Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Omicidi curdi a Parigi: un anno prima della tragedia, il sospetto ha represso un campo di migranti

La mattina dell’8 dicembre, armato di una lunga spada, ha preso d’assalto i Percy Gardens, dove si erano accampati gli immigrati bisognosi di alloggio.

“Era un giardino in cui creavamo famiglie in esilio e ogni volta il campo cresceva”, ricorda Nikolai Pozner, della Utopia 56 Society. “Gli uomini single si stabilirono un po’ più lontano, credendo che la presenza delle famiglie avrebbe fornito loro una forma di sicurezza”.

Tuttavia, quella mattina aveva a che fare con loro William Mallet. Ha abbattuto diverse tende e ferito due immigrati, uno gravemente, prima di essere sopraffatto dagli altri residenti del campo.

L’uccisione dei curdi a Parigi: splendide foto della neutralizzazione dell’aggressore in un parrucchiere

“Ha fatto finta di correre e Saber ha improvvisamente tirato fuori le tende. Ha toccato diverse persone attraverso le tende e ha attaccato qualcuno che stava urinando in piedi e lo ha pugnalato. È stato colpito alla schiena e all’anca”, ha detto ad AFP. Cloé Chastel che allora era un funzionario della Società Aurore.

Un simile attacco era estremamente raro. “Potrebbero esserci scontri tra rifugiati a causa delle loro condizioni di vita, ma non abbiamo mai visto nessuno venire dall’estero fare una cosa del genere”, ha detto all’AFP il vicesindaco di Parigi Alain Brossat.

Poco dopo l’attacco, le forze di sicurezza sono intervenute e hanno arrestato l’aggressore e quattro migranti, tra cui uno dei feriti. Tutti saranno presi in custodia dalla polizia per quarantotto ore.

“All’inizio, potevamo capire che dovevamo sfidare le persone che stavano partecipando a quella che sembrava una rissa, ma ha perso la seconda fase quando abbiamo cercato di capire”, ha detto Posner, dicendo che i migranti non lo erano. Con l’aiuto di nessun traduttore.

READ  USA: Il Dipartimento del Tesoro ha messo a disposizione del Congresso le dichiarazioni dei redditi di Trump

emoy

L’accusa cambierà la sua analisi. Se l’istruttoria è stata aperta il giorno dei fatti per «tentato omicidio», l’informazione giudiziaria che ne segue due giorni dopo prende di mira «violenza con arma, premeditazione e razzismo».

Con questa accusa, la meno grave, William Mallet è stato incriminato il 10 dicembre e posto in custodia cautelare.

I quattro migranti arrestati insieme a lui sono posti in uno status intermedio come co-testimoni e uno di loro, un marocchino senza documenti, viene informato del suo obbligo di lasciare il territorio francese, con sgomento delle ONG.

Un altro episodio che li entusiasmerà. Il giorno dopo l’attacco, le associazioni si sono riunite nel Parc de Bercy per sostenere i migranti ancora traumatizzati. Poi assistono all’arrivo dei poliziotti che li circondano e fanno un discorso a diversi di loro per “prendere parte a una manifestazione vietata sulla pubblica via”. Abbiamo commentato da fonti di polizia: “Una volta che un’autorità amministrativa rileva che la presenza di un cittadino straniero è illegale, viene automaticamente emesso un OQTF (obbligo di lasciare il territorio francese, ndr) in applicazione della legge applicabile”.

“La risposta che ci aspettavamo, un po’ ingenuamente, era di inviare assistenti sociali e psicologi e abbiamo inviato agenti di polizia”, ​​ha detto ad AFP Paul Elouzi di Médecins du Monde. che era lì quella sera e ha trasmesso “Siren”. Al commissariato, da cui è stato rilasciato dopo un’ora.

Le indagini su questo attacco erano “ancora in corso”, ha detto una fonte giudiziaria all’AFP un anno dopo, ma che il presunto autore era ora implicato in un triplice omicidio.

Al termine del periodo massimo di custodia cautelare, è stato rilasciato, il 12 dicembre, sotto sorveglianza giudiziaria, con divieto in particolare di detenzione di armi.

READ  Video spaventoso: l'autore di una sparatoria al liceo del Michigan si traveste da sindaco per entrare in classe