Maggio 28, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Fed ha alzato i tassi di interesse di 25 punti base, segnalando la pausa

WASHINGTON (Reuters) – La Federal Reserve americana ha dichiarato mercoledì, dopo la riunione di politica monetaria di due giorni, di aver alzato il tasso di interesse di riferimento di 25 punti base, come previsto, aprendo la strada a un possibile blocco dei tassi. campagna lift.

Questa decisione, presa all’unanimità, arriva nel contesto di tremori nel settore bancario e mentre incombe il pericolo di default sul debito statunitense, al momento non è stato raggiunto alcun accordo al Congresso. sull’aumento del tetto del debito.

Il tasso sui fondi federali (“Federal Funds”) è stato aumentato tra il 5% e il 5,25%, come previsto da un’ampia maggioranza di economisti e analisti intervistati da Reuters prima della riunione del Federal Open Market Committee (FOMC) del Comitato di politica monetaria della Fed .

Si tratta del decimo aumento consecutivo del tasso di interesse chiave della banca centrale statunitense dal marzo 2022.

Tuttavia, nel comunicato stampa che accompagna la sua decisione, non c’è più il passaggio in cui il FOMC afferma di aspettarsi che “potrebbe essere opportuno un ulteriore inasprimento della politica monetaria” per raggiungere l’obiettivo di inflazione del 2%.

Invece, la Fed ha preferito un linguaggio che ricorda il linguaggio che ha usato quando ha messo in pausa l’inasprimento della politica monetaria nel 2006.

La dichiarazione afferma che i funzionari della Fed esamineranno gli sviluppi dell’economia, dell’inflazione e dei mercati finanziari nelle prossime settimane o mesi per “determinare quanto ulteriore inasprimento potrebbe essere appropriato”.

Non ha deciso nulla a giugno, dice Powell

Ciò non garantisce che la banca centrale statunitense non modificherà i suoi tassi nella prossima riunione di giugno, soprattutto perché ha indicato che “l’inflazione rimane alta” e la creazione di posti di lavoro continua a “avanzare a un ritmo sostenuto”.

READ  A Marsiglia, una Ferrari in fiamme fa schiantare un sogno americano

Parlando dopo il rilascio della dichiarazione, il presidente della Fed ha affermato che la Fed ritiene che l’inflazione rimanga molto alta e che le pressioni inflazionistiche rimangono una preoccupazione per la banca centrale.

Jerome Powell ha indicato che mira ancora a controllare l’inflazione, aggiungendo che è troppo presto per dire che la campagna per aumentare i tassi di interesse è finita.

Ha detto in una conferenza stampa: “Siamo pronti a fare di più se necessario” per quanto riguarda l’aumento dei tassi di interesse, osservando che i funzionari della Federal Reserve non hanno deciso nella loro riunione del mese prossimo di lavorare con una pausa temporanea in questo ciclo di inasprimento monetario.

Jerome Powell ha insistito sul fatto che le decisioni sarebbero state prese “incontro dopo incontro” sulla base dei dati.

Il tasso di interesse di riferimento della Fed è a un livello simile a quello del 2007 prima della crisi finanziaria, ea un livello che a marzo è stato giudicato sufficiente da un gruppo di funzionari della banca centrale per mantenere l’inflazione all’obiettivo del 2%. Attualmente l’inflazione è ancora più del doppio di tale obiettivo.

Tra i rischi associati al fallimento di diverse banche regionali statunitensi e l’impasse al Congresso sull’innalzamento del tetto del debito, la cautela della Fed sull’ulteriore inasprimento delle condizioni finanziarie è stata rafforzata.

Dopo la diffusione del comunicato, i principali indici di Wall Street hanno mantenuto lievi guadagni, mentre i rendimenti in dollari ei buoni del Tesoro hanno aumentato le loro perdite.

“La chiave è sostituire una parola”, ha commentato Sam Stovall, uno stratega del CFRA Research di New York, riferendosi al paragrafo nella dichiarazione della Fed che indica che i suoi funzionari decideranno se sono necessari ulteriori aumenti e non si aspettano che Volere.

READ  Ryanair parte da Zaventem questo inverno: "scarso impatto sulla nostra rete", afferma l'aeroporto di Bruxelles

“Usando la parola ‘identificare’ piuttosto che ‘aspettarsi’, (la Fed) sta dicendo ai mercati che ora è in pausa”.

(Segnalazione di Howard Schneider, Anne Sverre e Michael S. Derby; versione francese di Laetitia Volga e Jean Terzian)

Di Howard Schneider e Ann Saffer