Novembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Investire in salute in Africa

Donald Kaberuka, ex presidente della Banca africana di sviluppo, presiede il consiglio di amministrazione del Fondo globale per la lotta all’AIDS, alla tubercolosi e alla malaria.

Kigali – È passato, ed è ancora vicino, un periodo in cui la diagnosi di HIV era una condanna a morte. L’AIDS, insieme alla tubercolosi e alla malaria, ha ucciso milioni di persone e ha travolto i sistemi sanitari in tutto il mondo, e ancor di più in Africa. Ma il mondo è rimasto unito. Il Fondo globale per la lotta all’AIDS, alla tubercolosi e alla malaria, istituito nel 2002, è una storia di successo senza precedenti. La collaborazione tra paesi sviluppati e in via di sviluppo ha salvato 44 milioni di vite e il tasso di mortalità combinato per queste tre malattie è diminuito di oltre la metà.
Salvare questi tanti ha avuto un enorme impatto economico. Il Global Fund stima che investire un dollaro nei programmi sanitari che sostiene si tradurrà in trentuno dollari in guadagni sanitari e benefici economici nei prossimi tre anni. E poiché la maggior parte di questi investimenti è in Africa, i benefici si sono diffusi in tutto il continente.
Ma la pandemia di Covid-19 ha fermato questo rapido progresso. Sebbene il tasso di mortalità nel continente non sia stato così catastrofico come molti temevano, l’epidemia ha avuto profonde conseguenze negative per i sistemi sanitari africani e per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria. I test positivi, la diagnosi e il trattamento per queste malattie sono stati gravemente ostacolati, minando i progressi compiuti nei decenni precedenti. Ad esempio, i decessi per malaria nel mondo sono aumentati del 13% nel 2020, raggiungendo un livello che non si vedeva dal 2012. Se non cambia nulla, il divario in termini di salute pubblica e risultati economici tra i paesi africani e il resto del mondo si allargherà.
L’assistenza internazionale è ancora necessaria. Per compensare le perdite causate dalla pandemia e continuare a salvare vite umane, il Global Fund deve riuscire a raccogliere i 18 miliardi di dollari previsti nei prossimi tre anni. La Conferenza di ricostituzione del Fondo, che si terrà questo mese, riunirà rappresentanti dei paesi donatori, nonché gruppi del settore privato e della società civile per rinnovare gli impegni e garantire l’assistenza prioritaria per combattere l’AIDS, la tubercolosi e la malaria.
Ma gli investimenti interni sono necessari anche per mantenere politiche sanitarie sostenibili, soprattutto visto l’impatto degli shock attuali a cui sono esposte tutte le economie, sviluppate ed emergenti allo stesso modo. A tal fine, il Fondo Globale sostiene iniziative come l’African Leaders’ Meeting (ARD) convocato dall’Unione Africana, che chiede un maggiore utilizzo delle risorse nazionali per la salute.
Se i paesi nordici di oggi possono immaginare una rinascita dell’economia post-Covid, l’Africa è ancora indietro rispetto al resto del mondo nell’ottenere vaccini e dosi da somministrare. Il continente impiegherà molto più tempo per riprendersi completamente dalla pandemia. In che modo, quindi, data l’incertezza sulle prospettive economiche – con il PIL più basso dell’Africa, l’inflazione in aumento e l’aumento dei costi alimentari ed energetici – i governi possono praticamente aumentare la spesa? la salute?
Pur non essendoci un proiettile d’argento, abbiamo comunque individuato un certo numero di azioni o iniziative che le autorità pubbliche possono intraprendere per promuovere gli investimenti nel settore sanitario.
Per cominciare, la ripresa economica crea un circolo virtuoso: la crescita del PIL consente maggiori investimenti nella salute e le popolazioni più sane sono più produttive. I prossimi anni potrebbero essere difficili, poiché le ricadute a lungo termine della pandemia e della guerra in Ucraina avranno un impatto negativo sugli investimenti e sul commercio. Ma la piena attuazione di iniziative come l’Africa Continental Free Trade Area (AfCFTA) potrebbe aiutare a ridurre la dipendenza dell’Africa dalle importazioni di cibo e combustibili.
Un altro modo per sostenere i sistemi sanitari locali è aumentare le entrate fiscali. Molti paesi africani affrontano un “divario fiscale”: la differenza tra ciò che le loro normative fiscali dovrebbero teoricamente consentire loro di riscuotere e ciò che la pubblica amministrazione è in grado di riscuotere. Rimuovere gli sbocchi e rendere più efficiente l’amministrazione fiscale sono modi potenti per liberare denaro per la salute.
La spesa pubblica dovrebbe anche destinare una quota maggiore alla salute. Sono pochissimi i paesi africani che attualmente dedicano il 15% del proprio budget alla spesa sanitaria, obiettivo fissato dalla Dichiarazione di Abuja nel 2001. Ciò mina la sua capacità di aumentare i suoi sforzi per sradicare l’AIDS, la tubercolosi, la malaria e altre epidemie, riducendo le sue possibilità di raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile 2030.
Tradotto dall’inglese da François Boissifon
Copyright: Project Syndicate, 2022.
www.project-syndicate.org

READ  Ecco le ultime notizie sulla salute di Françoise Hardy

Par Donald Kaberuka

incorniciato

Prevista partecipazione del settore privato

Anche il settore privato deve sostenere la sua parte, sia attraverso l’imposta sulle società, i piani di assicurazione sanitaria concessi ai dipendenti o le condizioni di salute sul posto di lavoro. Le aziende private traggono enormi benefici da una popolazione sana – come abbiamo visto in contrasto con la pandemia di Covid-19 – e le malattie infettive che sfuggono al controllo possono comportare enormi perdite per loro.
Naturalmente, c’è anche la necessità di migliorare l’efficienza della spesa sanitaria, che richiede un migliore coordinamento tra i ministeri delle finanze e della salute. I primi possono contribuire alla programmazione, al budgeting e alla determinazione della spesa valutando chiaramente le risorse disponibili a medio termine e mantenendo un margine di azione in caso di mutate esigenze, in particolare durante le emergenze sanitarie. Allo stesso tempo, i ministeri della salute possono attuare programmi pubblici più razionali ed essere più attenti ai costi.
La raccolta di queste risorse richiede volontà politica e impegno costante. Il Fondo globale sostiene direttamente le comunità e i governi africani nei loro sforzi per rafforzare i loro sistemi sanitari. Ma solo una combinazione di aiuti internazionali e finanziamenti interni può fornire lo slancio per sradicare l’AIDS, la tubercolosi e la malaria entro il 2030. Solo sconfiggendo queste epidemie possiamo far avanzare le economie africane, rafforzare le difese globali contro future epidemie e liberare milioni di persone da il peso della malattia. .