Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La difficile ricostruzione psicologica dei profughi arrivati ​​in Francia, “sono tutti traumatizzati”.

“Ci sono stati grandi fuochi d’artificio il 14 luglio, ma l’abbiamo sopportato per un minuto con mia figlia, ricordandoci le bombe”. Come molti altri rifugiati ucraini, Oleksandra zakrasnyanaUno psicologo a Kiev qualche mese fa, prima di essere accolto nella regione di Valence (Drom), porta ancora il peso psicologico della guerra in Ucraina. “Quasi tutti gli ucraini non sopportano più i rumori delle esplosioni”come dici.

>> La guerra in Ucraina: segui le nostre vite in sei mesi di conflitto

A sei mesi dall’inizio del conflitto, mentre alcuni dei profughi arrivati ​​in Francia hanno ritrovato una qualche forma di equilibrio, tutti continuano a vivere l’attacco della Russia nel loro Paese come se fossero ancora lì. E nonostante il passare del tempo, l’impatto del conflitto sulla loro salute mentale continua ad essere devastante.

Ad esempio, la storia di questa donna, che può essere la storia di molte donne ucraine. È arrivata in Francia ad aprile, dopo essere fuggita da Kiev, e non parla francese. Soprattutto, non ha la patente. Un problema, perché se sua figlia è iscritta a scuola, l’istituto è a un’ora di distanza e l’autobus non passa tutti i giorni. Lungi da tutto, a poco a poco le donne stanno perdendo il loro punto d’appoggio di fronte alle procedure amministrative. Assumere il suo desiderio di tornare nel suo paese in stato di guerra. “Fu allora che iniziai ad avere attacchi di panico, a piangere continuamente e a vedere tutto nero”, descrive Vitalina Ustenko. Psicologia, capo Associazione ucraina di psicologi senza frontiere Lei stessa è una rifugiata in Francia, che afferma di aver sentito molte storie simili da pazienti rifugiati che chiedevano il suo aiuto.

Depressione, senso di colpa, attacchi di panico… I sintomi vissuti da questi esiliati d’emergenza sono numerosi. “Questo sradicamento può prima essere espresso come mal di testa e dolorespiega a franceinfo Olena Vyshnevska, psicologa ucraina e rifugiata a Carcassonne (Aude). All’inizio sentiamo forti fluttuazioni emotive. Un minuto piangi e il giorno dopo ridi… A questo si aggiungono problemi di sonno e ansia. Può portare alla depressione”.

L’impatto psicologico è più pesante per coloro che lasciano la famiglia “o amante” Nel Paese, conferma Olga Vasilchenko, psicologa e professoressa universitaria, rifugiata a Tolosa. “È particolarmente difficile per gli adolescenti. I piccoli si stanno adattando, ma vogliono tornare”Ho notato.

READ  Fortes gelées: vers des records de froid e debut de semaine prochaine?

Questo risultato è tutt’altro che sorprendente. Sebbene sia troppo presto per valutare le conseguenze della guerra sulla salute mentale degli ucraini, diversi studi hanno già dimostrato che i rifugiati hanno maggiori probabilità di soffrire psicologicamente rispetto alla popolazione generale. E quindi , Università della Croce Rossa A Stoccolma (Svezia) è stato dimostrato nel 2017 che il 40% dei rifugiati siriani arrivati ​​nel Paese tra il 2011 e il 2013 soffre di depressione. e che quasi il 30% era vittima della sindrome da stress post-traumatico, un grave disturbo d’ansia che si è verificato dopo un evento traumatico, come un bombardamento o la perdita di una persona cara. Soprattutto da allora, come riportato Organizzazione mondiale della Sanità (OMS), il 30% degli ucraini soffriva già di disturbi mentali prima dell’inizio dell’offensiva delle forze del Cremlino. In questione, in particolare, l’invasione russa della Crimea nel 2014.

L’attaccamento costante all’Ucraina, attraverso i media online, i social network e i messaggi dei parenti a casa, non aiuta le cose. “Siamo tutti testimoni di questa guerra con Internet. Siamo tutti scioccati”.Olena Vyshnevska conferma. Una situazione che a volte fa sentire in colpa la fuga.

“La maggior parte dei rifugiati si sente in colpa per non essere rimasti e per non aver aiutato l’esercito. Pensano che lasciando l’Ucraina siano come un nemico, un disertore”.

Olena Vishnevska, psicologa ucraina

in franceinfo

molti risultati “Non permettersi di essere felici, di provare gioia, anche solo di bere un caffè” e altri “Non prenderti cura di te rifiutando di vivere una vita normale”.

Come possono essere soddisfatte queste esigenze in Francia, quando molti rifugiati non parlano la lingua locale? in tutta la Francia, I volontari si organizzano. In alcuni comuni, le associazioni di sostegno istituiscono un sostegno psicologico per i nuovi arrivati. I gruppi Facebook, guidati da volontari francesi o ucraini, consentono anche ai rifugiati di contattare psicologi in Francia.

READ  86 milioni di euro per gli Ospedali Savoia

“Aiuto 2-3 persone a settimana, per lo più online, anche se vorrei creare un gruppo di supporto dove vivo”Olena Vishnevska, che è addestrata alla mediazione dei conflitti, interviene. chi presenta “Preparazione di arteterapia, a Montpellier, per bambini con spasmi”spiega di aver deciso di aiutare altri ucraini a farlofare qualcosa [ses] Conoscenza”. Vitalina Ustenko fa lo stesso discorso.

“Non riuscivo a vedermi fare nient’altro. Tutti i cittadini ucraini hanno bisogno di aiuto, non importa dove si trovino. È così che cerco di essere d’aiuto”.

Vitalina Ustenko, presidente dell’Associazione ucraina di psicologi senza frontiere

in franceinfo

Nel frattempo, lo stato sta anche sviluppando iniziative volte a migliorare la salute mentale di questi rifugiati. in Decreto emesso il 10 marzoLo ha detto il governo “L’assistenza sanitaria a questi sfollati (…) richiede un’attenzione speciale” e ha chiesto Agenzie sanitarie regionali riempire Appropriati sistemi di supporto, in particolare in relazione alla salute mentale. Nasce così il Ministero degli Affari Esteri numero di ascolto fedele “per qualsiasi aiuto” legato a questa crisi, Compreso il supporto psicologico.. E il Anche la guida è stata modificata A questo proposito, il Ministero della Salute ha chiamato cellule mediche e psicologiche di emergenza in ogni dipartimento, riferisce Le Figaro (articolo riservato agli abbonati).

Ma, secondo gli interessati, gli sforzi sono ancora insufficienti per aiutare i circa 89mila profughi ucraini presenti nel territorio. “La Francia non ha una rete consolidata di sostegno ai migranti”Scusa, Vitalina Ustenko. Dice di non aver ricevuto risposta dopo essersi offerta di lavorare con diverse istituzioni francesi. Soprattutto in caso di depressione, “Difficile trovare uno psichiatra che parli ucraino” e altri “Impossibile acquistare medicinali con prescrizione ucraina”Di “aggiunge difficoltà”come dici.

READ  L'ipotesi della quarta dose è allo studio in Francia

Vitalina Ustenko continua a trarre ispirazione da Parigi da altri paesi europei “In Germania, Polonia, Portogallo o Norvegia abbiamo creato molti esempi di reti di centri di supporto ucraini“. Iniziative “che ha il vantaggio di dare lavoro a profughi specializzati in questo settore”concluso.

Inoltre, l’Unione Europea Rilascio di 9 milioni di euro per la salute mentale delle persone in fuga dall’Ucraina Lo scorso aprile. Ma la cifra non basta, perché i bisogni dei 5 milioni di profughi nell’Unione Europea sono grandi e le esigenze di sostegno sono diffuse a lungo termine.. “Le reali conseguenze per la nostra salute mentale non lo sapremo fino a quando il conflitto non sarà finitoLa stima di Oleksandra Zakrasnian. Una grande sfida quando arriverà il momento di ricostruire questo Paese in guerra.