Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il dialogo con chi dorme sognante è ora possibile

Il dialogo con chi dorme sognante è ora possibile

Nel film inizioPer Christopher Nolan, il personaggio principale è in grado di infiltrarsi nei sogni degli altri e persino di influenzarne il contenuto. E se questa fantasia non fosse così lontana dalla realtà?

Il nostro lavoro suggerisce che è possibile interagire con i volontari mentre dormono, o anche parlare con loro, in determinati momenti appropriati. Spiegazioni.

La scienza dei sogni: una disciplina difficile

Se a volte ci svegliamo con ricordi vividi delle nostre avventure notturne, accade, al contrario, che al mattino prevalga l’impressione di una notte senza sogni, come se il tempo fosse scomparso.

In effetti, se ricordiamo in mediaDa uno a tre sogni a settimanaNon siamo tutti uguali quando si tratta di ricordare i nostri sogni. Pertanto, le persone che affermano di non sognare mai rappresentano circa il 2,7-6,5% della popolazione. Spesso però queste persone hanno già sognato in passato, ad esempio quando erano bambini. Molto bassa la percentuale di persone che affermano di non aver mai sognato in tutta la loro vita: 0,38%.

Ricordare i sogni dipende da molti fattori come il sesso (le donne ricordano i sogni più frequentemente) o l’interesse per i sogni, nonché il modo in cui vengono raccolti i sogni (tenendo un “diario dei sogni”). sogni”, oppure registrandoli su un registratore vocale, per esempio).

A causa della loro natura privata e fugace, i sogni sono difficili da catturare per gli scienziati. Certamente oggi, grazie alle conoscenze maturate nel campo delle neuroscienze, è possibile, analizzando l’attività cerebrale, il tono muscolare e i movimenti oculari di un individuo, classificare il suo stato di vigilanza.

Pertanto, gli scienziati possono determinare se una persona dorme e in quale fase del sonno: sonno in fase, sonno leggero a onde lente, sonno profondo a onde lente o sonno paradossale.

Ma queste misurazioni fisiologiche non ci permettono di sapere se il dormiente sta sognando (i sogni possono verificarsi in tutte le fasi del sonno), per non parlare di cosa sta sognando… I ricercatori di solito non possono accedere all’esperienza del sogno in questo momento e nello stesso momento che viene sperimentato.In cui.

Sono quindi costretti ad affidarsi al resoconto onirico raccolto dopo la battaglia – al momento del risveglio – senza garantire che tale racconto corrisponda a quanto accaduto nella testa del dormiente.

Determinare ciò che una persona sogna durante il sonno rimane fuori dalla portata degli scienziati… -Michael Calgin/Unsplash

Inoltre, per capire cosa succede nel cervello durante i sogni – e a cosa servono – dovremo essere in grado di confrontare l’attività cerebrale durante i momenti in cui si verificano i sogni con quelli in cui sono assenti. Pertanto, determinare con precisione quando si verificano i sogni è essenziale per il progresso nella scienza dei sogni.

READ  Gli squali se la cavarono meglio di altre specie nell'affrontare la quinta grande estinzione di massa

Per raggiungere questo obiettivo, la situazione ideale sarebbe quella di poter comunicare con i dormienti. impossibile? Non per tutti: è qui che entrano in gioco i sognatori lucidi.

Sogni lucidi: una chiave per aprire la porta ai sogni

La maggior parte di noi si rende conto di aver sognato solo quando ci svegliamo. I sognatori “lucidi” hanno la capacità unica di percepire un sogno, anche mentre dormono nella fase REM, un periodo del sonno in cui l’attività cerebrale è più vicina al sogno e alla veglia.

Ancora più sorprendente: i sognatori lucidi a volte possono esercitare un controllo parziale sui dettagli della storia dei loro sogni! Possono quindi volare via, far apparire o scomparire le persone, cambiare il tempo, trasformarsi in animali… in breve, le possibilità sono infinite.

Tali sogni lucidi possono verificarsi spontaneamente oppure essere stimolati da un allenamento specifico. L’esistenza dei sogni lucidi è nota fin dall’antichità, ma è stata a lungo considerata esoterica e non degna di esplorazione scientifica.

I sognatori lucidi a volte possono esercitare un controllo parziale sui dettagli della storia dei loro sogni.
I sognatori lucidi a volte possono esercitare un controllo parziale su come si svolge la storia dei loro sogni – 51581 / Pixabay

Questa visione delle cose è cambiata grazie ad A Esperienza intelligente Creati dallo psicologo Keith Hearn e dallo psicofisiologo Stephen LaBerge negli anni ’80, questi due ricercatori hanno cercato di dimostrare scientificamente che i sognatori lucidi in realtà dormono quando si rendono conto che stanno sognando.

Basandosi sull’osservazione che il sonno paradossale è caratterizzato da rapidi movimenti oculari con gli occhi chiusi (da qui il nome “rapid eye movement sleep” in inglese), si sono posti la seguente domanda: è possibile utilizzare questa funzione per indurre il dormiente a svegliati? Inviare un “telegramma” al mondo circostante dal suo sogno?

Hearn e Laberge hanno arruolato dei sognatori lucidi per cercare di ottenere una risposta. Prima di andare a dormire hanno concordato quale telegramma inviare: i partecipanti avrebbero dovuto compiere movimenti oculari specifici, come spostare lo sguardo da sinistra a destra per tre volte, quando si fossero resi conto che stavano sognando. E mentre loro erano oggettivamente nella fase REM, lo stesso valeva per i sognatori lucidi!

Grazie a questo codice di comunicazione, i ricercatori possono ora rilevare i momenti onirici in tempo reale. Questo lavoro ha aperto la strada a molte ricerche in cui i sognatori lucidi agiscono come agenti infiltrati nel mondo dei sogni, eseguendo compiti (ad es. Trattenete il respiro in un sogno) e i loro riferimenti agli sperimentatori utilizzando il simbolo dell’occhio.

READ  Le operazioni scientifiche di Hubble sono state temporaneamente sospese

Attualmente è possibile combinare tali esperimenti con tecniche di imaging cerebrale per studiare le regioni del cervello utilizzate durante il sogno lucido. Ciò rappresenta un enorme progresso nella ricerca per comprendere meglio i sogni e il loro meccanismo di formazione.

Nel 2021, a quasi 40 anni dal lavoro pionieristico di Hearn e Laberge, uno studio condotto dal nostro team, in collaborazione con ricercatori di tutto il mondo, permette di andare ancora oltre.

Dalla fantasia alla realtà: un dialogo con il sognatore

Sapevamo già che i sognatori lucidi erano in grado di trasmettere informazioni dai loro sogni. Ma possono averlo anche loro? In altre parole, è possibile comunicare con un sognatore lucido?

Per scoprirlo, abbiamo esposto il sognatore lucido a stimoli tattili durante il sonno. Abbiamo anche posto domande chiuse, come “Ti piace il cioccolato?” »

Quest’ultimo è stato in grado di rispondere sorridendo per significare “sì” e accigliandosi per significare “no”. Inoltre, come parte di questo lavoro, ai sognatori lucidi venivano presentate oralmente semplici equazioni matematiche. Sono stati in grado di fornire risposte appropriate durante il sonno.

Durante il sonno, i sognatori non solo sono consapevoli di sognare, ma possono anche influenzare il contenuto dei loro sogni
Durante il sonno, i sognatori lucidi non solo sono consapevoli di sognare, ma possono anche influenzare il contenuto dei loro sogni – Sergey Nevins / Shutterstock

Ovviamente non sempre i sognatori lucidi hanno risposto, anzi. Ma il fatto che a volte possano farlo (18% dei casi nel nostro studio) ha aperto la porta alla comunicazione tra sperimentatori e sognatori.

Tuttavia, i sogni lucidi rimangono un fenomeno raro, e anche i sognatori lucidi non sono sempre lucidi o durante il sonno REM. Il portale di comunicazione che abbiamo aperto era limitato solo al sonno REM “chiaro”? Per determinarlo, abbiamo fatto qualcosa di nuovo.

Ampliamento del portale di comunicazione

Per scoprire se possiamo comunicare allo stesso modo con qualsiasi persona addormentata, indipendentemente dalla fase del sonno, abbiamo condotto esperimenti con volontari che sognavano lucidi senza disturbi del sonno, nonché con persone affette da narcolessia. È associato a questa malattia, caratterizzata da frequenti addormentamenti (il più delle volte durante il sonno paradossale). Maggiore tendenza ai sogni lucidi.

Durante questo nuova esperienza, abbiamo presentato verbalmente ai partecipanti parole trovate (ad esempio, “pizza”) e parole nuove (ad esempio, “dizza”) durante il sonno. Abbiamo chiesto loro di sorridere o accigliarsi a seconda del tipo di parola (inventata o meno).

Non sorprende che le persone affette da narcolessia siano state in grado di rispondere quando erano lucide durante il sonno REM, confermando i nostri risultati del 2021.

READ  Oltre ai suoi problemi di salute "è stato minato da un'indagine giudiziaria di 10 anni..."

Ma ancora più sorprendente è il fatto che entrambi i gruppi di partecipanti sono stati in grado di rispondere ai nostri stimoli verbali anche nella maggior parte delle fasi del sonno, anche in assenza di sogni lucidi! I volontari sono stati in grado di rispondere in modo intermittente, come se finestre di comunicazione con il mondo esterno si aprissero temporaneamente in questi momenti specifici.

Siamo stati anche in grado di determinare quale combinazione di attività cerebrale favoriva momenti di apertura verso il mondo esterno: analizzando l’attività cerebrale dei dormienti prima che venissero presentati gli stimoli, siamo stati in grado di prevedere se ci avrebbero risposto o meno. NO.

Perché esistono tali finestre di contatto con il mondo esterno? Possiamo supporre che il cervello si sia evoluto in un contesto in cui durante il sonno era necessaria un’elaborazione cognitiva minima: possiamo ad esempio immaginare che i nostri antenati dovessero rimanere attenti agli stimoli esterni quando dormivano, nel caso in cui si avvicinasse un predatore.

Nello stesso contesto, sappiamo che il cervello della madre reagisce preferenzialmente al pianto del bambino durante il sonno…

I nostri risultati indicano che ora è possibile “parlare” con qualsiasi persona che dorme, indipendentemente dalla fase del sonno in cui si trova. Migliorando i marcatori cerebrali che predicono i momenti di contatto con il mondo esterno, in futuro dovrebbe essere possibile migliorare i protocolli di comunicazione.

Questo progresso apre la strada al dialogo in tempo reale con i dormienti, offrendo ai ricercatori l’opportunità di esplorare i segreti dei sogni mentre si verificano.

Ma se il confine tra fantascienza e realtà è labile, state tranquilli: i neuroscienziati sono ancora lontani dal sapere come decodificare il contenuto dei nostri sogni. Quindi puoi continuare a sognare in modo binaurale!

Questo articolo è stato prodotto da The Conversation e ospitato da 20 Minutes.