Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il CSC ha riscontrato favoritismi da parte della FGTB e GSK è stata giudicata colpevole di discriminazione

Il CSC ha riscontrato favoritismi da parte della FGTB e GSK è stata giudicata colpevole di discriminazione

Abbiamo riportato di recente: Il CSC ha chiesto al Tribunale del lavoro del Brabante Vallone di dimostrare la discriminazione basata sulle convinzioni sindacali a scapito dei suoi attivisti all’interno della GSK, la potente azienda farmaceutica che possiede tre principali siti di aziende produttrici di vaccini (Wavre, Rixensart e Gembloux). Che impiega complessivamente 8.000 lavoratori.

Dalle elezioni sociali del 2020 la FGTB vanta un’ampia maggioranza: nove delegati dei sindacati dei dipendenti pubblici e dei lavoratori contro un delegato della Commissione della funzione pubblica.

Come spiegato davanti al giudice capo Mariela Foret, le parti in causa si sono trovate d’accordo sulla descrizione del clima di tensione ma non sono d’accordo sulle sue cause. GSK attribuisce questo al conflitto di fondo tra CSC e FGTB.

GlaxoSmithKline investe 250 milioni di dollari per congelare ed essiccare i vaccini in Wafer: “Perché siamo bravi”, dice Alexander De Croo

Il CSC denuncia il favoritismo accordato alla FGTB e deplora il fatto che l’azienda tenga riunioni separate con i delegati sindacali. Essa ritiene che la GSK tratti le richieste FGTB in modo più favorevole e ritenga quindi che sussista una discriminazione.

L’arbitro è appena caduto. Il tribunale ha esaminato le prove presentate dalla Commissione della funzione pubblica e da essa individuate nel corso delle discussioni. Si è soffermato sul principio dell’unicità della delegazione sindacale all’interno dell’azienda. Accettando di tenere riunioni separate su richiesta del sindacato di maggioranza, GSK sta minando il suo impegno alla neutralità nei confronti delle due delegazioni sindacali.

Il fatto che la GlaxoSmithKline tenga riunioni separate non può che destare sospetti. Questo processo irregolare non può che avere un impatto negativo sulle filiali di CSC.

READ  "È un peccato, ma dobbiamo smetterla di dare soldi allo Stato", "Ogni euro conta!"

Impegno per la neutralità

La sentenza indica anche che GSK sta cercando di giustificare lo svolgimento di riunioni separate a causa di un alterco avvenuto presumibilmente nel 2012, cioè più di undici anni fa! – Rappresentanti del CSC e della FGTB, uno dei quali ha gettato una tazza d’acqua sulla testa dell’altro.

Abbondante – Rixensart: “L’obiettivo di GlaxoSmithKline è far sparire CSC.”

Il Tribunale ha rilevato la mancanza di elementi oggettivi e precisi che impedissero l’organizzazione di incontri tra rappresentanti di GSK, CSC e FGTB.

Agendo in questo modo, GSK non solo viene meno al suo impegno di neutralità, ma si schiera anche dalla parte di una delle due organizzazioni sindacali. In tal modo, costituisce una discriminazione contro i delegati sindacali e gli attivisti della Commissione per il servizio civile. Pertanto, la GlaxoSmithKline ha ignorato la regola dell’unicità della delegazione sindacale.

L’arbitro esamina quindi la questione dell’offerta che preoccupa il CSC. Quest’ultimo aveva pubblicato un documento in cui apparivano, accompagnati da foto a sostegno, i suoi delegati sindacali e quattordici attivisti senza autorizzazione. La reazione di GSK è stata quella di ritenere che queste etichette contenessero “Dati falsi e fuorvianti “Questi manifesti sono stati strappati.

Secondo la corte, la richiesta della GSK di rimuovere le etichette contestate costituisce una discriminazione sulla base delle convinzioni sindacali.

In conclusione, ha sottolineato l’esistenza di comportamenti discriminatori da parte della GlaxoSmithKline. Dice che alle riunioni della delegazione sindacale devono partecipare tutte le componenti. Ordina a GSK di smettere di impedire agli affiliati CSC di fornire i propri dati di contatto e foto sui volantini e sui manifesti sindacali.

READ  La futura MX-5 o RX-8? Mazda ci sta già facendo desiderare con questa coupé...

Aneddoticamente, notiamo che la GSK è stata condannata alle spese (€ 1.824). Se le ingiunzioni non verranno rispettate la società pagherà una multa di 250 euro per ogni fatto osservato.