Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il telescopio James Webb rivela i fuochi che “bruciarono” la nebbia all'alba dell'universo

Il telescopio James Webb rivela i fuochi che “bruciarono” la nebbia all'alba dell'universo

Per le prime centinaia di milioni di anni l’universo era circondato da una fitta nebbia. Allora i fari furono accesi nel cuore di questa epoca oscura. Grazie alle capacità senza precedenti del telescopio spaziale James Webb – con l'aiuto dell'effetto di lente gravitazionale – gli astronomi sono stati finalmente in grado di determinarne l'origine.

Il nostro universo non è sempre stato così radioso. Dopo la “prima esplosione” si forma una fitta nebbia di gas, principalmente idrogeno neutro. Solo poche centinaia di milioni di anni dopo si accesero le prime stelle. “Poi qualcosa si è attivato e ha iniziato a emettere fotoni ad altissima energia nel vuoto tra le galassie“, spiega Joel Lyga, professore di astronomia eAstrofisicaAstrofisica Presso la Pennsylvania State University (USA), in A dichiarazione. Queste sorgenti erano fari cosmici che bruciavano l'universo nebbianebbia Di idrogeno neutro. Erano così energici e persistenti che l'intero universo fu reionizzato. Segnando la fine di questo periodo che Scienziati di astronomiaScienziati di astronomia Chiamando i secoli bui dell'universo.

La sceneggiatura è stata scritta. Tuttavia, fino ad ora i ricercatori non sono ancora consapevoli del fatto che queste potrebbero essere le fonti che hanno svolto questo ruolo “Faro cosmico”. Ma i dati inviati dal James Webb Space Telescope (JWST) ora forniscono una risposta. Utilizzando un gigante Amanti galatticiAmanti galattici – L'ammasso Abell 2744, chiamato anche ammasso di Pandora – come una specie di lente d'ingrandimento – che i ricercatori descrivono come un effetto di lente gravitazionale – gli astronomi hanno effettivamente fatto la loro prima scoperta fantasmifantasmi Completa prima alcuni di questi LuciLuci Universo.

READ  Sony Interactive Entertainment ritira PlayStation de Russie L'Ukraine estime que mener ces actions va conduire les citoyens russes tre plus proactifs pour force l'arrt de la guerre

Il ruolo essenziale delle galassie nane nella reionizzazione dell'universo

Per capirlo, è interessante notare che alcuni hanno visto i migliori candidati nelle grandi galassie. “Fari cosmici”. Perché anche se all'inizio del nostro universo non dovessero essercene così tanti, gli astronomi hanno stimato che ciascuno di essi produrrebbe comunque abbastanza luce da reionizzare l'intero universo. Altri credono, al contrario, che il numero di galassie più piccole presenti nell'universo primordiale potrebbe essere in grado di causare la fine dei secoli bui. Questa è l'opzione che il team internazionale in questione ha scelto di esplorare.

Nella rivista naturaI ricercatori hanno innanzitutto spiegato di aver osservato che nell’universo primordiale le galassie nane erano circa 100 volte più numerose delle galassie massicce.

Qual è l'analisi degli spettri di otto delle prime deboli galassie? collettivocollettivo L'universo rivela, è che questo è chi solidosolido Candidati per ” Qualcosa “ Menzionato da Joel Leija. Perché producono circa quattro volte più luce ionizzante di quanto pensassero in precedenza gli astronomi “naturale”. Questo è importante perché gli astronomi pensavano che per reionizzare l’universo, avrebbero dovuto vedere il 20% dei fotoni sfuggire da galassie così piccole. Tuttavia, questi nuovi dati suggeriscono che solo il 5% è sufficiente. Ciò corrisponde grosso modo alla frazione di fotoni ionizzanti che sfuggono alle galassie giovani.

Un risultato che sarà confermato da nuove osservazioni

“Siamo di fronte a vere e proprie forze cosmiche che insieme emettono energia sufficiente per reionizzare l’universo in quel momento”.Hakim Ateeq, ricercatore presso l'Istituto di Astrofisica di Parigi e autore principale dello studio, osserva nel suo articolo: Comunicato stampa dell'Agenzia spaziale europea (Agenzia spaziale europeaAgenzia spaziale europea). Tuttavia, i ricercatori sottolineano che la loro ricerca non è in questo senso PortaPorta di quanto non fosse in otto galassie. Inoltre, sono tutti vicini alla stessa linea di vista.

READ  Troppi contenuti di odio su Facebook? Il nuovo feed di notizie incentrato sulla famiglia è in fase di test

Per confermare questi risultati, gli astronomi dovranno espandere il loro studio su scala più ampia. Per prima cosa assicurarsi che la regione a cui erano interessati rappresentasse effettivamente la distribuzione media delle galassie. Allora quello Galassie noveGalassie nove Sono tutti vivaci così. Nuove note sono già previste grazie Telescopio spaziale James WebbTelescopio spaziale James Webb E un altro ammasso di galassie gigante, l’ammasso Abell S1063.