Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Disagi economici senza precedenti”

“Disagi economici senza precedenti”

Il gruppo di prêt-à-porter Kaporal, un marchio di abbigliamento francese specializzato in jeans, è stato ufficialmente posto in amministrazione controllata, secondo una decisione emessa venerdì dal tribunale commerciale di Marsiglia in consultazione con l’AFP.

Il marchio, che ha sede a Marsiglia e che dà lavoro a circa 530 persone e conta 113 punti vendita in Francia, ha richiesto questo collocamento a inizio settimana per far fronte a “difficoltà economiche senza precedenti”.

Il tribunale commerciale di Marsiglia “annuncia il 30 marzo 2023 l’apertura di una procedura di amministrazione controllata” contro Caporal, in “sospensione dei pagamenti il ​​10 marzo 2023”, spiega la sentenza.

Quest’ultima ha inoltre aperto un periodo di monitoraggio di sei mesi con l’obiettivo di tutelare la società e consentirle di proseguire la propria attività.

Martedì, il gruppo ha spiegato in un comunicato stampa che “per molti anni la società ha affrontato esternalità imprevedibili e inarrestabili”, citando le conseguenze delle manifestazioni dei “gilet gialli”, della pandemia di Covid-19, degli “scioperi a cascata” e dello “shock inflazionistico”. “. Soprattutto a causa della guerra in Ucraina.

Sottolineando di non aver trovato un nuovo investitore in grado di rilanciare il marchio, “la società non può più permettersi di pagare da sola i propri debiti. Pertanto, la società utilizzerà uno strumento legale a disposizione delle imprese in difficoltà”, ha spiegato il gruppo.

READ  Catastrofe incombente per i viaggiatori: i piloti Ryanair in Belgio mantengono l'avviso di sciopero per il 15-16 luglio

Il marchio Kaporal è stato creato nel 2004 dalla famiglia Marsiglia, già specializzata in jeans, e ha raggiunto nel 2022 un fatturato di 99 milioni di euro.

Il settore del prêt-à-porter in Francia è stato scosso per diversi mesi da una violenta crisi, che ha portato in particolare alla liquidazione di Camaïeu nel settembre 2022 e all’arresto di Go Sport, Gap France e Kookaï all’inizio del 2023 On Il 20 febbraio il calzolaio di San Marina è stato posto in liquidazione coatta, trascinando con sé 650 dipendenti.