Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il primo giorno di Ramadan a Gaza sotto i bombardamenti israeliani: notizie

Il primo giorno di Ramadan a Gaza sotto i bombardamenti israeliani: notizie

Lunedì gli abitanti di Gaza hanno assistito al primo giorno del Ramadan in una regione bombardata dall'esercito israeliano e colpita dalla carestia senza alcuna tregua in vista dopo cinque mesi di devastante guerra tra Israele e il movimento palestinese di Hamas.

Mentre la maggior parte del mondo islamico entrava nel mese sacro del digiuno, molti residenti dei territori palestinesi si sono resi conto dei raid israeliani su Gaza City nel nord e su Khan Yunis e Rafah nel sud. Lunedì il Ministero della Sanità di Hamas ha contato 67 morti in 2018. 24 ore.

“Preferirei che gli aerei mi bombardassero e mi uccidessero piuttosto che continuare a vivere in questo modo. Non è la vita!” dice disperato Zaki Hussein Abu Mansour. Questo sfollato, che vive in una tenda temporanea a Rafah, ha detto all'AFP che ha solo poche verdure per nutrire la sua famiglia.

“Il tempo stringe. La popolazione affamata di Gaza non può più aspettare”, ha avvertito Cindy McCain, capo del Programma alimentare mondiale.

Secondo il Ministero della Sanità del Movimento Islamico, 25 persone, tra cui 21 bambini, sono morte di malnutrizione e disidratazione negli ospedali di Gaza dall'inizio della guerra.

Ciò è il risultato di un attacco senza precedenti effettuato il 7 ottobre da commando di Hamas che si sono infiltrati da Gaza nel sud di Israele, uccidendo almeno 1.160 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un conteggio dell'Agence France-Presse basato su fonti ufficiali israeliane. .

Lo stesso giorno circa 250 persone furono rapite e portate a Gaza. Secondo Israele ci sono ancora 130 ostaggi, 31 dei quali sono morti.

READ  La Corea del Nord lancia due nuovi missili, incolpa gli Stati Uniti

In risposta, Israele ha promesso di annientare Hamas, che aveva preso il potere a Gaza nel 2007. Il suo esercito ha immediatamente lanciato una campagna di bombardamenti aerei su questa zona ristretta, seguita venti giorni dopo da un attacco di terra che ha ucciso 31.112 persone. La maggior parte di loro sono civili, secondo il Ministero della Salute di Hamas.

-La barca è pronta a partire-

“Questa non è la vita che avremmo dovuto vivere”, grida Zaki Hussein Abu Mansour, un sessantenne più volte sfollato a causa dei combattimenti prima di arrivare a Rafah. “Non possiamo più sopportare la caccia per il cibo e vivere questa vita è insopportabile”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è detto “sconcertato dalla continuazione del conflitto a Gaza durante il mese sacro del Ramadan”, chiedendo il rilascio degli ostaggi.

Una nave della ONG spagnola Open Arms carica di 200 tonnellate di cibo attende di lasciare Cipro, parte del corridoio marittimo che l'Unione Europea e paesi come gli Stati Uniti e gli Emirati Arabi Uniti vogliono istituire.

Lunedì il governo cipriota ha dichiarato che “il programma sta procedendo come previsto e la barca partirà presto” dal porto di Larnaca, a circa 370 chilometri dalla costa di Gaza.

World Central Kitchen, coinvolta nell'organizzazione dell'operazione, “non ha mai annunciato una data di partenza. Quindi siamo nei tempi previsti. Annunceremo la partenza quando avverrà”, ha confermato il famoso chef ispano-americano José Andrés, fondatore della ONG. X.

Sabato anche una nave militare americana ha lasciato gli Stati Uniti trasportando le attrezzature necessarie per costruire un molo per scaricare le spedizioni di aiuti, cosa che potrebbe richiedere fino a 60 giorni.

READ  Terrore a Vienna: venerdì cinque donne sono state uccise, di cui tre in un bordello

Ma le Nazioni Unite, che temono una carestia diffusa nella regione che conta 2,4 milioni di abitanti e che è assediata da Israele dal 9 ottobre, confermano che l'invio di aiuti via mare e lanci aerei da parte di diversi paesi, divenuti quotidiani negli ultimi giorni , Non può sostituire la terra. strada.

– 'Li prenderemo tutti' –

Gli aiuti internazionali, controllati da Israele, affluiscono solo alla devastata Striscia di Gaza, dove i bisogni sono enormi.

Arriva principalmente dall'Egitto via Rafah, una città bloccata al confine egiziano chiuso, dove, secondo le Nazioni Unite, sono radunati quasi 1,5 milioni di palestinesi, la maggior parte dei quali sfollati.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ribadito lunedì la sua intenzione di sconfiggere Hamas, nonostante gli avvertimenti internazionali contro il lancio di un attacco di terra su Rafah.

“Siamo sulla strada verso la vittoria completa”, ha sottolineato in un videomessaggio, sottolineando che l'esercito “ha già eliminato il quarto uomo di Hamas”, senza specificarne l'identità.

“Li prenderemo tutti”, ha detto, parlando di altri leader del movimento palestinese che Israele, Stati Uniti e Unione Europea considerano un'organizzazione terroristica.

Lunedì l'esercito ha annunciato un attacco aereo nella notte tra sabato e domenica contro il secondo uomo dell'ala militare di Hamas, Marwan Issa, nel centro della Striscia di Gaza, senza poter determinare se sia stato ucciso.

Nonostante le nuove discussioni avvenute all’inizio di marzo al Cairo, gli Stati Uniti, il Qatar e l’Egitto, i tre paesi mediatori, non sono riusciti a raggiungere un accordo di tregua accompagnato dal rilascio degli ostaggi.

Hamas chiede un cessate il fuoco definitivo e il ritiro delle forze israeliane prima di qualsiasi accordo.

READ  Festa di Downing Street in custodia: Boris Johnson offre le sue 'scuse'

Questo è ciò che Israele rifiuta. I media hanno riferito che Israele voleva un elenco specifico dei nomi degli ostaggi ancora vivi, ma Hamas ha detto di non sapere chi tra loro fosse “vivo o morto”.

Il clima estremamente teso derivante dalla guerra a Gaza ha fatto temere violenze a Gerusalemme Est, il settore occupato da Israele dove si trova il cortile della moschea. Decine di migliaia di credenti si recano ogni anno durante il Ramadan in questo terzo luogo più sacro dell'Islam.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha confermato che Israele rispetterà la libertà di culto nella moschea di Al-Aqsa, ma ha avvertito che il suo Paese è “pronto” a rispondere a qualsiasi trasgressione.

“Diciamo a tutti: non cercateci. Siamo pronti. Non commettete errori”.