Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ionity apre la sua centesima stazione e passa al prezzo del kWh!

Ionity ha appena aperto il suo 100° (e oltre 102° per l’esattezza) terminal di ricarica rapida per la Francia, a St-Witz al 95, vicino all’aeroporto di Roissy. Un’occasione per valutare l’offerta Ionity e il futuro del consorzio, con un certo numero di vetture dei produttori partner.

Breve promemoria di alcuni dei personaggi chiave: Ionity si posiziona come un pioniere nella ricarica ad alta velocità in autostrada, con In 24 paesi, ci sono attualmente 414 stazioni e 1700 stazioni in Europa. Dal 2008 gli impianti sono tarati ad una potenza massima di 350 kW, utilizzando solo energia rinnovabile. Ne ha parlato David Minyan, Direttore delle Operazioni Ionio Vede un tempo medio di ricarica di 15-30 minuti, consentendo un viaggio di oltre 413 milioni di chilometri o, in modo capillare, 538 viaggi di andata e ritorno intorno alla Terra/Luna. Ci è stato poi ricordato che la potenza di ricarica massima consentita per le auto era compresa tra 120 e 150 kW nel 2008 e 350 kW oggi è abbastanza sufficiente, dato che le auto attuali sono generalmente fissate a 250 kW. È stato poi loro ricordato che gli utenti di veicoli elettrici possono preferire la qualità del servizio alla stretta vicinanza alle loro rotte; Così la stazione più utilizzata in Francia, e una delle più utilizzate in Europa, è collegata a Leclerc nella regione di Metz. I partner locali offrono poi i loro servizi aggiuntivi, come qui al Novotel di St. Witz.

Brieuc de Tonquédec, Direttore della Pubblicazione per la Francia, ci ha detto che questa centesima stazione di St-Witz è in realtà la 102a stazione in funzione, con 7 stazioni attualmente in costruzione; Come se si notasse l’intenso sviluppo dell’infrastruttura interna! Le stazioni consentiranno quindi di ripristinare fino a 300 chilometri di autonomia in 20 minuti.

READ  Un vaccino contro omicron: Pfizer et BioNTech debuttano l'essai clinique

Più di 7000 stazioni in Europa entro il 2025

Un ulteriore investimento di 700 milioni di euro da parte dei partner Ionity consentirà di puntare a 1.000 stazioni di ricarica per 7.000 stazioni in Europa e oltre 180 in Francia entro il 2025. In tre anni l’infrastruttura è raddoppiata. Ionity mira a creare terminal più grandi, per più terminal, adattandosi così alla crescente domanda di ricarica rapida per i veicoli elettrici. L’ambizione è di una media di 12 stazioni per stazione (passare da 6 a 12 stazioni richiederebbe solo due settimane alla stazione). Concetto Principale Vengono quindi presi in considerazione, con tapparelle, pannelli fotovoltaici e servizi premium tra cui tavoli/sedie e WIFI.

Le stazioni sono meglio attrezzate e più limitate alle autostrade

Nonostante tutto, Ionity ci ha ricordato che la mancanza di tetti nelle sue stazioni era al centro della velocità delle sue strutture… ovvero un mese per annunciare i lavori, sei-quindici per connettersi alla rete, citando l’efficienza procedurale, la qualità della rete Enedis e scambi efficaci con i servizi pubblici e i comuni.

L’obiettivo è valorizzare la presenza delle stazioni sulle autostrade, ma anche (e soprattutto?) ampliare gli snodi secondari e avvicinarsi agli agglomerati.

Le stazioni sono più protette e più vicine ai centri cittadini, riteniamo che Ionity stia considerando attentamente i suoi giovani concorrenti. E anche cambiare il metodo di prezzo!

Ionity si trasforma in un prezzo per kilowattora!

Niente più prezzi al minuto su Ionity. All’inizio di luglio, ora sarà per kilowattora. Con l’ammodernamento delle stazioni e l’installazione dei contatori CC, le stazioni francesi non faranno eccezione. Calcola 0,39 euro al kWh con le poche stazioni pubbliche da 50 kW e 0,69 euro al kWh sulle stazioni da 350 kWh, per le tariffe esclusi gli abbonamenti (che interessano il 15% degli utenti).

Nella simulazione, ci è stato detto un calo da 40 a 36 euro su un carico dal 10 all’80% su un Hyundai Kona elettrica. Il prezzo è quindi considerato più equo ai fini del pagamento diretto con carta di credito. Quindi Ionity trattiene il costo delle perdite di potenza (trasformatori, riscaldamento dei terminali, ecc.). Va notato che Ionity non addebita costi aggiuntivi per occupare i locali di ricarica… una volta completati, come si può vedere in particolare in Tesla.

READ  Un franchisee di Pizza Hut a Prud'hommes accusato delle pratiche di Grattan