Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’atleta 28enne ha quasi perso la vita a Charleroi: “Era molto difficile vivere” | Charleroi e la sua regione

Testimonianze – RaccomandazioniL’Avenir Triathlon Club di Charleroi (ATCC) ha organizzato domenica la sua settima edizione del Relais Mouillés presso la piscina Hélios di Charleroi. Questa versione è stata anticipata da molti poiché l’uscita dello scorso anno è stata annullata a causa del confinamento. Tuttavia, si è quasi trasformato in un dramma.




Un triatleta di 28 anni di nome Arthur ha avuto un attacco di cuore domenica intorno alle 17:30 all’Helios Pool di Charleroi. Attualmente ricoverato all’ospedale civile Marie Curie di Laudelensart (Charleroi), ha ripreso conoscenza ed è in condizioni stabili. “Ho potuto vedere il giovane stamattina in ospedale, è cosciente e sembra essere in buone condizioni. Sono in corso gli esami per scoprire le cause del disagio”, conferma il vicepresidente Atcc Frederic Lancel.

“Dopo un po’ è uscito dall’acqua. Mancavano solo 30 minuti alla fine del test. In quel momento è crollato e nella caduta ha urtato una sedia. Per fortuna sono intervenuti urgentemente i soccorritori. Anche Helios aveva tutta l’attrezzatura necessaria Tutto è andato molto velocemente, afferma Mark Charles, presidente del Carolo Triathlon Club.

L’evento di cui parla Marc Charles è l’evento Relais Mouillés. Consiste in ripetizioni di nuoto eseguite in squadre di cinque per un periodo di quattro ore. Quest’anno hanno partecipato una trentina di squadre senior e decine di squadre giovanili.

rianimazione

Un ginecologo di professione, Frédéric Lancel, conferma la trascrizione dei fatti del suo partner ATCC: “Le manovre di rianimazione sono state eseguite da un medico della sua squadra, io e due infermieri in loco con l’aiuto di bagnini autorizzati sul posto. Abbiamo fatto uso di ordinate e attrezzatura funzionale accanto alla piscina.”

READ  L'Union Saint-Gilloise trova ancora una volta la sua strada verso la vittoria nel Sint-Truiden Park

Mark Charles aggiunge: “SMUR (Nota dell’editore. Servizio mobile di emergenza e rianimazione) presso l’ospedale civile Marie Curie ha rianimato con successo Arthur. La vittima era cosciente quando è stata portata in ospedale. Uno dei nostri membri si è preso cura di lei. Arthur non ha subito conseguenze nonostante la sua mancanza di ossigeno nel cervello. Avevamo paura perché abbiamo fatto un massaggio cardiaco di 20 minuti senza risultato. Fortunatamente, SMUR è stato in grado di farlo tornare tra noi. “

emozione palpabile

Per lui Arthur è stato fortunato nonostante il colpo del destino che ha subito: “Secondo me, la velocità con cui la gente ha reagito lì ha fatto la differenza. Se Arthur si fosse sentito a disagio a correre, da solo, in mezzo al bosco, non avrebbe ci sono stato”.

Tuttavia, questo è un momento particolarmente scioccante per coloro che hanno assistito alla scena! Il sentimento nella voce di Mark Charles è chiaro: “Come presidente di una società sportiva, conosco i rischi che corriamo. Ma organizzo eventi da 25 anni e non mi è mai successo prima. Non sono una persona abituata alle pratiche mediche. Inoltre, la sorella di Arthur era presente. L’ora dell’incidente. Ti lascio immaginare il livello emotivo. È stato molto difficile conviverci. “

prove di stress

Soprattutto perché non c’era nulla che suggerisse una simile tragedia! “È un giovane in buona salute”, dice Frédéric Lancel ad Arthur. Quest’ultimo è iscritto al campionato belga della Triple Francophone. Tuttavia, questa registrazione non è automatica. “Per essere espulso dal campionato, devi fare una serie di stress test. Arthur non è un dilettante. È un atleta” identifica Mark Charles.

READ  La porta del club è sempre aperta.

Piscina attrezzata

Insieme, i due uomini desiderano ringraziare tutte le persone che hanno lavorato per salvare l’atleta da corsa e la città di Charleroi per la qualità delle sue infrastrutture.

All’interno della piscina Hélios è già disponibile un pacemaker.


Dal 13 novembre è operativo anche un innovativo sistema di rilevamento degli annegamenti. Chiamato “Poseidon”, è composto da cinque telecamere aeree che coprono profondità ridotte e otto globi subacquei, ciascuno dotato di due telecamere. Questi consentono di condurre un rilevamento continuo del pavimento della piscina e di informare i supervisori della piscina di chiunque sia rimasto fermo per più di dieci secondi, nonché la loro posizione esatta.

Trovate, Qui, Tutte le notizie di Charleroi e della sua regione.

Leggi anche

Joachim Gerard racconta la notizia del suo infarto: “L’ultimo sogno è la medaglia d’oro a Parigi”

Il giocatore del Tottenham salva un tifoso sofferente all’uscita dal campo: ‘Campione’

Dramma nel sud della Francia: un calciatore dilettante muore d’infarto nel bel mezzo della partita