Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata a favore del Lussemburgo e di Engie

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata a favore del Lussemburgo e di Engie

pubblicato

Riscossione delle tasseLa Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata a favore del Lussemburgo e di Engie

Martedì la Corte di giustizia dell’Unione europea si è pronunciata a favore di Engie in una controversia con Bruxelles sui controversi vantaggi fiscali in Lussemburgo.

Agenzia di stampa francese

Martedì la Corte di giustizia dell’Unione europea si è pronunciata a favore della società energetica francese Engie in una controversia con Bruxelles sui controversi tagli fiscali del Lussemburgo per un ammontare di 120 milioni di euro.

Il tribunale, che si è pronunciato nella fase finale, ha deciso di annullare la decisione della Commissione europea di considerare questi benefici fiscali concessi a Engie come aiuti di Stato illegali, secondo un comunicato stampa del tribunale.

L’indagine è stata aperta nel 2016

I giudici hanno seguito la raccomandazione formulata dal procuratore Julien Kocot a maggio. La corte ha ritenuto che la commissione abbia commesso “errori” che “hanno rovinato la sua intera analisi (…) e pertanto la decisione della commissione è annullata”.

Bruxelles ha aperto un’indagine approfondita nel settembre 2016 su due “accordi finanziari” che hanno consentito a Engie di evadere parzialmente le tasse in Lussemburgo.

120 milioni di euro

Questa indagine ha preso di mira gli accordi fiscali conclusi dal Granducato nel 2008 e nel 2010 con la società energetica, a beneficio di due filiali del gruppo stabilito nel Paese: Engie LNG Supply e Engie Treasure Management.

Nel giugno 2018, la Commissione europea ha concluso che il gruppo Engie aveva beneficiato di vantaggi fiscali illegali in Lussemburgo e ha chiesto al Granducato di recuperare 120 milioni di euro dalla società di cui lo Stato francese è azionista di maggioranza.

READ  Risultati salvati da Jeep

Una serie di sconfitte simili per il comitato

Engie e il Lussemburgo hanno inizialmente presentato ricorso al Tribunale dell’Unione europea, che si è pronunciato a favore della Commissione e ha respinto il loro ricorso. Hanno quindi fatto ricorso alla Corte di Giustizia.

La Commissione europea ha già subito una serie di sconfitte in casi simili. La casa automobilistica Fiat (Gruppo Stellantis) lo scorso anno ha ottenuto dalla Corte di Giustizia europea l’annullamento di una decisione di Bruxelles che le imponeva di versare 30 milioni di euro di agevolazioni fiscali al Lussemburgo.

La Commissione ha perso contro Apple, Amazon e Starbucks anche in altre controversie fiscali in Irlanda, Lussemburgo e Paesi Bassi. Tuttavia, la vittoria di Apple è stata recentemente messa in discussione. In un parere non vincolante ma generalmente seguito dai giudici, il procuratore capo della Corte di giustizia europea a novembre ha raccomandato un nuovo processo della controversia che ha contrapposto per oltre sette anni il produttore di iPhone alla Commissione europea per oltre 13 miliardi di euro di arretrati fiscali. Irlanda.

Non ancora iscritto Di base Sui social? Unisciti subito a noi per non perdere nessuna novità, partecipa a concorsi esclusivi, contattaci direttamente, inviaci le tue foto e le tue storie e, soprattutto, sii costantemente al centro delle novità!

Iscriviti con un solo clic Alle nostre pagine Facebook, all’indirizzo Versione francofona O Di lingua tedescaNotre Conto InstagramSU Xnuovissimi canali WhatsApp o anche LinkedIn!

(Agenzia di stampa francese)