Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Kim Jong Un intende proteggere la Corea del Nord dall’influenza straniera

Grazie alla successione del padre nel 2011, questo appassionato di basket istruito in Svizzera si è trovato al timone di uno dei paesi più isolati del pianeta.

All’inizio, ha mostrato il desiderio di allentare il controllo statale sull’economia, chiudendo un occhio sullo sviluppo del mercato nero. Queste iniziative private molto modeste hanno permesso al paese di registrare la sua crescita più forte in 17 anni nel 2016, secondo la banca centrale della Corea del Sud.

Allo stesso tempo, stava comunicando con Seoul, arrivando al punto di invitare le star sudcoreane a cantare a Pyongyang. Nel 2012, i musicisti hanno presentato “My Way” di Frank Sinatra e sei anni dopo, le pop star hanno cantato la canzone del titolo del film americano “Rocky”.

Da allora, le sanzioni internazionali imposte nel 2017 dopo i test missilistici e un potente test nucleare hanno avuto un pesante tributo sulla sua economia. La chiusura dei suoi confini nel gennaio 2020 per proteggersi dal coronavirus ha esacerbato la situazione.

In risposta, hanno detto gli analisti, il leader nordcoreano ha rafforzato la sua presa e ha chiesto solidarietà nazionale.

“Sempre più supervisione indicano che il sistema è meno fiducioso”, ha affermato Troy Stangaroni, direttore del Korea Economic Institute.

“caso peggiore”

Nel frattempo, dicono gli analisti, il leader ha perso fiducia dopo i suoi vari incontri con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, terminati in un vicolo cieco nel 2019. I due leader non sono riusciti a raggiungere un accordo sui termini di allentamento delle sanzioni.

Secondo la Banca centrale della Corea del Sud, nel 2020 la Corea del Nord ha vissuto la più grande recessione economica degli ultimi due decenni.

READ  Un mese dopo la sua sconfitta, il campo di Trump si stava preparando a prendere il controllo delle macchine elettorali

Al congresso del partito di governo di gennaio, Kim Jong-un ha ammesso gli errori nell’attuazione del piano economico, definendo gli ultimi cinque anni il periodo “peggiore” per il suo Paese.

Il regime riprese formalmente il controllo di tutto il commercio estero e dei mercati interni. Pyongyang ha promulgato una legge che punisce con 15 anni di carcere i possessori di proprietà sudcoreane.

I media nordcoreani hanno riportato le parole del leader, esortando le autorità a sradicare “un cancro maligno che minaccia la nostra ideologia e il nostro sistema sociale e impedisce il pensiero a senso unico”.

“In tempi difficili, il regime deve consolidare il suo controllo per riaffermare la sua autorità”, ha detto Stangaroni all’AFP.

“Generazione Jangmadang”

La Corea del Nord ha represso a lungo quella che definisce una “invasione ideologica e culturale”. L’accesso alla cultura dall’estero è severamente limitato, sostenuto da pene detentive.

Tutte le radio e le televisioni sono preimpostate per ricevere solo i media statali e i nordcoreani non hanno accesso al World Wide Web.

Ma secondo gli analisti, tale supervisione sarebbe difficile da essere completa perché i materiali stranieri sono già abbondanti in Corea del Nord, soprattutto tra le giovani generazioni, grazie in particolare alle chiavette USB importate illegalmente dalla Cina.

In uno studio condotto dall’Istituto per gli studi sulla pace e l’unificazione della Seoul National University, quasi la metà delle 116 persone fuggite dalla Corea del Nord nel 2018 e nel 2019 ha affermato di guardare “molto” intrattenimento dalla Corea del Sud.

Cho Han-bum, ricercatore senior presso l’Istituto nazionale per l’unificazione della Corea, ha affermato che la “generazione Jangmadang” – coloro che sono nati e cresciuti durante e dopo la carestia degli anni ’90 – hanno maggiori probabilità di resistere alla repressione.

READ  Guerre en Ucraina: le immagini impressionnantes avant/après des villes bombardées

Dal momento che lo stato non era in grado di fornire loro razioni di cibo da bambini, sono cresciuti da soli, facendo affidamento sul mercato nero per sopravvivere – e con meno lealtà verso i governanti, signor Chu.

“Il conflitto tra l’approccio conservatore di Kim (Jung Un), i millennial e la Generazione Z del Nord – che apprezzano le soap opera sudcoreane e la musica dei BTS – sarà inevitabile”, ha aggiunto.