Le ricette della Finanza Programma

Le ricette della finanza: gli ingredienti per un buon conto corrente

IBAN, SWIFT e SEPA, come districarsi tra codici e sigle

Nuovo appuntamento con la nostra rubrica di “Educazione finanziaria”. Questa settimana passiamo in rassegna alcuni ingredienti che ben si legano a quel piatto della tradizione costituito dal conto corrente, al quale abbiamo già dedicato una ricetta.

Il primo ingrediente è l’IBAN, quel codice alfa numerico che in Italia è costituito da 27 caratteri e inizia per IT, dove sono racchiuse tutte le informazioni sul conto corrente di un cliente: numero, banca e sportello sul quale in conto è aperto.

IBAN è l’acronimo di International Bank Account Number, presenta specifici caratteri di controllo e, dal lontano 2008, ha sostituito le classiche coordinate bancarie composte da ABI, CAB e numero di conto diventando così in tutti i paesi del mondo che lo adottano l’unico codice standardizzato per l’identificazione del conto di un cliente.

Pertanto, quando dobbiamo ricevere un bonifico, è necessario fornire il nostro codice IBAN a chi dovrà eseguirlo, al contrario se siamo noi a disporlo dovremmo conoscere quello del beneficiario della disposizione.

Conviene a questo punto introdurre un altro ingrediente, meno conosciuto, ma affine all’IBAN.

Si tratta della SEPA ovvero la Single Euro Payments Area (Area Unica dei Pagamenti in Euro). Questa è l’area in cui i cittadini, le imprese, le pubbliche amministrazioni e gli altri operatori economici possono effettuare e ricevere pagamenti in euro, sia all’interno dei confini nazionali che fra i paesi che ne fanno parte (stati membri dell’UE più altri).

Lo scopo della SEPA è quello di creare un mercato dei pagamenti armonizzato che offra degli strumenti di pagamento comuni (bonifici, addebiti diretti e carte di pagamento), che possono essere utilizzati con la stessa facilità e sicurezza su cui si può contare nel proprio contesto nazionale.

Ed eccoci al terzo ingrediente: il codice SWIFT, detto anche BIC (Bank Identifier Code). Questo è lo standard utilizzato nelle transazioni internazionali per identificare una banca. Può essere formato da 8 a 11 caratteri e i due posizionati al quinto e sesto posto si riferiscono al paese della banca (Es.: ICRAITRRAI0 è il BIC di Banca Campania Centro e quell’IT significa appunto Italia). Grazie al codice SWIFT è possibile identificare in maniera univoca le banche di tutto il mondo.

Se questi sono ingredienti per così dire operativi, ce n’è uno che molto spesso è sottovalutato e quindi non gli viene riconosciuta l’attenzione che merita. Si tratta del foglio informativo che non è presente solamente nel conto corrente ma in tutti i prodotti e servizi che la banca offre.

Il foglio informativo è un documento ufficiale che le banche e le società finanziarie sono tenute per legge a elaborare e pubblicizzare per far conoscere alla clientela le caratteristiche e le condizioni economiche di ogni prodotto offerto.

Non è, quindi, materiale pubblicitario anzi, in quest’ultimo si rimanda al foglio informativo di quel prodotto che si sta promuovendo.

È buona norma leggere sempre attentamente il foglio informativo del prodotto che si vorrebbe sottoscrivere che è facilmente reperibile nella sezione denominata trasparenza dei siti delle banche. A proposito, quanto si parla di “trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari” si intende un insieme di regole volte ad assicurare ai clienti un’informazione corretta, chiara ed esauriente che agevoli la comprensione delle caratteristiche, dei rischi e dei costi dei prodotti finanziari offerti e ne consenta la facile confrontabilità con altre offerte.

Insomma, in qualsiasi ricetta gli ingredienti devono essere di qualità e soprattutto conosciuti!

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi