Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia vieta la vendita del suo petrolio ai paesi che utilizzano i massimali di prezzo da febbraio

È vietato consegnare petrolio e prodotti petroliferi russi a persone giuridiche e altri individui stranieriSe questi usano il price cap, è scritto in un decreto firmato martedì dal presidente russo Vladimir Putin.

Il decreto specifica che tale procedura è prevista per un periodo di cinque mesi.Fino al 1 luglio 2023“.

Solo “decisione speciale“Lo stesso Vladimir Putin potrà consentire la consegna del petrolio russo a uno o più paesi che hanno implementato i massimali di prezzo nelle ultime settimane”, si legge nel decreto pubblicato martedì.

I 27 Stati membri dell’Unione Europea, il Gruppo dei Sette e l’Australia si erano accordati all’inizio di dicembre, dopo mesi di trattative, su un prezzo massimo all’esportazione del petrolio russo a 60 dollari al barile.

Infatti, solo il petrolio venduto dalla Russia a un prezzo pari o inferiore a 60 dollari può continuare ad essere consegnato. Al di là di tale massimale, alle imprese è fatto divieto di fornire servizi che consentano loro di effettuare trasporti marittimi (merci, assicurazioni, ecc.).

Lo scopo di questa misura è privare Mosca di entrate significative per finanziare il suo intervento militare in Ucraina.

Tuttavia, il prezzo di un barile di petrolio russo (greggio degli Urali) si aggira attualmente intorno ai 65 dollari, appena sopra il tetto fissato, indicando un impatto limitato a breve termine della misura, secondo molti osservatori.

Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha espresso il suo rammarico”Posizione deboledai suoi alleati occidentali al momento del suo inizio.

Da parte loro, i vertici russi hanno dichiarato in diverse occasioni “non accettoQuesto meccanismo cheNon avrà alcun effettoNel contesto dell’attacco russo al suo vicino ucraino.

READ  Guerra in Ucraina: la Russia ha completato la mobilitazione di 300.000 soldati di riserva

Il 9 dicembre Vladimir Putin ha minacciato l’Occidente con “ridurre la produzione“Petrolio russo”se necessario“Allora dai la colpa”Decisione stupida“.

La Russia è il secondo esportatore di petrolio al mondo e, nel 2021, è stato il secondo fornitore di oro nero ai paesi dell’Unione Europea. Secondo i leader europei, il 90% delle esportazioni di petrolio russo verso l’UE sarà già interrotto entro la fine del 2022 per protestare contro l’attacco della Russia all’Ucraina.