Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jack Bauer parla della sua impressionante caduta al Tour de France: “I parafanghi sono morbidi rispetto al bitume”

La diciottesima tappa del Tour de France tra Lourdes e Hotacamp ci ha presentato un nuovo meraviglioso duello tra Jonas Fingergaard e altri Tadej Pojjakar. Maglia gialla danese con nuovi aiuti Watt Van Air Giorni fantastici, il Tour ha sbalordito un po’ di più e un po’ più vicino alla loro prima vittoria finale a Parigi. Una tappa antologica che ha messo in secondo piano la realtà di un’altra razza.

A 95 km dalla fine, Jack Power Caduto nella scogliera del colonnello de Obesque. Con la strada stretta, il pilota neozelandese, trattenuto da una moto pressurizzata, ha urtato la parte posteriore dell’auto del team Gli Emirati Arabi Uniti. Shock impressionante ma alla fine non pericoloso poiché è stato in grado di andarsene dopo pochi istanti. Un evento gli tornò in mente al suo arrivo a Otakam. “Moto e auto si sono fermate e non c’era abbastanza spazio. Ma la pendenza era così ripida che i freni non hanno aiutato molto. Quindi o gira a sinistra e colpisci un edificio o continua e colpisci l’auto degli Emirati Arabi Uniti. Ho colpito uno Shimano pochi giorni fa e so quanto sono morbidi i parafanghi rispetto a una pista o un edificio. E non è nemmeno uno scherzo! ” Spiega il membro della formazione BikeExchange nel feedback che hai segnalato DH.

Nonostante lo shock commovente, Jack Power Non nutre rancore contro i piloti coinvolti nella sua caduta. “Siamo sempre al limite quando siamo in moto, sia su strada che dietro l’auto. Di solito va bene tra piloti e altri ciclisti. Ma una volta ogni tanto, come oggi, non passa”.

Le moto che hanno causato questo incidente sono state squalificate dalla gara per la fine del round.

READ  "So che lo Standard ha la capacità di ripristinare la vetta della classifica"