Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

IMSA – Louis Deletraz vince per il WTR con Andretti nella 12 Ore di Sebring

IMSA – Louis Deletraz vince per il WTR con Andretti nella 12 Ore di Sebring

Acura interrompe il segnale indiano a Sebring. Il marchio statunitense Honda ha ottenuto il suo primo successo 24 ore su 24 in Florida, con una vittoria conquistata negli ultimi minuti da Louis Deletraz, compagno di squadra di Colton Herta e Jordan Taylor sull'ARX-06 n°40 – Wayne Taylor Racing con Andretti, autore del sorpasso decisivo su Sébastien Bourdais (Cadillac V-Series.R No. 01 – Cadillac Racing).

La neutralizzazione a scacchiera del relitto alla curva 16 a 1:20 ha consentito alla Cadillac n. 01 – Cadillac Racing e alla Acura ARX-06 n. 40 – Wayne Taylor Racing con Andretti, che ha cambiato strategia, di tornare allo stesso livello posizione in sequenza come la Porsche 963 n. 7. – Porsche Penske e due BMW M Hybrid V8 – BMW M Team RLL e approfittane in pista.

Poi inizia il duello tra Sébastien Bourdet e Louis Deletraz. Sono intervenute due neutralizzazioni, una per fermare la Ford Mustang – Proton Competition n. 55, e l'altra per naufragare alla curva n. 15 33' della scacchiera, ricompattando ogni volta il gruppo ed eliminando l'incertezza sul carburante per raggiungere il traguardo.

A dieci minuti dalla fine, la coppia di testa ricompattava le GT, con Delétraz molto aggressivo in uscita dall'ultima curva. Alla fine, cinque minuti dopo il gol, lo svizzero, compagno di squadra di Jordan Taylor e Kolton Herta, ha trovato l'occasione per regalare all'Acura la sua prima vittoria a Sebring. Il WTR torna nella massima divisione a Sebring per la prima volta dal 2017.

Bourdais, collegato da Ranger van der Zande e Scott Dixon, è arrivato secondo davanti alla Porsche 963-Penske Motorsport n. 7 di Philipp Nasr-Dane Cameron-Matt Campbell. Ci si aspettava che i 963 eccellessero nelle condizioni più fredde, ma non furono mai competitivi contro Acura e Cadillac.

READ  “A 35 anni sarò su una sedia a rotelle” - All Football

La BMW M Hybrid V8 #25 – BMW M Team RLL guidata da Conor De Filippi – Nick Yelloly – Maxime Martin è arrivata quarta davanti alla seconda Acura – WTR #10 con Andretti. Settimo posto per la Lamborghini SC63 n°63 – Lamborghini Iron Lynx di Romain Grosjean – Andrea Caldarelli – Matteo Cairoli, nella prima gara americana per la vettura italiana. In attacco e in lizza per il podio a fine gara, Julian Andlauer ha finalmente concluso ottavo sulla Porsche – Proton Competition n. 5 condivisa con Jimmy Bruni e Alessio Picariello, dopo un testacoda a fine gara.

Dopo un periodo al comando in seguito agli insuccessi della Acura ARX-06 – WTR n. 10 con Andretti, Fred Makovicky ha perso il contatto dopo una foratura sulla Porsche Penske Porsche n. 6.

Era Motorsport ha raddoppiato il vantaggio dopo Daytona, con il secondo successo consecutivo della Oreca 07 n. 18 di Conor Zelich, assistito da Dwight Merriman e Ryan Dalziel. Un'ottima gara quella del TDS Racing, che ha concluso al secondo posto con la vettura #11 di Mikkel Jensen – Hunter McElrea – Stephen Thomas, davanti alla vettura #22 – United Autosports USA guidata da Di Resta – Garg – Goldberg.

© Per gentile concessione dell'IMSA

Lexus – Vasser Sullivan, Il risveglio di un eroe

Nella GTD PRO il campione ha reagito dopo una complessa 24 Ore di Daytona. Dopo aver superato una penalità iniziale, Jack Hawksworth, Ben Barnicoat e Kyle Kirkwood hanno fatto del loro meglio per riportare la Vasser Sullivan Lexus RC F GT3 n. 14 in testa. Hawksworth ha approfittato dopo la ripartenza finale del leader Daniel Serra (Ferrari 296 GT3 n°62 – Risi Competizione) per aggiudicarsi la vittoria davanti al texano Ferrari di Serra-Rejon-Calado. Frank Pereira – Mirko Bortolotti – Jordan Pepper (Lamborghini Huracan GT3 EVO2 n°19 – Iron Lynx) beneficiano della connessione tra la Porsche 911 GT3 R n°77 – AO Racing e la Corvette Z06 GT3 R n°3 – Corvette Racing by Pratt & Miller (con penalità per Porsche) si assicurano il terzo posto sul podio.

READ  L'eptatleta americana Anna Hall sta per raggiungere i 7.000 punti e Navy Thiam segna a Gotzes!

© Per gentile concessione dell'IMSA

Dopo Daytona, Winward Racing ha vinto la 12 Ore di Sebring con la Mercedes-AMG GT3 EVO n. 57 guidata da Russell Ward, Indy Donte e Philip Ellis. Completavano il podio il terzetto Foucault – Cernagiotto – Lacorte (Ferrari n. 47 – Stellar Racing) e la Porsche n. 120 – Wright Motorsports di Adelson – Skaer – Heylin.

© Per gentile concessione dell'IMSA

L'accordo provvisorio è qui