Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“La cosa strana è che Tedesco non è ancora stato scelto.”

“La cosa strana è che Tedesco non è ancora stato scelto.”

Il tecnico della Nazionale Domenico Tedesco è stato invitato giovedì scorso a Parigi per il sorteggio della European Nations League. Ha aperto la porta a un prolungamento del suo mandato. Se il contratto verrà prolungato, è chiaro che alcuni volti nuovi spereranno di impressionarlo.

Tedesco è stato nominato un anno fa per succedere a Roberto Martinez, che si è dimesso sei anni dopo in seguito al fallimento del Qatar ai Mondiali. L'italo-tedesco avrebbe dovuto portare una ventata di aria fresca nel periodo di transizione dopo la “Generazione d'Oro”.

Finora ha fatto un buon lavoro. Anche se l’incidente di Thibaut Courtois ha causato una battuta d’arresto, i risultati sono chiari. Inoltre, i Devils hanno mostrato maggiore flessibilità tattica rispetto a Martinez. Tedesco è riuscito anche ad aggiornare la selezione, di cui aveva davvero bisogno.

Opportunità per i giocatori del JPL

Inizialmente si affidava quasi esclusivamente a giocatori stranieri che giocavano nei principali campionati. Ma a poco a poco ha incorporato nel gruppo anche diversi giocatori della Jupiler Pro League.

Zino Debast, Mike Tresor, Olivier Deman, Hans Vanaken e Hugo Seckett giocavano in Belgio quando furono convocati per la prima volta da Tedesco. Nell'autunno del 2023 anche Arthur Vermeeren e Mandela Keita sono stati premiati per le loro buone prestazioni ad Anversa con le loro prime selezioni.

Ma il campione nazionale ha ancora qualche Candidato del Diavolo in riserva. Jelly Bataille, ad esempio, potrebbe fornire una soluzione alle opzioni limitate in difesa.

Suo padre Kurt Patai, vice allenatore del KV Ostenda, crede già di meritare il suo posto. O almeno una selezione anticipata. “Trovo un po' strano che non abbia mai fatto parte del draft, nemmeno in un'amichevole. Altri giocano in squadre di metà classifica e sono già lì. Ma lui è ancora giovane”. Gazzetta di Van Anversa.

READ  Eden Hazard al Real Madrid è una coppa ogni… 460 minuti