Gennaio 24, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ministro dell’Economia e del Lavoro, Pierre-Yves Dermann, ha respinto la richiesta del sindacato

Lunedì sera, il ministro dell’Economia e del Lavoro, Pierre-Yves Dermann, ha respinto la richiesta della Federal Reserve di toccare l’ancoraggio automatizzato dei salari per contrastare l’aumento dell’inflazione.

Non ci sono dubbi sul toccare l’indicizzazione automatica in un momento in cui molte famiglie faticano a pagare le bollette di luce e gas.

Per me, non si può parlare di indicizzazione automatica in un momento in cui molte famiglie hanno difficoltà a pagare le bollette di luce e gas.Il vice primo ministro B. S.

Stava rispondendo a una chiamata di FEB che chiedeva se”Il Belgio, con una piccola economia aperta, è ancora in grado, come unico e ultimo paese europeo (ad eccezione di Lussemburgo e Malta), di mantenere un sistema generalizzato di indicatori salariali automatici“.


►►► Leggi anche: I datori di lavoro chiedono misure per contrastare l’inflazione e garantire la competitività delle imprese


Esiste un accordo sia in seno al Consiglio europeo che al Parlamento europeo per dare ai sistemi di indicizzazione automatica un posto nella ricerca di un salario minimo adeguato a livello europeo. Pertanto, l’importanza di questo aspetto è riconosciuta anche a livello europeo.‘, ha osservato Pierre-Yves Derman.

Il ministro assicura che l’inflazione sia attentamente monitorata dallo Statbel and Planning Office belga e che durante l’ultima riunione di bilancio sono state adottate misure per mitigare l’aumento dei prezzi dell’energia.

Per lui, l’indice salariale automatico non solo protegge il potere d’acquisto di lavoratori, pensionati e beneficiari di sussidi, ma è importante anche per le imprese”.Perché garantisce la conservazione dei consumi“.

READ  Valori USA da non perdere a Wall Street (aggiornati)