Giugno 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ivan Leko dopo la sconfitta dello Standard contro il Gent: “Non voglio più partecipare a questo scherzo… ma sono comunque orgoglioso di allenare questo club”

Ivan Leko non riesce più a nascondere la sua tristezza ma anche la sua stanchezza per gli eventi che circondano la vita quotidiana di Standard. Il ragionamento è logico e la sconfitta subita sabato sera contro La Jeantoise ha rafforzato ancora di più queste sensazioni. “La vittoria di Gent ha un senso”lo analizzò per la prima volta.

Poi è tornato sugli avvenimenti degli ultimi giorni. “Come affronto la situazione? Sono molto triste ma ho una maschera in faccia. La competizione belga è così seria, e lo Standard è così grave che questa situazione non fa ridere nessuno. Sì, è il momento più triste della mia carriera, non me lo aspettavo”.

Tutte le speranze sono già perdute? Forse per convincersi, Ivan Leko ha cercato di trovare argomenti che molto probabilmente dimostrassero che lo Standard poteva tornare in prima linea. “Lo standard tornerà. Prendiamo l’esempio dell’Anderlecht. L’anno scorso i Bruxelles erano 10°, 12° o 15°, non lo so più, ma quest’anno stanno lottando per il titolo. Lo standard tornerà, Non ho paura, mi vergogno di far parte del periodo peggiore della storia di questo club, se avesse giocato con la sua squadra migliore, avremmo vinto 15-0.

Questo discorso lascia intendere che l’allenatore non è sicuro (tutt’altro) della sua presenza alla ripresa degli allenamenti il ​​prossimo giugno. “Non voglio prendere parte a questa battuta. Sono sempre orgoglioso di essere l’allenatore di questo club perché so che tornerà con o senza di me quando vedrò tutte queste persone venire in campo, dimostrando come farlo amano moltissimo questo club, questi colori, questo logo… ma in questo momento è uno scherzo a tutti i livelli.

READ  Live video Union SG - Liverpool: 2-1, l'Union continua a dominare