Gennaio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il team del MIT vuole indagare sull’esistenza della vita su Venere

In un recente rapporto, un team del Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha presentato il piano scientifico e le motivazioni per una serie di missioni finanziate da privati ​​per cercare segni di vita nell’atmosfera di Venere. La prima di queste missioni potrebbe essere lanciata già nel 2023.

Alcuni mesi fa, gli astronomi hanno annunciato che la fosfina, possibile indicatore di vita, potrebbe trovarsi nell’atmosfera di Venere a un’altitudine di 35-50 chilometri, dove pressioni e temperature sono simili a quelle della Terra. Infine, a studia Una pubblicazione successiva ha suggerito che una possibile fosfina rilevata nell’atmosfera di Venere fosse probabilmente solo normale anidride solforosa.

Recentemente è stato pubblicato un articolo su temperamento natura È andato nella stessa direzione, sostenendo che le condizioni nelle nuvole di Venere non lo sono In nessun modo compatibile Con la vita come la conosciamo.

Nonostante questi diversi risultati, alcuni ricercatori credono ancora nell’idea che le nuvole di Venere possano ospitare diverse forme di vita microscopica.

Venus Life Finder

Nota questi studiosi Molte deviazioni chimiche inspiegabili nell’atmosfera, compreso l'”assorbitore UV sfocato” o i profili di abbondanza verticale di O2, SO2 e H2O. Evidenzia anche la presenza di ammoniaca (NH3) e ancora non esclude la presenza di fosfina (PH3).

Queste anomalie, che persistono da decenni, potrebbero essere collegate alle attività della vita nell’atmosfera di Venere o indicare una chimica sconosciuta che vale la pena esplorare, secondo i ricercatori del MIT. Con questo in mente, propongono una serie di missioni itineranti che sono finanziate da privati ​​e mirano a rispondere a queste domande: Missioni “Venus Live Finder”.

« Mentre le persone speculano sulla vita nelle nuvole di Venere da decenni, ora siamo in grado di lavorare su compiti altamente redditizi e diretti.‘Possiamo leggere in a comunicazione. « La nostra serie proposta di missioni VLF mira a studiare le particelle della nuvola di Venere e seguire dove si trovavano le missioni della sonda pionieristica nel sito quasi quattro decenni fa. Il mondo è sull’orlo di una rivoluzione nella scienza spaziale«.

READ  L'asteroide che ha causato l'estinzione dei dinosauri ha causato 700 giorni di oscurità

Dai risultati sperimentali, i ricercatori ipotizzano che la vita potrebbe svilupparsi in vescicole di lipidi resistenti agli acidi o neutralizzare l’acido solforico producendo ammoniaca, che potrebbe abbassare il pH dell’acido solforico a un livello più “accettabile”. Infine, la vita su Venere potrebbe dipendere da una biochimica in grado di tollerare l’acido solforico, diversamente da qualsiasi cosa sulla Terra.

Attestazione: JAXA

Tre missioni pianificate

Dovrebbero essere le prime missioni Lanciato nel 2023È gestito e finanziato da Rocket Lab. Il razzo Electron della compagnia invierà una nave verso Venere. Questa navicella spaziale lancerà quindi una piccola sonda che consentirà un volo di tre minuti attraverso le nuvole di Venere a una velocità di oltre 38.000 km/h. Lo scopo di questa breve discesa è analizzare un’atmosfera semplice.

Sulla base della loro ricerca, il team ha scelto uno strumento chiamato autonucleometro fluorescente. Piccolo, leggero (appena 1 kg), economico e di rapida costruzione, lo strumento è attualmente in fase di sviluppo da parte di due società. Uno, chiamato Cloud Measurement Solutions, ha sede nel New Mexico. Il secondo, chiamato Droplet Measurement Technologies, ha sede in Colorado.

Concretamente, una volta raggiunta l’atmosfera di Venere, questo strumento mirerà a sparare un laser alle particelle della nuvola, facendo illuminare o lampeggiare tutte le particelle complesse che contiene. Molte molecole organiche come il triptofano, un amminoacido, hanno in realtà proprietà fluorescenti.

Anche se questa missione potrebbe fornirci dati interessanti sull’atmosfera del pianeta, probabilmente lo farà Non abbastanza per rilevare i segni della vita reale. SQualunque siano queste scoperte, il prossimo compito è Già programmato per il 2026. Questa volta, ciò potrebbe comportare l’invio di un carico utile più grande con un pallone in grado di dedicare più tempo a tirare su Venere per esperimenti più approfonditi.

Infine, i risultati di questa missione potrebbero aprire la strada al culmine di questo straordinario progetto: riportare sulla Terra un campione dell’atmosfera di Venere.

READ  12 miliardi di anni fa, c'era già acqua nell'universo!