Maggio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Indicizzazione dei Contratti Energia al 1° aprile: sono previsti cali dal 60 al 65% nelle variabili trimestrali, è la fine della crisi?

Indicizzazione dei Contratti Energia al 1° aprile: sono previsti cali dal 60 al 65% nelle variabili trimestrali, è la fine della crisi?

Il prossimo 1 aprile non è un pesce: i prezzi dell’energia scenderanno in modo impressionante.

Ciò è particolarmente vero per i numerosi belgi che avevano un contratto trimestrale variabile, contratti che Engie in particolare offriva automaticamente ai propri clienti quando i prezzi erano così alti da non voler più aggiudicare un contratto fisso. Questo è il tipo di “variatore facile” in un variatore Engie o Eneco, per esempio.

Fatte salve le formule tariffarie in essere e i prezzi del mercato all’ingrosso osservati a marzo, si dovrebbe passare da una tariffa di 14 centesimi per chilowattora di gas a marzo a 6 centesimi per il trimestre successivo. meno 60%.
E per l’elettricità, dobbiamo salire da 44 centesimi a 16 centesimi per chilowattora, o circa tre volte di meno.

Il consiglio per Olivier Desclée, il portavoce di Engie, è anche da lunedì (quando il sistema registra i nuovi prezzi) di andare a segnare i tuoi cataloghi online, e vedere se puoi abbassare l’acconto.

Come si spiega questo forte calo?

ci sono molte ragioni :

  • Dal picco di fine agosto, il prezzo all’ingrosso ha appena smesso di scendere.
  • Per un contratto trimestrale, per definizione, il prezzo cambia solo ogni trimestre. (Per chi ha un contratto mensile, ad esempio, c’è anche una riduzione, ma che cosa è superiore al 20%. Perché? Perché i prezzi di questi contratti sono già scesi notevolmente nei mesi precedenti).
  • Durante l’ultimo indicatore, a gennaio, il calo non è stato molto forte perché i prezzi all’ingrosso erano appena aumentati a dicembre, a causa dei maggiori consumi in quel mese e dei problemi della flotta nucleare francese. Ma questa volta è così, i prezzi al consumo seguono i prezzi all’ingrosso, e siamo tornati ai prezzi che erano nell’ottobre 2021, prima della guerra in Ucraina, per esempio.
READ  Manifestazione nazionale lunedì 20 giugno: ecco i settori in difficoltà

È la fine della crisi? Tornare alla normalità?

È tornato alla normalità. Siamo tornati ai prezzi prebellici in Ucraina, ma siamo ancora a più del doppio dei prezzi del 2020. Dobbiamo ricordare che i prezzi sono davvero aumentati prima della guerra, con le minacce russe su Nordstream e le preoccupazioni per le forniture di gas.

Tuttavia, possiamo vedere che i fornitori sembrano essere fiduciosi nell’evoluzione di questi prezzi, perché dopo Luminus, Engie e Mega offriranno nuovamente contratti fissi.

Se i prezzi stanno scendendo, vale davvero la pena firmare un contratto?

Tutto dipende dal tuo umore. Nel prossimo futuro è chiaro che il prezzo della costante sarà comunque leggermente superiore al prezzo della variabile. Paghiamo il rischio del fornitore impegnandoci in questo metodo per un anno.

Per il resto è semplice: se i prezzi continuano a scendere, la variante sarà più interessante. Ma se finiscono per riparare ti protegge dalle eccedenze, come abbiamo visto l’anno scorso. Quindi, se hai bisogno di sicurezza o per assicurarti di non superare un certo budget, può essere divertente.

La tendenza per diversi mesi è stata al ribasso, ma ora sembra stabilizzarsi un po’. Siamo ancora più del doppio dei prezzi del 2020, ma ci sono poche possibilità che torniamo a quei prezzi per un semplice motivo: a quel tempo, tutto il nostro gas passava attraverso il gasdotto.
Oggi, per garantire le nostre forniture, e questo ha permesso di ridurre i prezzi, ci siamo rivolti a nuovi fornitori, che hanno consegnato GNL e GPL.