Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il settore sanitario ha protestato, martedì, contro la vaccinazione obbligatoria e ha chiesto mezzi

I sindacati del settore sanitario, il Fronte unito, hanno invitato i loro affiliati a manifestare questo martedì alle 10:30 a Bruxelles. L’incontro è previsto in Place de la Chapelle e fa parte di una campagna di misure attuate dagli operatori sanitari dal 26 novembre.

I sindacati sanitari denunciano il divieto ai dipendenti di questo settore di continuare a lavorare senza essere vaccinati contro il Covid-19. Chiedono anche più risorse per questo settore.

Mobilitazione contro i divieti occupazionali per i caregiver non vaccinati

Non c’è dubbio che i sindacati del personale infermieristico stiano denunciando la vaccinazione. “Siamo convinti che la vaccinazione sia stata e rimanga, insieme ad altre misure, uno strumento efficace nella lotta all’epidemia”, Possiamo leggere nel volantino che chiede una manifestazione martedì? ma, “Non è il personale infermieristico che inquina la popolazione”, Le gilde continuano a pensarla così “Il rispetto delle regole di prevenzione è sempre al centro della loro attività”.

Per loro, la quarta ondata del coronavirus si spiega con l’aggressività della variabile delta e con Ritorno alla società e alla vita sociale senza adeguate misure precauzionali.

In questo contesto, i sindacati del personale infermieristico hanno denunciato il disegno di legge del governo sulla vaccinazione degli operatori sanitari. Stanno criticando questo disegno di legge per aver imposto un divieto professionale completo, impedendo ai caregiver di operare ovunque. Per i sindacati dei caregiver, il disegno di legge è discriminatorio, in quanto crea una distinzione tra caregiver e non caregiver.

Il rischio di una maggiore carenza di personale infermieristico è maggiore del rischio di contagiare i pazienti?

Rischia soprattutto di esacerbare la carenza di personale nel settore. “È irresponsabile mettersi in gioco, anche se solo il 5% dei dipendenti non è stato vaccinato”, Spiega Eve Hellendorf, segretaria nazionale del comitato “non profit” del Cne. Il pericolo è che domani, se la terza dose è obbligatoria, può darsi che il 10% del personale non sia in campo, mentre oggi siamo già in fase di chiusura dei reparti, non per il Covid ma perché del fatto che non abbiamo abbastanza personale”, Aggiunge Yves Hellendorf, che invita il mondo politico a prenderne coscienza.

READ  Un vaccino antinfluenzale universale potrebbe vedere la luce nel 2024

I sindacati hanno anche denunciato il fatto che il governo non si sia consultato con i sindacati del settore sanitario prima di imporre la vaccinazione, pena la sanzione degli operatori sanitari.

Per i sindacati, il beneficio della vaccinazione degli operatori sanitari non avrebbe molto peso nella bilancia. “Riteniamo che il valore aggiunto di un impegno per la vaccinazione sia meno importante del rischio che assumiamo agli ospedali o ai servizi sanitari (assistenza domiciliare e case di cura) a causa della stigmatizzazione di questo tipo di lavoratori e che vi sia un rischio maggiore di questi operatori sanitari in fuga verso altre occupazioni”, conferma Eve Hellendorf.

Da parte sindacale, vorremmo anche che le autorità fornissero cifre per determinare i rischi di contaminazione che il personale infermieristico può entrare in contatto con i pazienti. Secondo i sindacati, il problema riguarda più le risorse degli operatori sanitari che le vaccinazioni. “Quando fa l’infermiera notturna da sola e ha pazienti Covid e non Covid nel suo reparto, l’importante non è che sia stata vaccinata. L’importante è sapere perché siamo nella stessa unità per Covid e non. -Pazienti Covid con un infermiere” Eve Hellendorf si rammarica.

Mancanza di risorse nonostante le promesse

Questo esempio fa eco alle richieste dei sindacati di maggiori risorse. Il nocciolo del problema, per i sindacati del personale infermieristico, è soprattutto la mancanza di risorse, soprattutto negli ospedali.

C’era già il camice bianco, negoziato a giugno 2020, e votato in Parlamento circa un anno dopo, a maggio 2021. Si tratta qui di una cifra annua di 420 milioni di euro. In dettaglio, 354 milioni di euro dovrebbero essere stanziati per migliorare l’occupazione nel settore dell’assistenza e 48 milioni di euro per promuovere l’assistenza domiciliare indipendente. Si prevede inoltre che il fondo 2021 sarà utilizzato in via prioritaria per consentire il finanziamento del suo equivalente a tempo pieno Supplemento per unità di cura o per funzione ospedaliera.

READ  Tempeste e basse temperature venerdì 24 giugno 2022?

►►► Di fronte alla quarta ondata del Corona virus, lo sfinimento del personale infermieristico: “Mi sono svegliato di notte urlando”


e ancora, “Parliamo dei circa 500 milioni di euro che sono stati stanziati per l’attrattività di questa malattia, ma anche 100 milioni di euro che non sono stati spesi finora e che permetterebbero di migliorare le condizioni di lavoro dei dipendenti e di conciliare vita familiare e vita professionale “, Eve Hellendorf spiega. In concreto, però, gli effetti di queste misure tardano a manifestarsi sul campo. “Sono mesi che cerchiamo di discutere con i governi. Abbiamo un incontro ogni due mesi, due mesi e mezzo. Tra un incontro e l’altro non succede nulla. Non ha priorità su quello”, Il funzionario sindacale denuncia.

Informazioni sulla newsletter

Ricevi le principali notizie ogni mattina.