forza dell’amore…

Felix van Groningen: “Tutto qui, evita di litigare un po’ a favore del contratto, cosa non comune nel cinema. Beh, le cose accadono ( risata)! Senza rivelare il finale, il problema tra questi due uomini non è il litigio, ma la lenta scoperta che a volte è difficile accettare qualcosa che non cambia in un amico. Lo sapevo, ed è stato uno dei momenti più difficili che abbia mai conosciuto in vita mia. Arriva un punto in cui amiamo così tanto qualcuno e non ci capiamo. Non riusciamo più a trovare la stessa lunghezza d’onda. Quando lo sperimentiamo, all’inizio possiamo rifiutarci di accettarlo, ma è anche bello riconoscerlo. »

Quali elementi del libro ti hanno colpito?

Charlotte Vandermerch: “Potremmo parlarne per ore perché è una storia così ricca. Da un lato, c’è questo amore platonico che collega i due eroi. Cosa ci si può aspettare o pretendere da un amico? C’è ancora meno obbligo dell’amore. Se il tuo meglio amico decide di andare a vivere dall’altra parte del pianeta, hai altro da rifiutare. No vero? Ma il dolore è paragonabile. Poi parla del legame tra padre e figlio, che è la cosa più importante nei film di Felix e nella mia vita. Si parla anche dell’importanza di dare alle persone intorno a te la libertà di amarle meglio, anche se fanno paura. Infine, c’è una riflessione sul concetto di destino. Lo stiamo seguendo? Stiamo immaginando La chiave di tutto questo non è accettare da dove veniamo?”

READ  Tipo H, un allenatore italiano aggiorna il mito

Chi è stato il primo a leggere un libro tratto da un film?

Carlotta: “Felice!”

Felice: “Qualcuno me l’ha suggerito per un adattamento cinematografico, e siccome io e Charlotte stavamo cercando un progetto da scrivere insieme, abbiamo fatto il grande passo. È stato durante la prima incarcerazione nel 2020, ed è giusto dire che dopo aver scritto questa prima versione , Charlotte e io abbiamo attraversato un periodo davvero difficile nella nostra relazione. Ma ne siamo usciti. Fuori, e la cosa più strana di tutto ciò è che non siamo mai stati complici della nostra relazione di 15 anni. »

Il film è stato girato in Italia. Hai pensato di girarlo in fiammingo?

Carlotta: “Non l’avremmo mai immaginato in olandese, no. I produttori che hanno contattato Felix inizialmente lo immaginavano in un’ambientazione americana in inglese, ma volevamo rispettare l’autenticità del libro. C’è una purezza in questa storia che non si trova da nessun’altra parte ma in queste Alpi italiane. Quindi abbiamo dovuto imparare l’italiano. ( risata)! Abbiamo preso lezioni mentre scrivevamo la sceneggiatura. »

Felice: “Charlotte parla meglio di me.”

Carlotta: “Sì, ma capisci tutto. Eri a tuo agio e anche io. Un altro mondo si è aperto davanti a noi e penso che la nostra curiosità e meraviglia abbiano reso il film migliore. »

Uno degli eroi parla anche il dialogo. Come hai diretto il cast italiano?

Felice: “Dalle audizioni ci siamo resi conto se era giusto o no, anche quando non capivamo il testo. »

Carlotta: “Devo dire che abbiamo lavorato. Abbiamo spiegato agli attori italiani che dovevamo stare molto attenti agli accenti e alla scelta delle parole. Perché in Italia sappiamo da dove vieni non appena apri bocca apertamente. È lo stesso in olandese, quindi abbiamo capito che riguarda il film. Paolo (Cagnetti, autore del libro illustrato, ndr) ci ha aiutato rileggendo i dialoghi. »

READ  Gas: Sonatrach firma nuovi contratti con l'Enel italiana

Felice: «Lì abbiamo ricevuto alcuni commenti da giornalisti italiani che ci hanno detto che non ci eravamo accorti che i registi erano stranieri. È stato un grande complimento».

‘Etu Malalam’ arriverà nelle sale il 14 dicembre.

Otto colli

FOTO DEL DOTT

Ti tieni in contatto con i tuoi amici d’infanzia? Per Pietro una vacanza in montagna è sinonimo di ricongiungimento con il suo migliore amico Bruno. Un legame forte ma insolito visto che Pietro Milan e Bruno vengono dal profondo della campagna, il primo è capitalista quando il secondo progetta di abbandonare la scuola per mantenere la famiglia. Questi due amici sono diversi come il giorno e la notte, e la vita glielo ricorderà sicuramente. È il terzo film belga a vincere un premio all’ultimo Festival di Cannes, dopo ‘Dory e Lokita’ e ‘Close’. Ehi, ehi, si tratta anche di amicizia! Una relazione platonica ma necessaria che ti apre gli occhi e rende il mondo più grande… prima che l’ascia del boomerang dell’apparenza sociale. In oltre 20 anni, questa storia di amicizia ti scioglierà il cuore. Ma i cinici sbadigliano davanti allo stato d’animo (lungo) di un uomo maleducato e un adulto si prende da giovane. Tuttavia, la sola bellezza dei film d’oltralpe vale la deviazione.

3/5

‘Etu Malalam’ arriverà nelle sale il 14 dicembre.

Trova tutte le notizie su metrotime.be