Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il nuovo telefono Huawei utilizza più parti e chip di memoria prodotti in Cina

Il nuovo telefono Huawei utilizza più parti e chip di memoria prodotti in Cina

Gli ultimi telefoni di fascia alta di Huawei utilizzano più fornitori cinesi, tra cui un nuovo chip di memoria flash e un processore aggiornato, secondo uno smontaggio, che riflette il progresso della Cina verso l’autosufficienza tecnologica.

La società di riparazioni online iFixit e la società di consulenza TechSearch International hanno esaminato l’interno del Pura 70 Pro di Huawei Technologies per Reuters. Hanno trovato una memory stick NAND che secondo loro è stata probabilmente confezionata dal modulo HiSilicon interno del produttore cinese di apparecchiature per le telecomunicazioni, insieme a molti altri componenti realizzati da fornitori cinesi.

Questi risultati non sono stati riportati in precedenza.

La ricomparsa di Huawei nel mercato degli smartphone di fascia alta dopo quattro anni di sanzioni statunitensi è ampiamente seguita dai rivali e dai politici statunitensi, poiché è diventata un simbolo dei crescenti attriti commerciali tra Stati Uniti e Cina e del desiderio della Cina di diventare autosufficiente dal punto di vista tecnologico. .

Le aziende hanno anche scoperto che i telefoni Pura 70 funzionano con un chipset avanzato prodotto da Huawei, chiamato Kirin 9010, che probabilmente è solo una versione leggermente migliorata del chipset avanzato prodotto in Cina utilizzato dalla serie Mate 60 di Huawei.

“Anche se non possiamo fornire una percentuale specifica, diciamo che l’uso di componenti locali è elevato, sicuramente superiore a quello del Mate 60”, ha affermato Shahram Mokhtari, il tecnico capo di iFixit responsabile dello smontaggio.

“Si tratta di autosufficienza, tutto ciò che vedi quando apri uno smartphone e vedi che tutto è prodotto da produttori cinesi, si tratta di autosufficienza”, ha detto Mokhtari.

READ  Sappiamo (quasi) tutto prima che vengano rilasciati

Huawei non ha voluto commentare.

Huawei ha lanciato i quattro modelli di smartphone Pura 70 alla fine di aprile e la serie è andata esaurita rapidamente. Gli analisti affermano che Huawei probabilmente guadagnerà quote di mercato dal produttore di iPhone Apple, mentre i politici di Washington mettono in dubbio l’efficacia delle restrizioni statunitensi sulle apparecchiature di comunicazione del colosso tecnologico.

Chip di memoria flash prodotto in Cina

Precedenti analisi del Mate 60, lanciato nell’agosto dello scorso anno, da parte di società di smontaggio come TechInsights, hanno rivelato che il telefono utilizza chip DRAM e NAND prodotti dalla società sudcoreana SK Hynix. All’epoca SK Hynix dichiarò che non avrebbe più fatto affari con Huawei e gli analisti affermarono che probabilmente i chip provenivano da azioni.

Il Pura 70 ha ancora un chip DRAM prodotto da SK Hynix, iFixit e TechSearch, ma il chip di memoria flash NAND questa volta è probabilmente confezionato dal modulo HiSilicon di Huawei ed è costituito da die NAND da 1 TB ciascuno. Questa capacità è paragonabile a quella dei prodotti dei principali produttori di memorie flash come SK Hynix, Kioxia e Micron.

Hanno aggiunto che le due società non sono state in grado di identificare con certezza il produttore del chip perché i segni sul die NAND non erano familiari. Ma iFixit ha aggiunto che ritiene che HiSilicon possa aver prodotto anche il controller di memoria.

“Durante il processo di smontaggio, il nostro esperto di identificazione dei chip ha identificato uno specifico chip HiSilicon”, ha affermato Mokhtari.

SK Hynix ha ribadito di “aver rispettato rigorosamente le politiche pertinenti sin dall’annuncio delle restrizioni su Huawei, e da allora ha sospeso tutte le transazioni con la società”.

READ  Offerta di lavoro Level Designer 2D - Losanna (Svizzera)

Miglioramenti incrementali

L’analisi di IFixit e TechSearch del processore utilizzato dal Pura 70 Pro indica anche che Huawei è riuscita solo gradualmente a migliorare la sua capacità di produrre un chip avanzato con partner cinesi nei mesi successivi al lancio della serie Mate 60.

Hanno affermato che il processore è simile a quello utilizzato nella serie Mate 60 prodotta per Huawei da Semiconductor Manufacturing International Corp (SMIC) utilizzando il processo di produzione a 7 nm N+2 del fondatore cinese.

“Questo è importante perché la notizia del 9000S sul nodo da 7 nm ha causato una certa costernazione l’anno scorso quando i legislatori statunitensi si sono trovati di fronte alla possibilità che le sanzioni sui produttori di chip cinesi non avrebbero rallentato il loro progresso tecnologico,” ha affermato iFixit.

“Il fatto che il 9010 sia ancora un processore da 7 nm, e che sia così vicino al 9000S, potrebbe indicare che la produzione cinese di chip ha effettivamente rallentato.”

Tuttavia, mette in guardia dal sottovalutare Huawei, affermando che si prevede che SMIC passerà a un nodo di produzione a 5 nm entro la fine dell’anno.

SMIC non ha risposto a una richiesta di commento.