Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cresce l’occupazione filo-palestinese nel campus Uniel – rts.ch

Cresce l’occupazione filo-palestinese nel campus Uniel – rts.ch

L’edificio Geopolis nel campus dell’Università di Losanna (UNIL) è sempre più occupato da un gruppo di studenti filo-palestinesi. Scritta da undici dipendenti Unil, una lettera di sostegno all’occupazione è stata inviata alla direzione.

Con una riunione di 200 persone, discorsi, conferenze e musica, il movimento pro-Palestina sta guadagnando slancio nel campus dell’Università di Losanna. L’occupazione è stata approvata dall’amministrazione lunedì.

Il corpo studentesco coinvolto richiede una serie di collaborazioni con le istituzioni israeliane, oltre al loro boicottaggio accademico. “L’Unel ha la responsabilità di collaborare con le istituzioni israeliane”, spiega uno degli studenti che hanno partecipato all’occupazione.

>> Nell’argomento: “Vogliamo mantenere il dialogo e garantire che il campus rimanga sicuro”, afferma il rettore dell’UNIL.

Dalla fine di questa settimana, molti insegnanti hanno sostenuto questa mobilitazione. Mounia Bennani Chraibi, professoressa di scienze politiche, ha affermato: “Il loro lavoro è pacifico e non violento e i loro valori sono coerenti con i valori universali dei diritti umani”.

E aggiunge: “È molto importante per noi che ci sia stata questa mobilitazione di fronte alle violazioni del diritto internazionale da diversi mesi”.

Discorso impegnato

Oltre a sostenere parte del personale docente, sabato è stata inviata all’amministrazione una lettera firmata da undici dipendenti Unil. Mostra il suo sostegno al movimento studentesco a favore della Palestina.

“Sosteniamo fermamente la richiesta avanzata dagli studenti (…) di porre fine a qualsiasi cooperazione con istituzioni legate al governo israeliano o che non hanno espresso la loro opposizione alla politica attuale”, si legge nella lettera.

L’Università di Losanna, contattata dalla RTS, non ha voluto rispondere.

Un clima di tensione

Da quando questa lettera è stata pubblicata, alcuni insegnanti temono che il clima lavorativo si deteriorerà a causa della polarizzazione che crea. Anne Bellman Sanchez, professoressa di storia antica, si rammarica di aver presentato la sua posizione in un contesto accademico.

READ  Nuovi missili Stinger e carri armati Leopard per l'Ucraina | La guerra in Ucraina

“O sei in un campo, o sei in un altro campo. Questo è esattamente ciò che chiamo posizionamento politico. Per me, l’università non deve assumere questo posizionamento politico”.

Secondo lei è diventato difficile «lavorare in silenzio, condurre la nostra ricerca e il nostro lavoro di insegnamento in un quadro conflittuale come quello che è diventata oggi l’Università di Losanna».

Soggetto televisivo: Jacqueline Perszel

Adattamento web: Raphael Dubois