Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ottenere informazioni sui social network aumenta i comportamenti medici a rischio

Ottenere informazioni sui social network aumenta i comportamenti medici a rischio

Uno studio della Fondazione Descartes, pubblicato giovedì 23 novembre, identifica numericamente la relazione tra i canali di informazione, conoscenza e opere mediche dei francesi.

Chi di noi non ha affermato con sicurezza che il cioccolato fondente può curare gravi disturbi psicologici come la depressione? Questa affermazione è… falsa. Tuttavia, il 51,3% dei francesi è “completamente” o “abbastanza” d’accordo con questa idea. Tuttavia questa disinformazione circola sui social network, da Facebook a X, passando per Instagram, WhatsApp o TikTok. Nel corso di un anno, la Fondazione Descartes, nata nel 2019 per combattere la disinformazione, ha condotto uno studio su 4.000 adulti in rappresentanza della popolazione della capitale francese, per misurare l’impatto delle informazioni mediche fuorvianti sul comportamento dei cittadini.

Il risultato di questo L’indagine è stata pubblicata giovedìÈ chiaro che i francesi che accedono alle notizie mediche, soprattutto attraverso i social network, hanno un’alfabetizzazione sanitaria inferiore rispetto al resto della popolazione e mostrano comportamenti medici più rischiosi. “Mi aspettavo che avremmo visto il collegamento. Mi aspettavo che i social media non sarebbero stati dalla parte dei buoni, perché su questi canali circola più disinformazione.”L. spiega Figaro Laurent Cordonnier, sociologo e direttore della ricerca presso la Fondazione Cartesio. È qui che il rapporto tra cose false e reali è più forte.

Esitazione vaccinale e COVID-19

Pertanto, circa il 12% dei francesi ha abbandonato le cure mediche a favore di cure alternative (osteoterapia, agopuntura, riflessologia, magnetismo, ecc.). Due intervistati su dieci affermano di aver già rifiutato un vaccino (ad eccezione del coronavirus) per sé e/o per i propri figli. “In media, questi comportamenti rischiosi per la salute vengono adottati da persone che dimostrano un livello inferiore di alfabetizzazione sanitaria rispetto al resto della popolazione”., rileva l’indagine. E chi aggiunge: Queste stesse persone “Hanno riferito di essere più interessati alle notizie sulla salute rispetto agli altri partecipanti”.. Ma ottengono le loro informazioni principalmente attraverso i social media, YouTube e la messaggistica istantanea.

READ  Salute: DMS Imaging apre il suo nuovo stabilimento a Gard

Allo stesso modo, il 13,7% degli intervistati ha dichiarato di aver rifiutato un vaccino contro il COVID-19. Se questa categoria ha “Meno interesse rispetto al resto della popolazione per i temi sanitari e minore frequenza di informazione sulle notizie mediche”Utilizza i social network, YouTube e la messaggistica istantanea più frequentemente di altri. Ciò che questi tre gruppi di persone hanno in comune è la sfiducia nei confronti della comunità medica e scientifica, delle istituzioni e del governo. Tuttavia, Laurent Cordonnier sottolinea che l’esitazione vaccinale non è emersa con il Covid-19. “Il lavoro su questo fenomeno risale alla pandemia di influenza H1-N1 nel 2009. Prima di allora, era quasi inesistente”.. “Ma d’altra parte, Il sociologo aggiunge L’incidente Covid ha riattivato questo fenomeno.

Il medico è la principale fonte di informazioni

L’informazione sanitaria è un argomento di interesse per i francesi. Secondo lo studio, il 42,5% dei partecipanti afferma di essere “molto” o “estremamente” interessato alle informazioni e alle notizie mediche. Ma il primo paradosso è che solo il 13% riceve quotidianamente informazioni su questo argomento, contro il 70% di notizie generaliste. La fascia di età con le migliori conoscenze è quella dei 65 anni e più, mentre le persone di età compresa tra 25-34 e 35-49 hanno i risultati peggiori. Le persone di età compresa tra 18 e 24 anni sono nella media.

Per gli intervistati (40%) la principale fonte di informazioni sui problemi di salute resta il medico. Seguono i media generalisti (28%) e i siti specializzati (21%). Ma, “Sebbene i media pubblici costituiscano per i francesi il principale canale pubblico di informazione sanitaria, i francesi hanno solo una moderata fiducia su questo argomento”.. Di conseguenza, i social media ricevono relativamente meno attenzione come canale di informazione sulla salute, con il 14% degli intervistati che afferma di andare su Facebook “molto spesso” e “spesso” per seguire notizie mediche. Poi arrivano YouTube, Instagram, TikTok, X, WhatsApp e Telegram.

READ  Domanda scientifica. Perché le api sono brave in matematica

Quindi, dice lo studio, “Più i partecipanti si informavano regolarmente parlando con il proprio medico o attraverso i media pubblici, migliore era in media la loro alfabetizzazione sanitaria”.. A differenza di coloro che utilizzano spesso i social network, il cui indice di alfabetizzazione sanitaria è basso. Inoltre, osserva Laurent Cordonnier, “L’alfabetizzazione sanitaria dei partecipanti in media è inferiore perché è stato dimostrato che sono sensibili ai trattamenti alternativi e alle credenze New Age [un mélange personnel de croyances d’origines diverses, NDLR] “E il paranormale”. Quanto più i francesi sono sensibili a queste convinzioni, tanto più sono sensibili alle sirene delle cure alternative.

“Genera preoccupazione per la salute pubblica”

Lo studio rileva che quest’ultimo è molto popolare in Francia, ma non è esente da rischi “Soprattutto quando vengono visti e utilizzati come alternative alla medicina convenzionale”.. secondo L’indagine è stata condotta nell’aprile 2023 da Odoxa Secondo la Missione ministeriale di vigilanza e di lotta contro le violazioni comunali (Miviludes), l’89% dei francesi ha già utilizzato almeno un trattamento alternativo per curarsi. “I francesi hanno ancora fiducia nella scienza, ma la vedono in modo più ambiguo. Forse c’è un vuoto spirituale che deve essere riempito e le persone scaveranno nella spiritualità New Age, cercando di trovare significato ed equilibrio. Per quanto riguarda le cure alternative, esse sono strettamente correlate, perché non rappresentano solo un’offerta di cure, ma un intero mondo di credenze. L’interesse per le terapie alternative trova la sua origine anche in Mancanza di cure. Quando non hai un medico disponibile, perché non andare da un magnetista disponibile?decodifica il sociologo.

Secondo Laurent Cordonnier, “C’è qualcosa di centrale in gioco nelle convinzioni sulla salute. Le credenze esoteriche, come le terapie alternative, stanno diventando sempre più importanti in Francia. Le vendite di libri nel settore esoterico sono aumentate tra il 2019 e il 2022 da 41 milioni a 66 milioni di euro.. UN “Genera preoccupazione per la salute pubblica”E avverte.

READ  Ginevra Salute: “I papillomavirus non minacciano solo le ragazze”