Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il lato nascosto del celebre dj belga, fondatore del gruppo Benny B, Daddy K: “Ho cantato al Forest National con Claude François”

Il lato nascosto del celebre dj belga, fondatore del gruppo Benny B, Daddy K: “Ho cantato al Forest National con Claude François”

DJ Daddy K è un marchio di danza e fiducia. Tra un viaggio e l’altro siamo riusciti a beccarlo negli studi di SIS, la famosa stazione FM degli anni ’80, rinata su Internet. Dubai (dove vive con la moglie Nikki Sanchez, anche lei dj), gli anni folli, Bruxelles, la sua paternità (anche… suo nonno), il suo invecchiamento. sulla strada per La grande intervista Da uno dei migliori DJ in nero, giallo e rosso.

Chi ti chiama ancora “Alain Deprost”?

“I miei amici su Facebook (ride). E anche per strada. La storia di Benny B ha toccato le persone. Sono diventato un po’ come il fratello maggiore o il padre che non avevano.”

Papà Ki è diverso da Alan?

“Sono complementari. Alan ha una vita privata che non vuole condividere durante gli spettacoli di Daddy K. Alan ha i suoi problemi come tutti gli altri ma non è qui per lamentarsi perché Daddy K vuole intrattenere le persone e dimenticare le loro preoccupazioni.”

Famoso in tutto il mondo e molto presente sui tuoi social, sei orgoglioso delle tue radici. Cosa ti resta di Molenbeek?

“La mia infanzia, la mia giovinezza, è un periodo di incoscienza. Oggi siamo adulti e abbiamo delle responsabilità. Anche se non vivo più lì (lui vive a Dubai), ho la fortuna eccezionale di aver ricevuto due volte il Molenbeek Star Award e di ricevere due volte il Molenbeek Star Award. Nome Nella strada in cui sono cresciuto.

DJ Daddy K ammette: “Dopo 20 anni lascio Radio Contact!”

Questo non rende Molenbeek un po’ idealista?

“Il quartiere in cui sono cresciuto, intorno a Boulevard Metue, non è cambiato. Vengo da una famiglia umile. Ho preso il mio skateboard, sono andato a comprare un Pif Gadget dal mio libraio e ho indossato un costume da Spider-Man per scalare la passeggiata del vicino Questi sono ricordi.” Ricordo ancora l’11 marzo 1978 stavo giocando a pallone nella rotonda e mia madre aprì la finestra per gridare che Claude François era morto. “Tutta la famiglia era una fan.”

“Non rinnego Molenbeek. È tutta la mia infanzia, la mia giovinezza. Sono orgoglioso di associare il mio nome alla strada in cui ho vissuto.”

La cosa ancora migliore è che il piccolo Alan, il futuro DJ Daddy K, è effettivamente salito sul palco con il cantante.

È stata la mia prima foresta nazionale (ride). Avevo 8 anni. “Il telefono piange”, chiede Claude agli spettatori che vogliono cantare con lui. Mia madre mi portava sulle sue spalle. Il mio taglio di capelli in quel periodo era simile a quello dei suoi figli Mark e Coco, e fui scelta. Claude Francois rimane il miglior artista: canta e balla. Guarda come le persone si muovono ad Alessandria Alexandra.

Bruxelles? Forse no! © Papà K – Twitter

Qual è il tuo lavoro dei sogni?

READ  Stefan Byrne: “Nonostante molti fattori danneggino la sua immagine, Federico di Danimarca sarà un re molto popolare”.

“Creatore di caricature. Mi sono divertito a imitare Captain Flam, Ulysses 31 e Goldorak di cui sono un grande fan. Ho una collezione di cui alcuni pezzi sono stati esposti alla Goldrake Experience a Parigi, in Arabia Saudita,… fin dall’infanzia, ma anche alcuni realizzati da fan e artisti. Ho robot alti diversi metri. Quando ho iniziato a grattare, è stato nel disco Goldorak che è nata la canzone “Do you talk Martien”. Sono un bambino che non ha mai voluto crescere “Cerco di condividere la mia passione come l’hip-hop, che non credeva nella domenica, che dopo 50 anni si è trasformato in un movimento globale.”

DJ Daddy K e sua moglie Niki Sanchez nel loro elemento preferito: davanti a una folla di persone che ballano
DJ Daddy K e sua moglie Niki Sanchez nel loro elemento preferito: davanti a una folla danzante ©DR

Pensi che Benny B, con la sua musica e anche il suo messaggio positivo, abbia avuto un impatto sui giovani?

“Non avremmo mai immaginato che il nostro amore per la breakdance e lo scratch avrebbe portato al primo disco d’oro del rap francese. Quando incontro le persone, hanno nostalgia di quell’epoca. A parte le vendite e lo stile musicale che potrebbero non piacerci, ci siamo ispirati giovani. Una star come Soprano ha iniziato a rappare grazie a noi”.

Foto di Ennio Camerer: Benny B, il cui vero nome è Abdelhamid Gharbaoui, è nato a Molenbeek-Saint-Jean l'11 dicembre 1968. È un rapper e b-boy belga.  Per estensione, il nome Benny B si riferisce anche al trio che formò con Perfect e Daddy K. Vendette tre milioni di dischi, vinse tre dischi d'oro, DJ Daddy K, e riformarono il gruppo (Ennio Cameriere).
Il trio 100% nero, giallo e rosso Daddy K, Benny B e Perfect (qui ai SIS Studios) è entrato in scena all’inizio degli anni ’90. Ma sei pazzo? Oh si! © Ennio Camereri

Pensavi di poter andare avanti?

“Non ci siamo posti questa domanda. Non poteva durare 20 anni. Eppure, trentacinque anni dopo, stavo rilasciando un’intervista per parlare dei miei concerti. Abbiamo avuto un momento di follia. Poi c’è stato il cadere. “Fa male quando guardi dall’alto. Quando uno dei tre volò via, gli altri lo riportarono sulla Terra. “Ho avuto la fortuna di continuare la mia carriera da solista.”

“Sono un grande fan e collezionista di Goldrake.”

Hai sempre vissuto di musica?

“Guadagnavamo soldi ma ne davamo tanti allo Stato. Non avevamo la mentalità delle formiche. Eravamo tre ragazzi di strada che da un giorno all’altro potevano fare di tutto per mantenersi. Eravamo accolti ovunque. ” Come i re. È abbastanza per confonderti quando sei giovane. Abbiamo tenuto la testa sulle spalle ma abbiamo speso. Il mio unico lusso era una Mazda MX-5. Con il mio primo assegno per royalties di Sapam sono corso da un “commerciante”. Con il passare degli anni il reddito diminuisce e devi adattare il tuo stile di vita. Come libero professionista, so che in certi momenti guadagnerò un buon reddito nella mia vita dell’anno e meno negli altri periodi.Ho fondato la mia azienda nel 1992. È sempre la stessa cosa.

Nell’era di Benny B guadagnavo un sacco di soldi. Hai un conto bancario completo?

Abbiamo guadagnato soldi ma ne abbiamo dati tanti allo Stato. Non eravamo nello stato d’animo delle formiche. Eravamo tre bambini di strada, capaci di sopportare tutto da un giorno all’altro. Siamo stati accolti ovunque come dei re. C’è qualcosa su cui essere confusi quando sei giovane. Abbiamo tenuto la testa sulle spalle ma abbiamo speso. Il mio unico lusso era una Mazda MX-5. Con il mio primo assegno di incasso della Sabam, sono corsa in concessionaria. Con il passare degli anni il reddito diminuisce e bisogna adattare il proprio stile di vita. Come libero professionista, so che posso guadagnarmi da vivere bene in certi periodi dell’anno e meno in altri. Ho fondato la mia azienda nel 1992. Sta ancora andando alla grande.

“Con il mio primo assegno royalty, ho comprato una Mazada MX-5 in contanti.”

QuintoNon sei ricco?

READ  Il proprietario di un ristorante disgustato rivela il metodo utilizzato da un cliente per ottenere un rimborso: "Quando ho visto le foto..."

“Non sono milionario ma non mi lamento. Se smettessi di lavorare sarei per strada. Non ho soldi da parte e non sono bravo a gestire. Appena vedo un pezzo di carta, sono stupido.”

Tuttavia, vivi a Dubai.

“Per una qualità della vita 10 volte superiore. Non tutto è glamour. Ovviamente puoi mangiare la tua bistecca d’oro tutti i giorni da Nusret. Io faccio acquisti da Carrefour. Puoi vivere bene e sicuro lì. Nessun furto, nessuna aggressione e nessun crimine. Gli affitti sono estremamente convenienti.”

"Vivo a Dubai perché la qualità della vita lì è dieci volte migliore che in Belgio.  Mi sento al sicuro lì.
“Vivo a Dubai perché la qualità della vita lì è dieci volte superiore che in Belgio. Lì mi sento al sicuro. ©DR

Anche questa è una opzione fiscale?

“Beh, no… Certo, non ci sono tasse, ma ogni anno devi pagare il rinnovo della tua azienda, il visto… Quando sarai super ricco, probabilmente andrai in esilio a Dubai. Quando sarai super ricco, probabilmente andrai in esilio a Dubai. guadagnare 100.000 euro all’anno come me “È la calma e la tolleranza che vuoi avere. Contrariamente alla credenza popolare, esiste una vera tolleranza. Tutte le parti hanno il diritto di appartenenza. Dopotutto ci sono gli alberi di Natale. Possiamo dire che Dubai è falsa e “prefabbricato”. “Dimentichiamo che questa città esiste solo da 50 anni e che sta costruendo la storia”.

DJ Daddy K: “Volevo festeggiare l’occasione venendo all’NRJ”

La sua prossima grande collezione? La vera serata 80+90 nell’Atto 3 a Braine-l’Alleud il 2 dicembre

Torniamo a Il lato nascosto di Alain Deprost.

Sei un padre e anche un nonno

“Ho due figli grandi, Anthony e Nathan. Il primo è manager presso Trademarkt e il secondo sta ancora studiando. Mio nipote si chiama Evan. Forse avrebbero voluto diventare un rapper o un DJ, ma quando sei un figlio di genitori, te ne vai con una disabilità. Mia moglie, Nikki Sanchez, ha preso “Anche una DJ, 10 anni per farsi un nome. Oggi suona a Tomorrowland, ma ha dovuto lottare. Non volevo questo per i miei bambini.”

READ  Quale città è rappresentata dietro la Gioconda? Lo storico dà un nuovo indizio

In estate a volte si hanno 3, 4 o 5 sere di seguito. È sostenibile a 55 anni?

“Non si tratta di fare sempre la stessa cosa. Il pubblico non viene per vedere il DJ ma per guardare uno spettacolo. Io non sono Patrick Bruel. La cosa importante non sono le canzoni ma il modo in cui le porto. Una sfida che dura da un’ora a un’ora e 30 minuti senza perdere persone, soprattutto perché in questo caso devo rivolgermi a un pubblico più vasto. Questo va dall’hip-hop all’YMCA all’elettronica. Devo lavorare perché sono rimuovendo tutte le cose “nuove” per concentrarci sulla vecchia scuola. Voglio coinvolgere il pubblico in una storia e creare slancio. Non ci sono dubbi sul fatto di addormentarli terminando con “Freed from Desire” di Gala. So cosa mi piace perché questa è la mia generazione. Dai nuovi ragazzi del quartiere alla “tribù Dana”. Negli anni ’80 e ’90 era un numero di successi dance. Ce ne sono così tanti tra cui scegliere.”

“Non bevo, non fumo, non mi drogo, ma sto invecchiando.”

Il vostro prossimo grande set avrà luogo sabato 2 dicembre all’Acte 3 di Braine-l’Alleud nell’ambito di “La Vraie Soirée 80 + 90”. Come ti prepari?

Non si tratta di fare sempre la stessa cosa. Il pubblico non viene a vedere un DJ ma uno spettacolo. Non sono Patrick Bruel. L’importante non è il taglio ma come lo preparo. È una sfida passare da un’ora a un’ora e 30 minuti senza perdere persone, soprattutto perché in questo caso devo rivolgermi a un pubblico più ampio. Si va dall’hip-hop all’YMCA all’elettronica. Devo lavorare perché sto rimuovendo tutte le cose nuove per concentrarmi sulla vecchia scuola. Voglio coinvolgere il pubblico nella storia e creare slancio. Sull’addormentarli non c’è dubbio e termina con “Freed from Desire” dei Gala. So cosa vuol dire sentirsi bene perché questa è la mia generazione. Dai nuovi ragazzi del quartiere alla “tribù Dana”. Negli anni ’80 e ’90 la danza era un successo. Hai delle opzioni.

DJ Daddy K sarà il protagonista di Vraie Soirée 80 + 90 il 2 dicembre all'Acet 3 di Braine-l'Alleud
DJ Daddy K sarà il protagonista della Vraie Soirée 80 + 90 il 2 dicembre all’Acet 3 di Braine-l’Alleud ©DR

DJ Daddy K, fan di Claude Francois, cosa ascolta in macchina?

“Tout! Al lavoro.”

Claude Lellouche, ospite del Grand Entretien DH: “La morte? Per me è l’inizio delle vacanze”Anne Gruys, ospite del Grand Entretien DH: “Tutta la sofferenza che Olivier Vandecastelle ha dovuto affrontare per arrivare lì, è stato intelligente?” Amir, il nostro intervistatore ospite: “Potremmo avere meno potere dei politici, ma la gente ci ascolta”.