Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Lussemburgo: “Ho alzato il volume della TV e il mio vicino mi ha pugnalato in un occhio”.

pubblicato

A Lussemburgo“Ho alzato il volume della TV e il mio vicino mi ha pugnalato in un occhio.”

Lussemburgo – Una residente della capitale racconta di essere stata in conflitto per diversi mesi con i suoi vicini del piano di sopra, al punto da essere stata aggredita fisicamente da loro.

“Sento ogni rumore che fanno i miei vicini di sopra, anche quando chiudono il WC.” Sofia*, che vive con il marito in Lussemburgo da quasi un anno, in un “edificio degli anni '50 scarsamente isolato”, afferma di aver avuto un conflitto di vicinato con i suoi proprietari per diversi mesi, al punto da essere stata aggredita fisicamente da loro il 10 aprile.

“Erano circa le 23:45 e facevano molto rumore, quindi ho alzato il volume della TV. Poi la proprietaria è venuta al nostro pianerottolo, ha bussato alla porta e ha rotto la serratura. Poi mi ha dato un pugno occhio e mi ha rotto gli occhiali. È arrivato anche suo marito per separarmi da sua moglie e mi ha tirato i capelli.

Il dialogo è impossibile

Sophia*, che ha circa vent'anni, aggiunge che suo marito non ha potuto difenderla perché la scena è avvenuta in una “sala stretta”. Comunicando con la polizia, ha confermato che c'era stata la “rissa”, precisando di aver avvisato gli interessati della possibilità di sporgere denuncia. Sophia, che è rimasta psicologicamente traumatizzata in seguito all'incidente, racconta di non essere andata al lavoro per due giorni. Venerdì avrebbe dovuto sporgere denuncia.

Riguardo all’origine del litigio con i vicini, la residente spiega di aver cercato di risolverlo attraverso il dialogo, “inutilmente”. “Ho chiamato la polizia per la prima volta, lo scorso ottobre, ma non avevo prove che stesse accadendo tutto questo”, dice Sophia*. Un'altra volta il mio vicino lo chiamò per lamentarsi del volume della nostra musica. La terza volta sono stato io a chiamare la polizia, perché i miei vicini stavano ascoltando musica techno con bassi pesanti. Sophia* ha firmato un contratto di locazione di due anni con suo marito. Dice che vuole trasferirsi.

READ  Nel mercato delle nuove tecnologie, le batterie stanno battendo i record

“Le cause dei conflitti nei quartieri possono essere le più diverse”.

Da parte sua, la polizia afferma di non disporre di statistiche sui disordini nel quartiere. “Esiste già una categoria di 'rumore notturno', ma comprende tutti i casi, cioè anche locali in cui la musica è molto forte, persone che fanno rumore in luoghi pubblici, veicoli che fanno molto rumore, ecc. – nota il portavoce Vale anche la pena notare che nella maggior parte dei casi di controversie di vicinato e sul rumore non viene presentato alcun reclamo e spesso il problema può essere risolto immediatamente.

Poiché non registrano nemmeno le cause dei casi di litigi di quartiere, la polizia afferma di non poter rilasciare una dichiarazione generale sulla questione. “Ma è vero che le cause possono essere le più diverse”, afferma il portavoce. Organizzazioni no-profit di mediazione sociale precedentemente intervistate Di base A questo proposito ha sottolineato che l'inquinamento acustico è spesso spiegato dal rumore notturno, dall'abbaiare dei cani o addirittura dalle pompe di calore. Senza dimenticare i problemi dell’agricoltura (non rispetto del taglio di siepi, alberi, arbusti, fogliame nel giardino del vicino, ecc.).

*Il nome è stato cambiato

(ol)