Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Biden ha fatto un “cattivo affare”? Discute dello scambio della giocatrice di basket Brittney Griner con un trafficante d’armi

La portavoce della Casa Bianca Karen Jean-Pierre non ha esitato dopo aver ricevuto domande durante il suo briefing quotidiano per sapere se il presidente Usa avesse concluso un “cattivo accordo” come sostiene l’opposizione repubblicana. Ha sottolineato che l’ottantenne democratico non ha preso la sua decisione “alla leggera”, ed è rimasto “vigile” dopo il rilascio dell’uomo soprannominato il “mercante di morte”.

Riconoscendo che uno scambio di prigionieri “può sembrare immediatamente ingiusto o arbitrario”, ha spiegato: “Il presidente (Biden) sentiva di avere un obbligo morale. (…) O Britney o nessuno. E non ci scuseremo per questo .” .

“Onestamente credo che Viktor Bout abbia trascorso abbastanza tempo in prigione per i crimini che ha commesso”, ha detto all’AFP il giudice Shira Scheindlin, che ha emesso la sentenza. Arrestato in Thailandia nel 2008, è stato condannato a 25 anni di carcere negli Stati Uniti, di cui sconterebbe circa la metà.

“Folle”

“Non era lui stesso un terrorista. Era un trafficante di armi. Ci sono trafficanti di armi ovunque, anche negli Stati Uniti e in Francia”, ha aggiunto.

Questa non è l’opinione di molti sostenitori del GOP, a cominciare dall’ex presidente Donald Trump, che ha denunciato il Truth Social network come un “mercato a senso unico”, “stupido” e “imbarazzante”. Altri, come la rappresentante repubblicana Nicole Maliotakis, affermano soprattutto che l’accordo non risolve il destino di un altro americano detenuto in Russia da quattro anni, l’ex soldato Paul Whelan: “Un soldato americano + marine è stato lasciato indietro in un altro brutto accordo che Biden ha fatto.

Il capo della diplomazia Usa, Anthony Blinken, gli ha assicurato che la Russia vuole affrontare le due questioni in modo diverso, a causa delle “false accuse di spionaggio” che Mosca sta muovendo contro Paul Whelan. E secondo il giudice Shira Scheindlin, c’è un motivo in più per chiedere anche il suo rilascio: “Non so se ha fatto quello che dicono (i russi), ma se era davvero una spia, allora avevi una spia contro un braccio armato”. commerciante, questo sembra più rilevante.”

READ  Il segretario generale della NATO afferma che l'Ucraina "potrebbe vincere" la guerra

“posizione di forza”

Per Will Pomeranz, direttore del Kennan Institute al Wilson Center, il caso dell’ex soldato americano, condannato nel 2020 a 16 anni di carcere, sarà ora di difficile soluzione: “La sua migliore possibilità” di lasciare la Russia “sarebbe sono state per partecipare allo scambio con Brittney Grenier.” , il cui caso ha attirato una forte folla, soprattutto nel mondo del basket femminile.

L’atleta è stato arrestato a febbraio a Mosca con un vaporizzatore e un liquido contenente cannabis, prodotto vietato in Russia. Ad agosto è stata condannata a nove anni di carcere.

Will Pomeranz riferisce che il presidente russo Vladimir Putin era “in una posizione forte”, di fronte a Joe Biden che è stato coinvolto in un modo molto personale e molto pubblicizzato per liberare Brittney Grenier.

Gli Stati Uniti, come altre democrazie, a volte si piegano a scambi di prigionieri considerati sbilanciati, ma che i loro governi ritengono soddisfino le forti aspettative della loro opinione pubblica.

Nel 2011, Israele ha rilasciato più di 1.000 prigionieri in cambio di un soldato, Gilad Shalit.

E per quanto riguarda Brittney Griner, le critiche più forti sono rimaste concentrate, almeno nelle prime ore successive all’annuncio, nel campo conservatore.

È un segno dell’opinione pubblica? Il calciatore statunitense Micah Parsons si è scusato su Twitter per un messaggio in cui esprimeva la sua rabbia per il fatto che gli Stati Uniti avessero “abbandonato un marine”.

Di fronte a pesanti critiche, è tornato sulle sue osservazioni per dire di essere “estremamente felice” per il rilascio del 32enne due volte campione olimpico.