Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’arca di Noè: ecco il piano B di Vladimir Putin nel fallimento contro l’Ucraina

Putin afferma che la Russia continuerà gli attacchi contro le infrastrutture energetiche dell’Ucraina

Ha anche ammesso che non tutto sta andando come sperato, ma ha sottolineato che tutto sta andando come previsto, anche se l’operazione militare condotta in Ucraina potrebbe essere un processo a lungo termine. Ma per il suo autore di discorsi ed ex consigliere Abbas Galliamov, c’è davvero un piano B. Questo piano “Arca di Noè” potrebbe essergli stato confermato da due fonti del Cremlino. “Come suggerisce il nome, si tratta di cercare una nuova patria. L’entourage del presidente non esclude più la possibilità di perdere la guerra, togliergli il potere e lasciarlo presto”, ha scritto Galliamov su Telegram. Il Paese non è stato scelto a caso perché il criterio principale è che la destinazione dell’esilio non risparmi i russi e accolga a braccia aperte l’élite. Dell’operazione si discute dalla tarda primavera, quando è entrata in azione la macchina da guerra russa. Se pensiamo che Vladimir Putin punterà sulla Cina, gli incontri con la Cina vogliono evitare di schierarsi. “Inoltre, odiano i perdenti”, aggiunge Galliamov.

Il capo della compagnia petrolifera statale Rosneft, Igor Sechin, è stato incaricato di redigere i piani. Igor Sechin, alias “Darth Vader”, è stato per anni il braccio destro di Putin. Inoltre, un membro del suo team si è recentemente licenziato per lavorare a tempo pieno su un “progetto marginale”.

Questo piano B è stato anche riportato questa settimana dai media da Mozhem Obyasnit, che è di proprietà di Mikhail Khodorkovsky, l’oligarca caduto in disgrazia. Se quest’ultimo è un oppositore del presidente russo, allora non è meno informato. Sono stati i suoi media a rivelare, settimane prima dell’annuncio di Putin, che il presidente russo avrebbe proceduto a una mobilitazione parziale.

READ  Guerra in Ucraina: des dizaines de cadavres découverts, Charles Michel dénonce les «atrocités» de l'armée russe

Per prepararsi a questa corsa precipitosa, il Cremlino sarebbe impegnato nell’acquisto di diverse proprietà in Venezuela e nell’attuazione di tutte le misure necessarie affinché possa stabilirsi e rimanere lì. Anche altri russi in posizioni importanti possono scegliere l’esilio in Venezuela, Argentina o Ecuador. Per l’élite, il Venezuela rimane la priorità, soprattutto Isla Margarita, un piccolo paradiso terrestre con le sue bellissime spiagge sabbiose e il mare turchese. Molti possedimenti sono già passati nelle mani dei russi. Molti di loro hanno già effettuato il viaggio, ed è stato reso ancora più semplice dal momento che il vettore russo Nordwind Airlines ha lanciato un volo diretto per l’isola dal 2 ottobre.

Un ex membro del parlamento russo accusa il Cremlino di aver commesso errori: “I paesi stanno crollando a causa degli errori catastrofici dei loro leader”.

Per Putin, che sta sempre più deludendo coloro che lo circondano e persino criticando apertamente, la posizione sta diventando meno sostenibile. Anche i sondaggi di opinione mostrano un crescente sostegno al suo progetto e il conflitto in Ucraina è debole. La sua popolarità è ai minimi storici e ulteriori battute d’arresto potrebbero costringerlo a mettere in atto il suo piano B.