Giugno 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ala militare di Hamas prende di mira Tel Aviv con missili

L’ala militare di Hamas prende di mira Tel Aviv con missili

Lo ha detto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu “Fortemente contrario”. Domenica 26 maggio si sono concluse le ostilità nella Striscia di Gaza, che è ancora sotto bombardamento, mentre si è tenuta una riunione del Gabinetto di Guerra nel contesto di intense trattative diplomatiche per raggiungere una tregua.

Le sirene d’allarme erano suonate in precedenza a Tel Aviv e nel centro di Israele dopo che i razzi erano stati lanciati dalla Striscia di Gaza. Questo avvertimento arriva dopo diversi mesi di relativa calma in questa regione del Paese. Almeno tre esplosioni sono avvenute nel centro di Israele, secondo i giornalisti dell’Agence France-Presse.

L’esercito israeliano ha affermato che almeno otto razzi sono stati lanciati da Rafah, l’estremo sud della Striscia di Gaza, verso il centro del Paese. Lo ha affermato l’esercito “Alcuni missili [avaient] Intercettato ».

L’ala militare di Hamas, in un messaggio pubblicato sull’applicazione Telegram, ha rivendicato l’attacco. “Abbiamo bombardato Tel Aviv con una grande raffica di missili in risposta ai massacri sionisti contro i civili”.Lo scrivono le Brigate Izz al-Din al-Qassam in un messaggio pubblicato su Internet pochi minuti dopo il suono delle sirene nel centro di Israele.

Riapertura del valico di frontiera di Rafah

I camion egiziani degli aiuti umanitari hanno iniziato ad entrare nella Striscia di Gaza domenica attraverso il valico israeliano di Kerem Shalom, secondo Cairo News Channel, un media vicino all’intelligence egiziana. “Duecento camion” Ho lasciato il lato egiziano del valico di Rafah – dove l’accesso alla parte meridionale della Striscia di Gaza è stato chiuso da quando Israele ha preso il controllo del valico sul lato palestinese – per dirigermi verso Kerem Shalom, a circa 4 chilometri a sud.

Israele, che sta conducendo operazioni militari a Rafah, ha preso il controllo del valico di frontiera all’inizio di maggio e da allora il passaggio degli aiuti umanitari è bloccato. L’Egitto si rifiuta di riaprire il valico di frontiera di Rafah finché le forze israeliane controlleranno la parte palestinese.

READ  La Russia ci informa sulle recenti esercitazioni nucleari e Washington dice: 'Questo ci preoccupa'

Cairo News non ha specificato il numero di camion che hanno superato le ispezioni, ma lo ha riferito “Quattro camion di carburante” Si erano già incrociati e si dirigevano verso gli ospedali. Tutti gli aiuti provenienti dall’Egitto sono soggetti al controllo delle autorità israeliane e vengono distribuiti attraverso le Nazioni Unite.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Gaza: la consegna degli aiuti umanitari via mare è in gran parte insufficiente data l’entità dei bisogni

Israele bombarda la Striscia di Gaza

Oggi, domenica, l’esercito israeliano ha effettuato nuovi bombardamenti nella Striscia di Gaza, in un momento in cui si intensificano gli sforzi diplomatici con l’obiettivo di riprendere i negoziati per raggiungere una tregua nei territori palestinesi, accompagnata dalla liberazione degli ostaggi.

Attacchi aerei e colpi di artiglieria hanno nuovamente preso di mira la Striscia di Gaza settentrionale e centrale, nonché Rafah, da cui sono fuggite centinaia di migliaia di persone.

Applicazione universale

Buongiorno mondo

Ogni mattina trovi la nostra selezione di 20 articoli da non perdere

Scarica l’applicazione

Nel giro di ventiquattro ore, sono stati registrati almeno 81 ulteriori morti, portando il bilancio delle vittime a 35.984, la maggior parte dei quali civili, dall’inizio della guerra scatenata da un attacco di Hamas sul territorio israeliano il 7 ottobre, secondo i dati dell’Hamas di Gaza. dirigere il Ministero della Sanità.

Da parte sua, l’esercito israeliano ha annunciato domenica l’uccisione di due soldati, portando il suo bilancio a 289 morti da quando è entrato nella Striscia di Gaza il 27 ottobre.

Verso la ripresa dei negoziati?

Poco prima che il gabinetto di guerra si riunisse a Tel Aviv, Netanyahu ha criticato Yahya Sinwar, il leader di Hamas nei territori palestinesi, per i suoi commenti. “Continuare a chiedere la fine della guerra, il ritiro dell’IDF dalla Striscia di Gaza e il mantenimento di Hamas intatto, in modo che possa ripetere le atrocità commesse il 7 ottobre ancora e ancora”.dicono i suoi servizi in un comunicato stampa, aggiungendo che il Primo Ministro “Mi sono fortemente opposto”..

I media israeliani hanno riferito lo scorso fine settimana che David Barnea, capo del Mossad, ha raggiunto un accordo con il direttore della CIA William Burns e il primo ministro del Qatar Mohammed bin Abdulrahman Al Thani su un nuovo quadro per i negoziati, durante un incontro a Parigi. Anche l’Egitto fa causa “I suoi sforzi per rilanciare i negoziati”Secondo quanto riportato da Cairo News Channel, funzionari del Qatar dovrebbero incontrare nei prossimi giorni una delegazione di Hamas, secondo il sito americano Axios.

READ  Adesione dell'Ucraina all'Unione Europea: perché l'Ungheria la blocca

In questo contesto, i ministri degli Esteri dell’Unione europea si incontreranno lunedì a Bruxelles con i loro omologhi di Arabia Saudita, Qatar, Egitto, Emirati Arabi Uniti e Giordania, nonché con il segretario generale della Lega araba.

Lo spiega il procuratore della Corte penale internazionale al “Sunday Times”

Pochi giorni dopo aver richiesto mandati di arresto contro il primo ministro israeliano e i leader di Hamas, il procuratore della Corte penale internazionale, Karim Khan, ha annunciato in un’intervista al quotidiano britannico: Orari della domenicaChe cosa “Nessuno può commettere crimini di guerra o crimini contro l’umanità”..

“Il nostro lavoro non è fare amicizia“, commenta il procuratore della Corte penale internazionale. Dobbiamo affermare l’eguale valore di ogni bambino, ogni donna e ogni civile in un mondo sempre più polarizzato. »

“Non possiamo avere doppi standard”Aggiunge confermandolo “Il mondo osserva la situazione” A Gaza e in Israele. Per l’America Latina, l’Africa e l’Asia sì “punto di cristallizzazione”.

“I paesi potenti sono onesti quando dicono che esiste una serie di regole o questo sistema basato su regole è un’assurdità, solo uno strumento della NATO e del mondo postcoloniale?”, Chiesto. Il pubblico ministero, 54 anni, nega qualsiasi equivalenza tra Israele e Israele. “Con la sua democrazia e la sua Corte suprema”Ed entusiasmo. “Israele ha tutto il diritto di proteggere la sua popolazione e di riprendersi gli ostaggiHa detto il signor Khan. Ma nessuno ha il diritto di commettere crimini di guerra o crimini contro l’umanità. »

Il Pubblico Ministero discute della situazione nella Striscia di Gaza “Il fatto che l’acqua sia stata interrotta, (…) “Le persone che erano in fila per il cibo sono state prese di mira”.. “È l’intero schema che è rivelatore. Lo abbiamo analizzato in modo obiettivo e razionale”.Conclude.

READ  Guerra in Ucraina: Sergei Lavrov giustifica l'invasione russa citando il Belgio
Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati La Corte internazionale di giustizia aumenta la pressione su Israele

Per Madrid il riconoscimento dello Stato di Palestina non è altro che “giustizia” per il popolo palestinese

“I palestinesi hanno il diritto di avere uno Stato, così come lo hanno gli israeliani”.Lo ha affermato domenica a Bruxelles il ministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Albarez, nel corso di una conferenza stampa congiunta con il primo ministro palestinese Muhammad Mustafa. Quest’ultimo ritiene che la decisione di Madrid di riconoscere lo Stato di Palestina lo rappresenti “grande spinta” Per la pace e la stabilità nella regione.

La Spagna, che da mesi manovra per unirsi ad altre capitali, ha preso questa decisione insieme ad Irlanda e Norvegia. Riconosceranno lo Stato palestinese a partire da mercoledì 28 maggio. Il primo ministro palestinese ha accolto con favore questa decisione, invitando tutti i paesi europei a seguire questo esempio. “Penso che questa sia la decisione giusta da prendereEgli ha detto. Questo è l’inizio di una nuova fase. » Questa questione divide l’Unione Europea, che dall’inizio della guerra a Gaza fatica a trovare una posizione comune.

Mercoledì Mustafa si recherà a Madrid, dove sarà ricevuto dalle autorità spagnole. “È uguale”, Ceylon M. Álvarez.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati “La Spagna riconoscerà lo Stato palestinese perché la sicurezza di Israele dipende da questo”.

Il mondo con l’Agence France-Presse

Riutilizza questo contenuto