Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La fine della riduzione dell'imposta sul valore aggiunto significa un quarto di miliardo nelle casse dello Stato

pubblicato

A LussemburgoLa fine della riduzione dell'imposta sul valore aggiunto significa un quarto di miliardo nelle casse dello Stato

LUSSEMBURGO – Il 1° gennaio l’imposta sul valore aggiunto tornerà al suo livello normale, un anno dopo la riduzione decisa dal trio a causa dell’inflazione.

L’aumento dell’Iva influirà sui prezzi?

L’aumento dell’Iva influirà sui prezzi?

Agenzia di stampa francese

Si prevede che i prezzi aumenteranno nuovamente leggermente il 1° gennaio. La fine dell'anno segnerà infatti la fine della misura che il governo precedente voleva aiutare la popolazione a far fronte all'accelerazione dell'inflazione alla fine del 2022. I tre hanno quindi deciso di ridurre temporaneamente le aliquote IVA di un punto nel corso del 2023. il tasso naturale è aumentato dal 17% al 16%, mentre il prezzo è in media tra il 14% e il 13%, mentre il minimo è tra l'8% e il 7%. Poi si è parlato di un costo di 317 milioni di euro.

In risposta alla domanda del deputato pirata Sven Klement sul ritorno alle aliquote IVA abituali, il ministro delle Finanze del CSV Jill Roth ha sottolineato che questo ritorno alla normalità era previsto nei lavori preliminari per il bilancio statale per il 2024 e che il suo impatto “viene preso in considerazione negli ultimi dati.” . Secondo il ministro ciò rappresenterà 245 milioni di euro di entrate aggiuntive per lo Stato.

Diminuzione leggermente evidente

Ma la generazione di Roth è idonea perché, dice, “queste stime sono fortemente influenzate dall'economia e dal potere d'acquisto dei cittadini”. Certamente, questi elementi “svolgono un ruolo più importante nella previsione delle entrate totali rispetto al ritorno dell’aliquota fiscale normale al 17%”.

Resta da vedere come questo aumento influenzerà i prezzi. Quando l’imposta sul valore aggiunto è diminuita, l’inflazione non è stata frenata quanto avrebbe potuto. Statec ha misurato l'impatto della riduzione e ha osservato che non si è pienamente trasmesso ai prezzi. Sentirai maggiormente l'aumento? La risposta sarà sugli scaffali dei vostri negozi all'inizio di gennaio.

20 milioni per il gioco d'azzardo

Le entrate fiscali derivanti dal gioco d'azzardo sono salite a 20,1 milioni di euro nel 2022, osserva Gilles Roth, ministro delle Finanze. Leggermente inferiore rispetto al 2021 (21,1 milioni di euro).

Si noti che l'accordo di coalizione prevede di rafforzare i controlli e le sanzioni contro gli attori non autorizzati che gestiscono giochi d'azzardo nelle loro attività, in particolare per combattere meglio i giochi d'azzardo illegali nei bar e in altri luoghi pubblici.

(J.W)

READ  Itsme lancia una nuova funzionalità