Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il G7 attuerà “urgentemente” il tetto ai prezzi del petrolio russo


“Il tetto massimo dei prezzi sarà fissato a un livello basato su una serie di dati tecnici e sarà determinato dall’intera alleanza prima della sua attuazione”, hanno scritto i sette paesi nella dichiarazione, assicurando che i prezzi futuri “saranno annunciati pubblicamente in modo chiaro e in modo trasparente”.

La decisione, che deve essere attuata “urgentemente” secondo la dichiarazione del G7, è stata presa nel corso di un vertice virtuale dei ministri delle finanze dei sette paesi più industrializzati (Stati Uniti, Germania, Francia, Regno Unito, Canada e Giappone).

“La Russia sta beneficiando economicamente dell’incertezza associata alla guerra sui mercati energetici”, ha detto alla stampa il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner dopo l’incontro.

“La Russia sta attualmente realizzando alti profitti dall’esportazione di materie prime come il petrolio e vogliamo opporci fermamente”, ha affermato.

Il G7 ha spiegato nella sua dichiarazione che “il tetto dei prezzi è specificamente progettato per ridurre le entrate della Russia e la sua capacità di finanziare la sua guerra di aggressione, riducendo al contempo l’impatto della guerra russa sul mondo”, in particolare le entrate delle “nazioni deboli”.

Concretamente, la Russia venderà il suo petrolio a questi paesi a un prezzo inferiore a quello a cui lo vende oggi, ma rimarrà al di sopra del prezzo di produzione, quindi ha un interesse economico a continuare a venderglielo, e così per non interrompere le loro spedizioni.

READ  Auto elettriche: le prime 20 vendite a maggio 2022, Fiat aumenta di 500

La sfida è mobilitare il maggior numero possibile di paesi perché il tetto dei prezzi funzionerà solo se saranno coinvolti tutti i principali paesi acquirenti, hanno sottolineato gli esperti, rilevando in particolare il ruolo di Cina e India.

A tal fine, il G7 invita “tutti i paesi a esprimere il proprio parere sulla progettazione del tetto dei prezzi e sull’attuazione di questa importante misura”, al fine di creare una “ampia coalizione” per massimizzare l’effetto di tale misura.

I leader dei paesi del G7, su iniziativa di Washington, hanno avviato a fine giugno i lavori con l’obiettivo di sviluppare i complessi meccanismi di questa copertura, che dovrebbe basarsi sul divieto alle compagnie assicurative e ai riassicuratori di coprire il trasporto marittimo di olio.