Agosto 9, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La battaglia del gas tra Mosca e l’Occidente continua e i prezzi salgono

Il 22 febbraio 2022, il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha annunciato la sospensione della certificazione del gasdotto Nord Stream 2 che collega la Russia con la Germania in risposta al riconoscimento da parte di Mosca dei territori separatisti nell’Ucraina orientale. Al centro di battaglie geopolitiche ed economiche sin dal suo inizio, questo progetto faraonico è osteggiato da Stati Uniti e Germania – che importano più della metà del suo gas dalla Russia – ma anche dagli europei nel mezzo, oltre a Russia e Ucraina, ne sono preoccupati. Perdita di entrate dal gas russo in transito sul suo territorio.

I prezzi stanno aumentando molto rapidamente

Il 24 febbraio la Russia ha attaccato l’Ucraina. Di fronte ai rischi di potenziali interruzioni dell’approvvigionamento, i prezzi del gas naturale e del petrolio sono aumentati vertiginosamente. Il 2 marzo l’Unione Europea (UE) ha “scollegato” sette banche russe dal sistema finanziario internazionale Swift, risparmiando due grandi istituzioni finanziarie strettamente legate al settore degli idrocarburi, a causa della forte dipendenza di molti paesi europei dal gas russo. Compreso Germania, Italia, Austria-Ungheria. Mosca fornisce circa il 40% delle importazioni europee di gas.

Embargo Usa e contro-sanzioni russe

L’8 marzo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha vietato le importazioni di idrocarburi russi.

Più o meno nello stesso periodo, il Regno Unito ha annunciato che avrebbe smesso di importare energia russa entro la fine del 2022, mentre l’Unione europea si è posta l’obiettivo di ridurre i suoi acquisti di due terzi rispetto al 2022. Il 23 marzo, il presidente russo Vladimir Putin ha deciso di vietare agli europei di pagare il gas russo in dollari o euro, in risposta al congelamento di circa 300 miliardi di dollari di riserve valutarie che la Russia aveva all’estero.

READ  500 chilogrammi di cocaina sequestrati in un sito Nespresso

Ha annunciato a fine marzo che i consumatori di gas russo provenienti da paesi “ostili” – soprattutto europei – avrebbero dovuto aprire conti in rubli nelle banche russe per pagare le bollette o rischiare di essere privati ​​delle forniture. Il provvedimento è stato respinto dalla Commissione Europea, che ritiene una violazione delle sanzioni internazionali imposte a Mosca. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea stanno negoziando soluzioni alternative. Washington si impegna a fornire all’Europa altri 15 miliardi di metri cubi di gas naturale liquefatto (GNL) nel 2022.

privato del gas russo

Il 27 aprile il colosso russo Gazprom ha sospeso tutte le consegne in Bulgaria e Polonia, sostenendo che non erano state pagate in rubli. denunciare “Ricatto del gas”La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che questi due paesi, che dipendono fortemente dall’oro blu russo, saranno ora riforniti “dai loro vicini nell’Unione Europea”. Il 21 maggio, la Russia ha interrotto il gas alla vicina Finlandia, che ha rifiutato di pagare in rubli e l’ha fatta infuriare con la richiesta di aderire alla NATO. Il 30 maggio i leader dei 27 Stati membri dell’Unione Europea hanno raggiunto un accordo che consente loro di ridurre le importazioni di petrolio russo di circa il 90% entro la fine dell’anno, posticipando l’adozione di un embargo sul gas.

A metà giugno, Gazprom, adducendo un problema tecnico, ha tagliato del 60% i suoi collegamenti, principalmente con la Germania tramite il Nord Stream 1, provocando un’esplosione dei prezzi. Il 23 giugno la Germania ha attivato il “livello di allerta” sulle proprie forniture di gas, avvicinando il Paese alle misure di razionamento. L’11 luglio, Gazprom Nord Stream 1 è stata chiusa per dieci giorni per manutenzione.

READ  Nei Paesi Bassi, due sospetti sudafricani sono fuggiti dalla quarantena

Il 18 l’Unione Europea ha annunciato un accordo con l’Azerbaigian per raddoppiarlo “Qualche anno” importazioni di gas naturale. I ventisette sono diretti anche in altri paesi come Qatar, Norvegia e Algeria. Il 20, Bruxelles ha proposto un piano volto a ridurre del 15% la domanda di gas europea per superare il calo delle spedizioni russe. Il 25 del mese, Gazprom ha annunciato che ridurrà nuovamente in modo significativo le consegne in Europa tramite Nord Stream I da dopodomani, citando la necessità di manutenzione delle turbine.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky invita l’Europa a farlo “difendere” In questo Guerra del gas guidato dalla Russia, inasprindo le sanzioni contro Mosca.

Il 30, Gazprom ha annunciato di aver sospeso la consegna in Lettonia, citando A Violazione dei termini di campionamento del gas. I prezzi salgono…