Giugno 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La BCE sta cercando di non gettare benzina sul fuoco ma continua ad alzare nuovamente i tassi di interesse

La BCE sta cercando di non gettare benzina sul fuoco ma continua ad alzare nuovamente i tassi di interesse

“Il Consiglio direttivo ha deciso oggi di aumentare di 50 punti base i tre principali tassi di interesse della Banca centrale europea, in linea con la sua determinazione a garantire che l’inflazione torni all’obiettivo del 2% nel medio termine il prima possibile”. Alle 14:15 di giovedì, il comunicato stampa è stato pubblicato sul sito web della BCE. I meccanismi si sono rotti: non esitate un minuto. La decisione annunciata e attesa è in linea con le aspettative dei mercati finanziari. Ma non si parla più di aumenti futuri. Un modo per appianare le cose?

Paura di rivedere i “giorni peggiori del 2008”: perché il crollo delle banche della Silicon Valley sta trascinando dietro di sé l’intero settore finanziario

nessuna sorpresa “buona”.

Non ci aspettavamo una sorpresa giovedì dalla BCE. Non una bella sorpresa, ma una decisione difficile da digerire dal punto di vista degli operatori finanziari, in quanto l’aumento dei principali tassi di interesse dell’Emittente europeo è destinato a rallentare l’economia. Obiettivo: influenzare la spesa delle famiglie e gli investimenti delle imprese, influenzare l’inflazione. Riducendo la domanda, influenziamo i prezzi. Ma ciò che è buono per combattere l’aumento dei prezzi non è buono per le valutazioni del mercato azionario. Un’azienda che sta rallentando è un’azienda i cui profitti diminuiranno e avrà necessariamente meno valore nel mercato azionario.

“I tassi di interesse sul rifinanziamento principale, sul margine di prestito e sul deposito saranno aumentati rispettivamente al 3,50%, 3,75% e 3,00% dal 22 marzo 2023.”

Nel contesto attuale, segnato da scosse che hanno scosso il mondo bancario, la Banca Centrale Europea ha dovuto mantenere la rotta annunciata. Una questione di credibilità, nonostante i problemi di Credit Suisse, SVB Financial Group, Signature Bank e forse First Republic Bank negli Stati Uniti. Meglio annunciare ciò che è stato pianificato che abbassare la guardia di fronte ai rischi che spaventano i banchieri. Aumentare i tassi inferiori alle attese significa riconoscere l’importanza di questi rischi. La cattiva notizia comunque è già registrata nei corsi.

READ  Tensioni nella distribuzione: "Il più grande concorrente di Colruyt non è Delhaize o Carrefour, è lo stato belga"

L’inflazione è ancora molto alta

Secondo lo staff della Banca centrale europea, l’inflazione dei prezzi dovrebbe raggiungere una media del 5,3% nel 2023, del 2,9% nel 2024 e del 2,1% nel 2025. “Inflazione al netto di alimentari ed energia, che ha nuovamente accelerato a febbraio. Lo staff della BCE stima che sarà in media del 4,6% nel 2023, in aumento rispetto alle previsioni di dicembre. Dovrebbe poi tornare al 2,5% nel 2024 e al 2,2% nel 2025. Per il capo della Banca centrale europea, la francese Christine Lagarde, ovviamente “L’inflazione è troppo alta, troppo lunga..

La preoccupazione è la forza dell’economia della zona euro. Contrasta i piani della Banca centrale europea, che in questo caso è sotto la stessa pressione della sua controparte americana, la Federal Reserve statunitense. Sebbene la ripresa della crescita attualmente osservata fosse attesa, è inferiore a quanto previsto in precedenza. “La previsione di base per la crescita nel 2023 è stata rivista al rialzo all’1,0% in media, a causa del calo dei prezzi dell’energia e di una maggiore resilienza dell’economia di fronte a un contesto internazionale difficile. Lo staff della BCE prevede che la crescita riprenderà successivamente, raggiungendo l’1,6% nel 2024 e nel 2025, sostenuta da un forte mercato del lavoro, una crescente fiducia e una ripresa del reddito reale”. poi? Christine Lagarde ha richiamato l’attenzione sul fatto che, per la prima volta, il consiglio dei governatori ha elencato i tre punti principali che dettano le decisioni di politica monetaria. “Saranno presi sulla base di una valutazione delle aspettative di inflazione alla luce dei dati economici e finanziari, delle dinamiche inflazionistiche sottostanti e della forza della trasmissione della politica monetaria. “Madame Lagarde ha insistito.

READ  Proximus cambia i suoi abbonamenti: cosa cambia?

Mercati finanziari rassicurati

L’annuncio di oggi, se dimostra che l’inflazione è ancora molto elevata, ha chiaramente portato un po’ di calma sui mercati finanziari. Pochi minuti dopo la pubblicazione dei dati, i mercati azionari europei sono rimbalzati dopo un inizio di giornata molto esitante. Sul fronte valutario, l’euro è rimbalzato di quasi mezzo punto percentuale a $ 1,0619. È stato durante la sessione di domande e risposte che è seguita alla conferenza stampa che Christine Lagarde ha insistito sul fatto che “La BCE ha gli strumenti ei mezzi per far fronte a qualsiasi pressione sul fronte finanziario, compresa la crisi di liquidità, che oggi certamente non vediamo..