Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Israele è pronto a rispondere a qualsiasi attacco e bombardamento iraniano sulla Striscia di Gaza – 13/04/2024 alle 18:49

Palestinesi, compresi i bambini feriti in un bombardamento israeliano sul campo di Nuseirat, arrivano all'ospedale dei martiri di Al-Aqsa a Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza, il 13 aprile 2024 (AFP/-)

Sabato Israele ha dichiarato di essere pronto a rispondere a qualsiasi attacco proveniente dall'Iran, lanciando nuovi raid mortali su Gaza e scambiando colpi con Hezbollah libanese, un contesto che solleva timori di una conflagrazione regionale.

Israele è in allerta dopo le minacce dell'Iran, che ha promesso di “punirlo” dopo l'attacco mortale che ha colpito il suo consolato a Damasco il 1° aprile, uccidendo due generali della Guardia rivoluzionaria, l'esercito ideologico iraniano. Teheran ha accusato Israele, che non lo ha né confermato né smentito.

La Repubblica islamica dell'Iran è nemica di Israele e alleata di Hamas, che il 7 ottobre ha lanciato un sanguinoso attacco senza precedenti sul territorio israeliano che ha portato a un devastante attacco israeliano a Gaza, dove sono state uccise 33.686 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo alle autorità israeliane. Movimento palestinese.

Il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari ha avvertito che l’Iran “soffrirà le conseguenze della sua scelta aggravando ulteriormente la situazione”. Ha aggiunto: “Abbiamo rafforzato i nostri preparativi per proteggere Israele da qualsiasi ulteriore aggressione iraniana. Siamo anche pronti a rispondere”.

Un funzionario americano, storico alleato di Israele, ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero schierato “risorse aggiuntive” in Medio Oriente per “sostenere gli sforzi di deterrenza regionale e aumentare la protezione delle forze americane”, senza specificare la natura di questi rinforzi.

Dopo aver annunciato mercoledì che l’Iran “minaccia di lanciare un grande attacco contro Israele”, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto venerdì che si aspetta che l’attacco avvenga “presto”. Ha aggiunto: “Aiuteremo Israele a difendersi, e l’Iran fallirà”.

READ  Mappe per comprendere i recenti sviluppi delle forze ucraine

– 'L'inizio dell'escalation' –

Sabato, nelle acque del Golfo, vicino allo Stretto di Hormuz, una delle rotte marittime più utilizzate per la navigazione commerciale, forze navali speciali della Guardia rivoluzionaria iraniana hanno sequestrato una nave portacontainer accusata di essere “legata” a Israele, con 25 persone a bordo. Membri dell'equipaggio a bordo.

Le autorità iraniane non hanno chiarito se questa operazione fosse collegata alla risposta annunciata da Teheran.

Karim Bitar, ricercatore presso l'Istituto di relazioni internazionali e strategiche, afferma: “Gli americani hanno avvertito di alcune misure che sembravano più importanti di questo passo, ma potrebbe essere l'inizio (…) di un'escalation più ampia” (Iris) .

Dopo questo sequestro, il ministro degli Esteri israeliano Yisrael Katz ha chiesto all’Unione Europea di classificare la Guardia Rivoluzionaria come “organizzazione terroristica”.

Di fronte a questa situazione turbolenta, i Paesi Bassi hanno chiuso la loro ambasciata in Iran e il loro consolato a Erbil, nel nord dell’Iraq. Francia, Germania e Stati Uniti hanno invitato i loro cittadini a non recarsi in Iran. La compagnia tedesca Lufthansa e la sua filiale austriaca Austrian Airlines hanno sospeso i voli da e per Teheran fino al 18 aprile.

A circa 2.000 chilometri a ovest dell’Iran, nella Striscia di Gaza, l’esercito israeliano ha continuato i suoi attacchi, prendendo nuovamente di mira il campo profughi di Nuseirat, nel mezzo dei territori palestinesi che sta assediando e che ospita la maggioranza della popolazione di 2,4 milioni di persone minacciate dalla carestia. . Secondo le Nazioni Unite.

Nelle ultime 24 ore, 52 palestinesi sono stati uccisi, secondo un nuovo rapporto del ministero della Sanità di Hamas, che ha preso il potere a Gaza nel 2007 e che Stati Uniti, Unione Europea e Israele classificano come gruppo terroristico.

– “Abbastanza!” –

Palestinesi feriti durante il bombardamento israeliano del campo profughi di Nuseirat nel centro di Gaza aspettano di ricevere cure presso l'ospedale dei martiri di Al-Aqsa a Deir al-Balah, 13 aprile 2024 (AFP/-)

A Deir al-Balah, un video dell'AFP mostra un paesaggio devastato e montagne di rovine, compresi i resti di una moschea.

Muhammad Adel Thabet, un residente, dice: “Eravamo a casa quando l’esercito (israeliano) è arrivato e ci ha chiesto di evacuare l’area (…) e un’ora dopo l’intera area è esplosa”.

Un altro membro della famiglia Thabet dice: “La mia unica richiesta è che la guerra finisca. Siamo stanchi di distruzione, demolizione e uccisioni”.

Il 7 ottobre, commando di Hamas, infiltratisi dalla vicina Striscia di Gaza, hanno effettuato un attacco nel sud di Israele, uccidendo 1.170 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un rapporto preparato dall'Agence France-Presse sulla base delle dichiarazioni di funzionari israeliani.

Secondo funzionari israeliani, più di 250 persone sono state rapite e 129 rimangono detenute a Gaza, di cui 34 sono morte.

Sembra che i negoziati indiretti tra Hamas e Israele attraverso mediatori del Qatar, egiziani e americani siano in fase di stallo, con le parti in guerra che non hanno ancora risposto alla proposta di tregua presentata relativa al rilascio degli ostaggi e all'ingresso di maggiori aiuti. Israele.

– Escalation di violenza in Cisgiordania –

In Cisgiordania, territorio palestinese occupato da Israele dal 1967 e separato da Gaza tramite territorio israeliano, il ritrovamento del corpo di un giovane pastore israeliano scomparso ha scatenato atti di violenza da parte dell'esercito e dei coloni contro i palestinesi.

Una dichiarazione ufficiale israeliana afferma: “Benjamin Ahimeir è stato assassinato in un attacco terroristico”.

Una nuvola di fumo si alza sul villaggio di Tayr Harfa, nel sud del Libano, dopo un bombardamento israeliano, il 13 aprile 2024 (AFP/KAWNAT HAJU)

Secondo le autorità palestinesi, l'esercito ha assediato diversi villaggi in Cisgiordania ed è stato attaccato da centinaia di coloni, ferendo diverse persone.

Infine, sul fronte settentrionale di Israele, al confine con il Libano, gli Hezbollah libanesi hanno rivendicato un “attacco con droni” e un altro attacco missilistico contro siti militari ad Hanita, nel nord del territorio israeliano.

In risposta, l’artiglieria israeliana ha bombardato obiettivi nel sud del Libano.