Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La sorella di Xavier Dupont de Ligonnès dice: “È una montatura. Non ha ucciso la sua famiglia, sono tutti vivi!” (Video)

La sorella di Xavier Dupont de Ligonnès dice: “È una montatura. Non ha ucciso la sua famiglia, sono tutti vivi!”  (Video)

Sequenza lunare. Sabato sera su France 2, nello spettacolo “Quelle Époque!”, Léa Salama e Christophe Dechavannes hanno accolto sul loro set il personaggio di Christine Dupont de Ligonès. Un cognome di cui molti parlano perché è la sorella di Xavier Dupont de Ligonnès, questo padre accusato di aver ucciso i suoi quattro figli oltre alla moglie nell'aprile 2011 a Nantes prima di scomparire nel deserto.

Il caso “XDDL”, un cold case che affascina tutta la Francia

Breve richiamo ai fatti. Nantes, aprile 2011. Una coppia e i loro figli di età compresa tra i 13 ei 21 anni non mostravano segni di vita per diversi giorni quando la procura ha aperto un'indagine su una inquietante scomparsa.

Poi l'orrore è apparso davanti agli occhi degli investigatori, che hanno trovato i corpi di Benoit, Anne, Thomas, Arthur e Agnes, avvolti in lenzuola e ricoperti di calce, con almeno due ferite da arma da fuoco alla testa.

Video che fa tremare Internet: Xavier Dupont de Ligonnès è stato filmato su un treno ad alta velocità!

“L'autopsia rivelerà che si trattava di vittime.”“Attuazione sistematica”secondo le parole dell'allora procuratore di Nantes, Xavier Roncin.

“XDDL” è stato visto l'ultima volta nella zona del Var il 15 aprile 2011, mentre si allontanava dal circuito di Formula 1 di Roquebrune-sur-Argens a piedi e con una borsa sulle spalle.

Da allora, niente. Su Internet circolano le teorie più sfrenate e ci sono sempre più libri su questa storia, tuttavia oggi nessuno può rispondere a una domanda relativa a questo caso: Xavier Dupont de Ligonnès è ancora vivo?

Christine DuPont de Ligones vuole scagionare suo fratello Xavier

L'ultimo libro pubblicato sul caso “XDDL” altri non è che quello scritto da Christine, la sorella di Xavier Dupont de Ligonnès. Un libro intitolato “Mio fratello è innocente” che ha scritto con suo marito, Bertram de Verdun. Una coppia i cui nomi sono apparsi più volte in questo caso, dopo l'importante inchiesta che è stata molto ben preparata dalla rivista mondana, ma che secondo la coppia è “aneddotica”.

READ  Sam cambia volto: Hélène de Vaugerolles sostituisce Natasha Lindinger

La coppia è nota per essere a capo della “Philadelphia Church”, un gruppo di preghiera originariamente creato da Genevieve, la madre di Xavier e Christine. Si tratta di un gruppo che alcuni accusano di trasgressioni settarie e di molti altri elementi, che Community Magazine dettaglia nella sua inchiesta. “Tutto questo non è vero”, ha osservato Christine Dupont de Ligonnes durante le riprese di “France 2”. Quest'ultima, però, sottolinea di non aver sporto denuncia contro la Saw Press perché “non avrebbe dedicato il suo tempo a sporgere denuncia su tutto”. .

Nuovo indizio per trovare Xavier Dupont de Ligonnès: è un semplice imitatore di John List?

Bertram de Verdun e Christine Dupont de Ligonnes affermano addirittura che la famosa “Chiesa di Filadelfia” non è mai esistita e che loro erano semplicemente “cattolici praticanti”.

Una “recita” di un dramma familiare mai accaduto

E poi arriva la sequenza lunare completa. Per giustificare l'uscita del suo libro Mio fratello innocente, Christine DuPont de Ligonis ricorda 13 anni di questo caso, ma anche “le cose che vogliamo davvero correggere per contrastare tutte queste voci”.

Poi interviene Bertram de Verdun, che in questo caso avrebbe visionato l'intero fascicolo investigativo e che porta fuori un “messaggio” che cambierà tutto in questo caso. Questa famosa lettera è quella di Xavier Dupont de Ligonnès in cui spiega di essere dovuto fuggire con tutta la famiglia e di non avere più la possibilità di comunicare con il mondo esterno “per motivi di sicurezza”. “Quando ero nello Yemen, pensavo che Xavier fosse colpevole. Successivamente, Christine mi ha mostrato la lettera e mi è sembrata accettabile”, dice Bertram de Verdun.

READ  Chad Michael Murray (Brothers Scott) è padre per la terza volta che rivela la privacy di sua figlia e scioglie Hilarie Burton

Il caso DuPont de Ligonnes in stile belga: il sospettato dell'assassinio di Samira è scomparso

Christine, dal canto suo, ne è convinta: Xavier Dupont de Ligonnès e la sua famiglia fanno parte di un programma di spionaggio top-secret e sono andati negli Stati Uniti. Dice che i cinque corpi trovati nel parco “sono una montatura”. Lei spiega: “So come lavora mio fratello, e gli ho parlato al telefono poco prima di questo messaggio e non aveva affatto una voce omicida”, nonostante la presenza di prove inconfutabili del DNA sui corpi. “Ci sono dei partner […] Nel mio libro affronto un'ipotesi mai affrontata prima, e andrò fino in fondo anche se non pretendo di capire tutto.

Poi arriva la domanda di Leah Salama a Christine: “Se tuo fratello fosse ancora vivo e ci guardasse, cosa gli diresti?”

Poi la sorella dell'uomo accusato per cinque volte di omicidio gli dimostra tutto il suo sostegno e fa capire chiaramente di non credere a questo dramma familiare. “Cosa dirò a mio fratello? Lui sa già tutto… e noi non abbiamo cambiato opinione su di lui, ma non per cecità fraterna o familiare, ma piuttosto perché abbiamo rischiato di essere coinvolti nel fascicolo dell'indagine. […] Ora voglio dirgli che gli crediamo e che non ha ucciso la sua famiglia […] Anche gli amici mi hanno detto che non era colpevole. “Quindi crediamo non solo che non abbia ucciso la sua famiglia, ma che siano tutti vivi”.

Christine DuPont de Ligonnes sottolinea poi che se un giorno riceverà un segnale da suo fratello Xavier, “probabilmente” chiamerà la polizia. “Da un lato avremo tutto l’interesse se vogliamo andare a fondo delle cose e dei nostri pensieri”.

READ  Scopri "Our Amazing Fairgrounds": immergiti nella straordinaria vita quotidiana del quartiere fieristico belga... così dotato per le celebrazioni